I più grandi consorzi di formaggi DOP italiani uniti per opporsi a Nutri-Score

I cda dei consorzi del Parmigiano Reggiano e del Grana Padano DOP hanno detto che entrambi rifiutano Nutri-Score. L'etichetta affronta anche nuove sfide in Spagna.
Giu. 20, 2021
Paolo DeAndreis

Notizie recenti

Per la prima volta nella loro storia, le organizzazioni dietro due specialità casearie italiane tradizionali rivali, Parmigiano Reggiano e Grana Padano, hanno tenuto una riunione congiunta del consiglio.

All'incontro, i due consorzi dietro il massiccio Denominazione d'origine protetta-formaggi protetti hanno detto che lavoreranno insieme per opporsi all'adozione di punteggio Nutri come sistema ufficiale di etichettatura alimentare front-of-pack (FOPL) d'Italia e d'Europa.

I formaggi vengono penalizzati perché contengono grassi, ma non si tiene conto dei tanti contenuti nutrizionali strategici che offrono.- Consorzi Grana Padano e Parmigiano Reggiano DOP, 

Hanno anche deciso che gli operatori delle rispettive catene alimentari vedranno annullate le loro autorizzazioni qualora aggiungessero Nutri-Score o sistemi simili alle etichette sui due tipi di formaggio.

"Le qualità nutrizionali del Grana Padano e del Parmigiano Reggiano li rendono due dei prodotti alimentari DOP più amati dai consumatori”, Renato Zaghini, presidente del Consorzio Grana Padano DOP.

Vedi anche: L'Associazione degli Esportatori di Creta rifiuta Nutri-Score

"Nutri-Score nega le raccomandazioni più consolidate e aggiornate condivise dai nutrizionisti di tutto il mondo, dove il giusto equilibrio tra qualità e quantità è la chiave per un'alimentazione sana a qualsiasi età", ha aggiunto.

L'algoritmo Nutri-Score assegna un punteggio di lettere colorate al cibo, dal "Verde A", che è il più sano, fino al "Rosso E." Prende in considerazione i contenuti nutrizionali degli alimenti come grassi, sali e zuccheri per 100 grammi, e ha lo scopo di consentire ai consumatori di confrontare rapidamente i prodotti alimentari della stessa categoria.

Secondo i due consorzi, i cui volumi commerciali sono di gran lunga i più significativi tra le DOP italiane, sistemi come Nutri-Score sono fuorvianti per i consumatori.

"Questi sistemi non tengono conto dell'equilibrio tra i diversi alimenti in una dieta, né considerano l'insieme delle caratteristiche organolettiche dei prodotti stessi", affermano in un comunicato i cda di entrambi i consorzi.

"I formaggi vengono penalizzati perché hanno grassi, ma non si tiene conto dei tanti contenuti nutrizionali strategici che offrono: calcio, acidi grassi funzionali, vitamine liposolubili, aminoacidi essenziali». "Cioè elementi preziosi per una dieta sana ed equilibrata”.

Nutri-Score classifica i due formaggi italiani con un "Arancia D” ma secondo i Consorzi un pasto con 80 grammi di pasta, 20 grammi di olio extra vergine di oliva e 20 grammi di formaggio DOP finirebbe per essere classificato come "Light Green B” o un pari "Verde A.”

affari-europa-olive-times

"Per questo i sistemi di etichettatura basati su etichette a semaforo sono da ritenersi svalutanti delle Dop perché scoraggiano il consumo in assenza di qualsiasi motivo nutritivo”, scrivono gli organi dei Consorzi.

Le due commissioni hanno concordato sostenere le iniziative del governo italiano contro il consolidamento di Nutri-Score in tutta Europa, ha chiesto a tutte le organizzazioni DOP di unirsi a loro "salvaguardare la salute dei consumatori e gli investimenti delle aziende che puntano su qualità e sostenibilità”.

Di conseguenza, i Consorzi del Parmigiano Reggiano e del Grana Padano DOP si sono dichiarati "non autorizzerà i cartellini ufficiali della DOP da parte degli operatori della filiera alimentare che dovrebbero scegliere di adottare tali etichette sulle confezioni dei due prodotti DOP”.

Contro Nutri-Score si è schierata anche la federazione italiana dell'industria alimentare Federalimentare, accusandola di essere contraria alla sostenibilità alimentare.

In un articolo dell'HuffingtonPost, il presidente di Federalimentare Ivano Vacondio ha scritto che la sostenibilità è la sfida globale chiave per l'agrobusiness.

"In nome della sostenibilità è iniziata la partita Nutri-Score e in nome della sostenibilità oggi molti accusano il Dieta mediterranea e favorire sistemi alimentari massicci ed uniformi, lontani dai valori nutrizionali del nostro 'Made in Italy'cibo", ha scritto Vacondio.

Mentre la sostenibilità è al centro dell'agrobusiness, ha aggiunto, "ci sono Paesi che vogliono attaccare la qualità italiana e mettere in atto maldestri tentativi di erodere quote di mercato dall'industria alimentare italiana, che nel 2019 ha raggiunto i 35.9 miliardi di euro, e che nel 2021 punta a ripetere o addirittura superare quei volumi”.

Nutri-Score, che è stato adottato in a numero crescente di paesi europei è stato anche pesantemente criticato in Spagna, dove la sua adozione in corso continua ad essere contraria.

In Andalusia;, la più grande regione produttrice di olio d'oliva al mondo, il parlamento locale ha appena votato una risoluzione che chiede al governo nazionale "fermare la diffusione del sistema di etichettatura Nutri-Score in Spagna al fine di proteggere la produzione agroalimentare e la dieta mediterranea”.





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti