Gli agricoltori giordani prevedono un calo della produzione a causa di siccità e parassiti

Poiché la situazione nelle fertili regioni agricole della Giordania settentrionale sembra sempre più grave, tre organizzazioni stanno intervenendo per promuovere metodi di coltivazione tradizionali e sostenibili.
Valle del Giordano
Novembre 22, 2021
Ephantus Mukundi

Notizie recenti

Jerash è una regione agricola altamente produttiva a circa 35 chilometri a nord di Amman, la capitale della Giordania. I suoi antichi boschi sono rinomati per produzione di olio d'oliva di alta qualità.

Tuttavia, alti costi di produzione, domanda di terreni da parte dell'industria del turismo e siccità ricorrente hanno aumentato la pressione economica che i coltivatori devono affrontare e stanno minacciando i boschi, mettendo il paese produzione di olio d'oliva a rischio.

Vedi anche: Aggiornamenti del raccolto 2021

A causa della mancanza di precipitazioni e delle temperature torride, le aziende olivicole hanno registrato una diminuzione del 20% della quantità di frutta raccolta quest'anno rispetto allo scorso.

Secondo l' Dati del Consiglio oleicolo internazionale, La Giordania ha prodotto tonnellate 25,000 di olio d'oliva nel Anno del raccolto 2020/21, che è leggermente al di sopra della media mobile quinquennale, ma molto inferiore al record di 34,500 tonnellate registrato nel 2019/20.

Rateb Silwan è tra i restanti agricoltori di Jerash che prevedono un raccolto più scarso quest'anno a causa della siccità.

pubblicità

L'anno scorso ha prodotto 1,200 litri di olio d'oliva sul suo pezzo di terra di due ettari. Quest'anno se ne aspetta la metà. Due decenni fa, produceva 2,000 litri di olio d'oliva ogni anno.

"La siccità era quasi sconosciuta allora", ha detto al National. "Ora accadono ogni quattro anni o giù di lì".

Dagli anni '1950, la maggior parte degli agricoltori nel nord della Giordania ha innaffiato i propri raccolti dal canale di East Ghor, che è alimentato dai fiumi Yarmouk e Jordan e dalle piogge.

Tuttavia, la rapida crescita della popolazione ad Amman, l'occupazione israeliana della Cisgiordania dal 1967 e una diga costruita dalla Siria sullo Yarmouk hanno pesantemente impoverito la quantità di acqua disponibile per l'agricoltura in Giordania.

A Najada, un villaggio di Jerash un tempo famoso per la produzione di olio d'oliva, la maggior parte degli abitanti ha abbandonato agricoltura tradizionale e si è trasferito nelle aree urbane alla ricerca di nuove fonti di reddito.

La vicinanza del villaggio alla Riserva forestale di Debin mette anche i suoi terreni agricoli sotto forte pressione da parte degli investitori che cercano di costruire villaggi turistici.

Vedi anche: I migliori oli d'oliva dalla Giordania

Alcuni anni fa, alcuni degli agricoltori rimasti hanno importato cultivar geneticamente modificate nel tentativo disperato di salvare la situazione.

Tuttavia, i loro sforzi alla fine furono vani poiché gli alberi non potevano far fronte all'emergere di nuovi parassiti e malattie che erano altamente resistenti ai metodi convenzionali per controllarle.

Tra i parassiti più perniciosi che affliggono gli olivicoltori della regione ci sono varie specie di insetti, vipere, talpe e cinghiali.

La pesante applicazione di pesticidi ha anche squilibrato l'ecosistema locale, con un impatto negativo sulla produttività della regione.

Tuttavia, sono in corso sforzi per aiutare a ripristinare alcuni dei terreni degradati della regione tornando ai metodi agricoli tradizionali e ai metodi di gestione sostenibile del territorio.

BirdLife ha collaborato con il Critical Ecosystem Partnership Fund e l'azienda giordana Enviromatics per incoraggiare gli agricoltori di Najda, in particolare le donne, ad adottare pratiche tradizionali.

Le tre organizzazioni hanno deciso di inviare esperti per aiutare 10 agricoltori locali a migliorare i raccolti e altro ancora controllare efficacemente i parassiti in modo ecologico.

"Questa sarà una grande opportunità per imparare da altre donne e produrre prodotti di alta qualità", ha detto Abeer Freihat a proposito degli sforzi del triumvirato.





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti