`Prezzi elevati accusati del calo delle esportazioni spagnole - Olive Oil Times

Prezzi elevati accusati del calo delle esportazioni spagnole

Novembre 16, 2021
Daniel Dawson

Notizie recenti

risorgente prezzi dell'olio d'oliva in Spagna sono stati una benedizione per i produttori, ma alcuni funzionari avvertono che l'aumento dei prezzi all'origine sta danneggiando gli esportatori.

L'Associazione spagnola di esportazione, industria e commercio di olio d'oliva (Asoliva) ha avvertito che questi prezzi elevati, che sono quasi raddoppiati dopo aver toccato un punto basso nel giugno 2020, stanno distorcendo i mercati esteri. Alcune di queste distorsioni hanno determinato una diminuzione delle esportazioni.

I prezzi all'origine sono aumentati del 70% in Spagna. Poiché questo aumento viene trasferito alle vendite internazionali, le esportazioni diminuiscono.- Rafael Pico Lapuente, direttore esecutivo, Asoliva

L'annuncio di Asoliva è arrivato sulla scia dei nuovi dati pubblicati dal Dipartimento delle dogane spagnolo e dall'Agenzia per l'informazione e il controllo alimentare (AICA), che mostrano che le esportazioni di olio d'oliva sfuso sono diminuite del 18% da maggio a settembre 2021, rispetto allo stesso periodo del 2020 Inoltre, anche le esportazioni di olio d'oliva in bottiglia sono diminuite del cinque percento nello stesso periodo.

Vedi anche: Notizie commerciali sull'olio d'oliva

Il calo arriva dopo il valore delle esportazioni di olio d'oliva da Andalusia; – la più grande regione produttrice di olio d'oliva del mondo con un ampio margine – cresciuto del 22 percento nel primo semestre del 2021, rispetto allo stesso periodo del 2020.

"I prezzi all'origine sono aumentati del 70% in Spagna", ha detto Rafael Pico Lapuente, direttore esecutivo di Asoliva. Olive Oil Times. "Poiché questo aumento viene trasferito alle vendite internazionali, le esportazioni diminuiscono".

Sebbene non vi sia un accordo esatto sul prezzo minimo richiesto per produrre con profitto i loro oli d'oliva, i produttori hanno a lungo affermato che i prezzi medi degli ultimi tre anni sono stati troppo basso.

Sincronizzazione dei dal Consiglio oleicolo internazionale mostrano che i prezzi a settembre sono finiti a 313 euro per 100 chilogrammi di olio extra vergine di oliva, 298 euro per 100 chilogrammi di olio d'oliva vergine e 295 euro per 100 chilogrammi di olio d'oliva raffinato.

Pico Lapuente ha indicato che questi prezzi all'origine si stanno rivelando insostenibili. Ha affermato che l'aumento del prezzo all'origine sta riducendo la competitività del settore delle esportazioni spagnolo, che è un'importante fonte di reddito per i produttori.

Nell'annata agricola 2019/20, l'ultima per la quale era disponibile un set di dati completo, la Spagna ha esportato quasi 1.1 milioni di tonnellate di olio d'oliva.

Vedi anche: Le esportazioni europee di olio d'oliva dovrebbero recuperare con l'aumento dei costi

"La questione non è banale perché le esportazioni rappresentano il 75% di tutto ciò che viene prodotto in Spagna", ha detto Pico Lapuente ad Agro Popular.

Tuttavia, c'è un periodo di ritardo tra il punto in cui i prezzi per i produttori aumentano e gli esportatori iniziano a vedere rendimenti inferiori.

"A livello globale, il calo delle esportazioni non è stato ancora maggiore perché i primi due trimestri della campagna sono stati molto positivi e forse perché in questo tipo di operazioni, in molte occasioni, vengono utilizzati contratti annuali o contratti a prezzo fisso a stagione", Pico Lapuente disse.

"Ma poiché il nuovo costo del petrolio ha già iniziato a riflettersi, le vendite al mercato estero hanno iniziato a risentirne notevolmente", ha aggiunto.

Tuttavia, la tensione causata dai prezzi elevati sugli esportatori potrebbe essere alleviata più avanti nella stagione. Se la raccolti eccezionali previsti in alcune parti del bacino del Mediterraneo, la produzione supererà ancora una volta la domanda e i prezzi potrebbero tornare a scendere.

Lontano dai prezzi alla produzione, Pico Lapuente ha concluso che il settore delle esportazioni deve investire di più in "campagne di promozione che stimolano il consumo di oli di oliva rispetto ad altri oli vegetali” per rimanere competitivi nel mercato globale.





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti