Le esportazioni europee di olio d'oliva dovrebbero recuperare con l'aumento dei costi

Le ultime proiezioni a breve termine mostrano una crescita contenuta delle esportazioni e una produzione stabile. Mentre i prezzi dell'olio d'oliva sono aumentati l'anno scorso, così sono aumentati i costi di produzione.

New York
Ottobre 20, 2021
Di Paolo DeAndreis
New York

Notizie recenti

I produttori di olio d'oliva nell'Unione europea dovrebbero prepararsi ad alcuni alti e bassi nella nuova campagna agricola 2020/21, secondo il Prospettive a breve termine dell'UE per i mercati agricoli.

Si prevede che la produzione nel blocco raggiungerà 2.1 milioni di tonnellate nell'annata agricola in corso, paragonabile ai raccolti della stagione precedente. È probabile che anche le esportazioni siano simili ai volumi dell'anno precedente.

Tuttavia, il rapporto ha avvertito che gli agricoltori dovrebbero essere preparati all'aumento dei costi operativi. Le crescenti pressioni inflazionistiche nell'UE hanno determinato un forte aumento dei costi energetici, delle materie prime e di spedizione. Un esempio lampante è quello dei fertilizzanti, i cui prezzi sono aumentati del 77 percento nell'ultimo anno.

Vedi anche: Notizie commerciali sull'olio d'oliva

In termini di esportazioni, l'UE prevede di vedere "crescita modesta ma sopra la media" dall'attuale campagna agricola, in gran parte alimentata da aumento del commercio con la Cina e gli Stati Uniti.

Da ottobre 2020 a giugno 2021, le esportazioni sono aumentate del -% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. Le esportazioni negli Stati Uniti sono aumentate del -%, un valore inferiore a quanto originariamente previsto, con un rallentamento dei volumi scambiati negli ultimi tre mesi.

"Ciò potrebbe essere dovuto a costi di trasporto più elevati, qualche incertezza su quando rappresaglia le tariffe verrebbero alzate, così come le opportunità di mercato perse da alcuni esportatori a causa di tali tariffe", afferma il rapporto, riferendosi al lungo disaccordo tra Stati Uniti e UE sui sussidi forniti ai rispettivi produttori di aeromobili, Boeing e Airbus.

Tuttavia, c'è ottimismo sul fatto che le esportazioni verso il terzo consumatore mondiale di olio d'oliva riprenderanno e le esportazioni complessive continueranno a crescere.

"Il rifornimento in alcune destinazioni di esportazione e la riapertura dei servizi di ristorazione dovrebbero contribuire a un aumento delle esportazioni, mentre il consumo dell'UE potrebbe diminuire a causa di disponibilità inferiori e prezzi superiori alla media", afferma il rapporto.

Altre destinazioni di esportazione hanno visto diminuzioni rilevanti a causa delle grandi scorte di olio d'oliva, della lenta ripresa del settore della ristorazione e aumento dei prezzi dell'olio d'oliva.

"Pertanto, le esportazioni di olio d'oliva dell'UE 2020/21 potrebbero rimanere le stesse della campagna precedente [820,000 tonnellate]", afferma il rapporto.

business-europe-produzione-europea-export-di-olio-d'oliva-previsto-recupero-di-costi-in-aumento-tempi-di-oliva

Prospettive a breve termine dell'UE

Se le relazioni commerciali dovessero migliorare, le esportazioni 2021/22 potrebbero raggiungere le 860,000 tonnellate e i produttori europei potrebbero riconquistare quote di mercato. Raggiungere quei livelli, però, dipenderà anche dalla capacità dei produttori di olio d'oliva di fare breccia in Asia, dove cresce il mercato dell'olio d'oliva.

Le proiezioni delle prospettive a breve termine dell'UE hanno anche mostrato che i prezzi dell'olio extra vergine di oliva nel blocco sono cresciuti del quattro percento nell'ultimo anno. Ciò potrebbe incidere sui consumi all'interno dei principali paesi produttori dell'UE.

"Le importazioni sono in forte calo con disponibilità inferiori nei paesi non UE verso la fine della campagna", afferma il rapporto. "Le importazioni potrebbero raggiungere le 160,000 tonnellate", ovvero il 40% in meno rispetto alla stagione precedente.

Tuttavia, dato un contesto di prezzi positivo e un raccolto eccezionale previsto in Tunisia - fino a tonnellate 240,000 - gli esperti dell'UE suggeriscono che le importazioni di olio d'oliva nel 2021/22 potrebbero salire a tonnellate 200,000.

Visti i dati sull'export e la crescita del tre per cento in UE consumo di olio d'oliva stimato dal rapporto, le scorte finali potrebbero essere leggermente al di sopra del totale previsto di 470,000 tonnellate, ancora del 13% al di sotto della media mobile quinquennale.

Il rapporto si è anche concentrato sui danni causati alla produzione dal clima imprevedibile, che ha colpito i maggiori paesi produttori di olio d'oliva del blocco, e ha evidenziato la crescente importanza dell'irrigazione,

"Un raccolto annuale inizialmente previsto in Italia che collaborano con noi, attingono direttamente dalla storia e dalla tradizione veneziana Grecia è stato ostacolato da un'estate calda e secca", afferma il rapporto. "Molti coltivatori hanno sofferto di stress idrico, che si è rivelato critico soprattutto nei sistemi di produzione non irrigui. Ciò potrebbe comportare rendimenti inferiori”.

"In Spagna, si prevede una produzione media, mentre in Portogallo la produzione potrebbe aumentare del 50 percento", aggiunge il rapporto. "Le disponibilità iniziali dell'UE sarebbero quindi inferiori del -% rispetto all'ultima campagna".

Durante la presentazione del rapporto, Tassos Haniotis, direttore della strategia agricola, della semplificazione e dell'analisi delle politiche della Commissione europea, ha avvertito che "entriamo in un'altra fase di turbolenza del mercato, compresi i fattori legati all'aumento della volatilità meteorologica [e] a cambiamento climatico. "


pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti