L'Egitto prevede una produzione inferiore dopo che le condizioni meteorologiche estreme hanno danneggiato i boschi

In molte parti dell'Egitto, i rendimenti dovrebbero essere tra il 50 e l'80% al di sotto della media. Tuttavia, i produttori sono ottimisti per il futuro.

Foto: Wadi Food
30 novembre 2021 3:41 EST
Di Paolo DeAndreis
Foto: Wadi Food

Notizie recenti

L'annata agricola 2021/22 non sarà ricordata come la più fruttuosa per i produttori di olive egiziane, poiché i mesi freddi seguiti da improvvise ondate di calore hanno influito negativamente sugli ulivi.

Fonti locali hanno detto Olive Oil Times della produzione diminuisce che varia dal 50 all'80 per cento, rispetto alle rese medie. Secondo i dati del Consiglio oleicolo internazionale, l'Egitto ha prodotto 40,000 tonnellate di olio d'oliva nell'annata agricola 2020/21, leggermente al di sopra della media quinquennale mobile di 38,500 tonnellate.

Le ondate di calore seguite da un clima freddo e gelido instabile hanno interrotto le normali condizioni di allegagione e quindi il raccolto di olive.- Kalil Nasrallah, vicepresidente, Wadi Food

"Quest'anno, il raccolto è stato influenzato da diversi fattori tutti legati al clima", ha affermato Kalil Nasrallah, vicepresidente di Cibo di Wadi, il più antico del paese olive oil produtrice.

"Il freddo inverno ha ritardato la fioritura degli alberi e quando finalmente sono fioriti, le ondate di calore seguite da un clima freddo e gelido instabile hanno interrotto le normali condizioni di allegagione e quindi il raccolto di olive ", ha detto Olive Oil Times. "Il fenomeno è stato osservato in tutto l'Egitto e nella regione”.

Vedi anche: Aggiornamenti del raccolto 2021

Hussein Abu Saddam, capo del Sindacato degli agricoltori, ha dichiarato alla rivista Mada Masr che stimano che i raccolti scendano fino al 50 percento in tutto il paese. Nel frattempo, il Laboratorio centrale per il clima agricolo del paese ha stimato una diminuzione dal 60 all'80 percento rispetto all'anno precedente.

Secondo Mohamed Fahim, il direttore del cambiamento climatico unità del Ministero dell'agricoltura e della bonifica, il Raccolta delle olive 2021 ha iniziato a sgretolarsi a marzo dopo che le alte temperature hanno danneggiato i fiori degli ulivi.

Ha detto alla rivista Middle East Eye che "le condizioni meteorologiche stanno diventando più severe in questi anni. Ciò sta avendo un effetto molto forte sul settore agricolo nel suo insieme”.

Il Ministero dell'agricoltura e della bonifica ha recentemente invitato gli agricoltori a lavorare su strategie di adattamento per affrontare meglio gli effetti del cambiamento climatico.

Secondo Mada Mars, ai coltivatori è stato detto di implementare le operazioni di fertilizzazione mentre il governo ha lavorato con le agenzie locali per tenere informati gli agricoltori sul clima e su come avrebbe influenzato la produzione, fornendo anche supporto per affrontare eventi estremi.

Il ministero ha anche insistito sull'applicazione delle migliori pratiche in agricoltura e sull'adozione di nuove tecnologie per aiutare a mitigare gli effetti del maltempo.

Gli agricoltori considerano sempre più il cambiamento climatico un punto di svolta che richiede strategie di adattamento specifiche.

africa-medio-oriente-produzione-aziendale-egitto-si aspetta-una-produzione-bassa-dopo-danni-atmosferici-estremi-boschi-oliveti-tempi

Foto: Wadi Food

"L'Egitto è già molto moderno nella tecnologia dell'olivicoltura poiché la maggior parte degli uliveti si trova nel deserto dove l'acqua è un bene costoso e solo gli agricoltori seri si avventurerebbero o prevarrebbero ", ha affermato Nasrallah.

"Ciò che sta costringendo al cambiamento è il modo in cui acclimatiamo gli alberi alle nuove condizioni e questo è un processo in corso in cui dobbiamo cambiare alcune vecchie abitudini nelle tecniche di potatura e altre pratiche agricole per adattarci", ha aggiunto. "Ciò richiederà molto tempo e sforzi e difficilmente vedremo un cambiamento in una stagione, ma dovremo aspettare pazientemente un ciclo completo di adattamento di almeno tre anni”.

Un decreto presidenziale del 2014 ha creato un fondo di solidarietà agricola per sostenere le perdite degli agricoltori dovute a parassiti, malattie ed eventi estremi, ma deve ancora essere pienamente attuato.

Pertanto, la stagione impegnativa ha colpito l'economia del paese. L'Egitto è il mondo il più grande produttore di olive da tavola e un significativo olive oil produtrice.

Secondo i dati del CIO, l'Egitto ha prodotto 800,000 tonnellate di olive da tavola nell'annata agricola 2020/21, il totale più alto di sempre del paese, ed ha esportato 120,000 tonnellate. Solo la Spagna esporta più olive da tavola.

pubblicità

Mentre il paese è costantemente cresciuto fino a dominare il settore globale delle olive da tavola, il governo egiziano aspira a fare lo stesso con l'olio d'oliva. Nel 2019, hanno annunciato l'intenzione di pianta 100 milioni di alberi specificamente per olive oil produzione.

Secondo il Consiglio dei ministri egiziano, 53 milioni di alberi hanno già stato piantato negli ultimi due anni. I dati del Consiglio oleicolo internazionale mostrano che i terreni agricoli egiziani dedicati all'olivicoltura sono passati da 31,000 ettari nel 1995 a oltre 103,000 nel 2018.

africa-medio-oriente-produzione-aziendale-egitto-si aspetta-una-produzione-bassa-dopo-danni-atmosferici-estremi-boschi-oliveti-tempi

Foto: Wadi Food

Abdelaziz Mahmoud Abaelkhashab, ricercatore presso l'Istituto di ricerca sull'orticoltura del Centro di ricerca agricola con sede a Giza, ha affermato che le aree ideali per l'olivicoltura (esclusa la regione del Sinai) attraversano il nord dell'Egitto da Matrooh a El-Moghra ad un'altitudine compresa tra 18 e 80 metri sul livello del mare.

"Nelle regioni meridionali, tra 100 e 200 metri sul livello del mare, le temperature più elevate sono più adatte alle olive da tavola", ha scritto Abaelkhasha in un Rapporto IOC.

Secondo l'Agricultural Research Center, i proprietari terrieri di El-Moghra e della Menia occidentale, nell'Alto Egitto, hanno già piantato centinaia di migliaia di alberi, utilizzando l'energia solare per alimentare le pompe per l'irrigazione.

"Sperano di concentrarsi su cultivar e genotipi di olive da olio al fine di aumentare olive oil produzione", ha scritto Abaelkhashab.

Con solo il tre per cento del territorio del paese considerato appropriato per l'agricoltura, l'Egitto affronta una crescente desertificazione in aree chiave. In tali condizioni, la coltivazione dell'olivo nel deserto è sempre più vista come un'opportunità.

"Dalla nostra esperienza, la qualità delle olive nel deserto è eccellente, sia che ne abbiamo bisogno per l'olio d'oliva o per le olive da tavola ", ha affermato Nasrallah. "Nelle serene condizioni del deserto, gli uliveti sono stati adeguatamente pianificati con le giuste varietà di olive e la spaziatura ideale tra gli alberi per schermare vento e sabbia.

"Gli alberi hanno meno malattie e parassiti, mentre i pozzi profondi forniscono acqua pura e non inquinata per l'irrigazione", ha aggiunto. "Anche la frequenza dell'irrigazione è ben monitorata per soddisfare la domanda degli alberi e per mantenere il raccolto sano”.

africa-medio-oriente-produzione-aziendale-egitto-si aspetta-una-produzione-bassa-dopo-danni-atmosferici-estremi-boschi-oliveti-tempi

Foto: Wadi Food

"A causa del fatto che le aziende di dimensioni maggiori stanno piantando il deserto, spesso hanno anche mezzi per spremere le olive nei propri frantoi o in quelli condivisi entro poche ore dalla raccolta, il che riduce al minimo la manipolazione e il deterioramento ", ha continuato Nasrallah. "Tutto ciò si traduce in oli extra vergini di oliva di altissima qualità.

L'interesse del paese in olive oil produzione non è solo dovuta alle crescenti opportunità di esportazione ma anche ad una nuova cultura dell'olio d'oliva facendo lentamente breccia tra le famiglie egiziane.

"L'Egitto era l'unico paese mediterraneo a non avere una cucina a base di olio d'oliva ", ha detto Nasrallah. "Mentre le olive venivano prontamente utilizzate nei pasti egiziani, l'olio d'oliva era un prodotto scarso e costoso che solo i consumatori benestanti potevano permettersi.

"Negli ultimi 15 anni circa, i consumatori egiziani sono venuti a conoscenza del benefici alla salute dell'olio d'oliva, in particolare dell'olio extra vergine di oliva, e la domanda ha iniziato ad aumentare ", ha aggiunto.

A sostegno delle sue affermazioni, i dati del CIO indicano che consumo di olio d'oliva in Egitto è passato da 5,000 tonnellate nell'anno agricolo 2010/11 a 41,000 tonnellate nel 2020/21.

Nasrallah ha attribuito un aumento della cultura dell'olio d'oliva all'aumento dei moderni negozi, ristoranti mediterranei che offrono cucina mediorientale, italiana e greca e un aumento della popolarità dei programmi di cucina che spesso mostrano l'olio extra vergine di oliva come uno degli ingredienti.

Il Pandemia di covid-19 ha anche svolto un ruolo nel crescente appetito egiziano per l'olio d'oliva. Le misure di emergenza hanno costretto molti più egiziani a mangiare a casa e a concentrarsi sulle qualità salutari del loro cibo.

"Ci sono molte tendenze che potrebbero essere osservate dall'inizio della pandemia", ha detto Nasrallah. "La cosa più importante nel nostro caso è la crescita dei pasti fatti in casa e la domanda di cibi sani”.

"Quando cucini da solo, tendi ad acquistare gli ingredienti migliori e a seguire ricette che molto spesso sono ricche di olio d'oliva", ha concluso.





Olive Oil Times Video Serie
pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti