`L'Associazione degli Esportatori di Creta rifiuta il Nutri-Score - Olive Oil Times

L'Associazione degli Esportatori di Creta rifiuta Nutri-Score

Giu. 12, 2021
Costas Vasilopoulos

Notizie recenti

L'Associazione degli Esportatori di Creta (EAC) ha annunciato che si oppone punteggio Nutri, che rimane il precursore per diventare il sistema universale FOPL (front-of-pack-labeling) dell'Unione europea entro il 2022.

EAC, che rappresenta gli esportatori cretesi di vari settori dell'isola, tra cui l'agricoltura, l'industria manifatturiera, l'arte popolare e l'industria alimentare, ha analizzato i motivi per cui considerano Nutri-Score "fuorviante per i consumatori” e un sistema di etichettatura alimentare inadatto per diversi prodotti alimentari cretesi.

L'olio extra vergine di oliva non merita niente di meno che la categoria più alta su qualsiasi sistema FOPL che verrà selezionato.- Kalabokis Alkiviadis e Karpadakis Emmanouil, presidente e vicepresidente, EAC

"L'algoritmo di Nutri-Score valuta solo una parte di ogni profilo nutrizionale e solo i seguenti elementi: valore energetico, grassi totali, grassi saturi, zucchero, sale, proteine ​​e quantità di fibre”, Kalabokis Alkiviadis e Karpadakis Emmanouil, presidente dell'EAC e vicepresidente, ha scritto in a lettera inviato a Olive Oil Times.

Vedi anche: Aggiornamenti Nutri-Score

"Non tiene conto della qualità complessiva di ogni prodotto o ingrediente alimentare (naturale o chimico), né del consumo giornaliero consigliato né dell'eventuale presenza di ingredienti salutari come vitamine, biofenoli, antiossidanti, grassi monoinsaturi”, hanno aggiunto.

"Il risultato è che, invece di presentare preziose informazioni ai consumatori per una dieta più sana, Nutri-Score li allontana dai prodotti totalmente naturali o mono ingrediente a favore degli alimenti trasformati che possono facilmente adeguare le loro ricette per ottenere un punteggio più alto nell'algoritmo, ma non necessariamente diventano più sani", hanno continuato Alkiviadis ed Emmanouil.

L'EAC ha citato il 'C' gialla assegnata all'olio extra vergine di oliva come uno degli esempi concreti del perché l'associazione si oppone al Nutri-Score. La lettera è stata cofirmata dall'Associazione degli imbottigliatori di olio d'oliva di Creta, dall'Associazione dei frantoiani di Heraklion e dall'Associazione dei frantoiani di Chania.

"L'olio extra vergine di oliva, un prodotto naturale e monoingrediente dal valore salutistico scientificamente provato e ingrediente base del mondo riconosciuto Dieta mediterranea, è classificato nella categoria C, mentre altri alimenti trasformati e bevande analcoliche appaiono più salutari e in una categoria superiore (B o A)”, hanno scritto Alkiviadis ed Emmanouil.

L'EAC ha anche avvertito di "conseguenze catastrofiche sia per i produttori che per i consumatori” se Nutri-Score è selezionato nella sua forma attuale e ha chiesto che l'olio d'oliva sia esentato dal Nutri-Score o da qualsiasi altro sistema di etichettatura alimentare paneuropeo.

"L'olio extra vergine di oliva non merita niente di meno che la categoria più alta su qualsiasi sistema FOPL che verrà selezionato ", hanno scritto Alkiviadis ed Emmanouil. "Oltre all'olio d'oliva, la nostra richiesta si estende a prodotti completamente naturali o mono ingrediente (miele ecc.), oppure proponiamo di essere esclusi da qualsiasi sistema FOPL”.

Assegnazione di Nutri-Score del 'La C' gialla per l'olio d'oliva ha anche suscitato critiche da parte di agricoltori e produttori negli altri due principali paesi produttori europei: Italia e Spagna.

Tuttavia, i sostenitori di Nutri-Score sostengono che l'olio extra vergine di oliva ha ricevuto il punteggio più alto possibile per grassi e oli. I suoi sostenitori sostengono che i gradi Nutri-Score sono pensati per essere usati comparativamente tra articoli di un singolo gruppo alimentare invece che tra articoli di diversi gruppi alimentari.

"Nutri-Score non penalizza in alcun modo l'olio d'oliva ", ha detto Pilar Galan, membro anziano del team di ricerca sull'epidemiologia nutrizionale presso l'Università della Sorbona Paris Nord. Olive Oil Times in una Intervista di febbraio 2021.

"L'olio d'oliva è classificato C, che è il punteggio migliore per i grassi aggiunti, il condimento o la cottura e persino gli oli vegetali ", ha aggiunto. "Questa classifica è pienamente coerente con le raccomandazioni sulla salute pubblica. In Spagna, come altrove, [quelle raccomandazioni] non suggeriscono il consumo di olio d'oliva senza limiti".

"Se i consumatori vogliono scegliere una bottiglia di olio, grazie all'etichetta Nutri-Score posta sui prodotti del supermercato, vedranno facilmente che l'olio d'oliva è la migliore classifica rispetto ad altri oli ", ha concluso.

Tuttavia, due commissioni del Parlamento europeo hanno ha chiesto alla Commissione europea esentare i prodotti alimentari con un solo ingrediente da qualsiasi sistema universale FOPL adottato dal sindacato.


pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti