I volontari danno una mano nella raccolta delle olive in Italia per aiutare i bisognosi

In tutta Italia, studenti e volontari si riversano negli oliveti per aiutare con la raccolta. L'olio d'oliva che aiutano a produrre è destinato a chi ne ha bisogno dalla Sicilia alla Lombardia.
Raccolta delle olive per beneficenza nel 2018. (Foto: Giovanni Alletto)
Novembre 9, 2020
Paolo DeAndreis

Notizie recenti

"Credo che qui, nella nostra regione, la solidarietà e il legame sociale siano una parte essenziale del cultura dell'olio d'oliva", Ha detto a Olive Oil Times Giovanni Aletto, il capo del giardino botanico comunale di Agrigento, in Sicilia.

Come altri esperti agricoli in Italia, e con l'aiuto delle dozzine di ulivi nel giardino botanico, Aletto fa gli straordinari per aiutare le giovani generazioni a coltivare l'apprezzamento per la cultura dell'olio d'oliva. 

La raccolta delle olive è un momento di gioia, non solo perché lo facciamo per una buona causa, ma anche perché riunisce persone che nel tempo sono diventate amiche, e molte altre che stanno scoprendo solo ora la bellezza e produzione di olio d'oliva.- Michele Daverio, volontario, Sant'Ilario Lake Olive Oil

Come la stagione della raccolta si svolge in tutta Italia, diversi enti di beneficenza e organizzazioni di volontariato sociale hanno unito gli sforzi ad Aletto per dare un significato più profondo alla raccolta delle olive.

"Tutto è iniziato tre anni fa ", ricorda Aletto, "quando ci siamo avvicinati per la prima volta a diverse associazioni di beneficenza locali e hanno inviato giovani studenti del seminario per aiutarci a raccogliere le olive, portarle al frantoio e poi distribuire quell'olio alle famiglie bisognose ".

Vedi anche: In Italia gli studenti tornano a studiare tra gli ulivi

Come community di Pandemia di COVID-19 cominciò a pesare sulle economie locali, Aletto e molti altri credevano che si potesse fare ancora di più.

La qualità conta.
Trova i migliori oli d'oliva del mondo vicino a te.

"Quest'anno siamo entrati in contatto con diverse associazioni ed enti di beneficenza coinvolti nella gestione di cucine e mense dedicate alle famiglie bisognose ”, ha detto l'agronomo.

Mentre il giardino botanico di Agrigento contiene poco meno di 100 ulivi, sono più che sufficienti per coinvolgere molte delle giovani generazioni in una nuova esperienza, ha sottolineato Aletto.

"Anche con l'allontanamento protettivo dovuto alla pandemia, bambini e ragazzi hanno vissuto le migliori esperienze, coniugando la gioia della raccolta delle olive e produzione di olio d'oliva a una vera esperienza di solidarietà e di solidarietà ", ha detto.

All'interno di oltre 6,900 ettari (17,000 acri), l'orto botanico ospita molti altri alberi, principalmente arance e mandarini ma anche mele, quindi Aletto sta già progettando nuove iniziative a favore dei poveri che coinvolgono bambini e associazioni di beneficenza.

Aiutare le giovani generazioni ad avvicinarsi alla raccolta delle olive e alla produzione di olio d'oliva è il percorso seguito da una serie di altre istituzioni educative in tutto il paese.

produzione-europa-mondo-volontari-prestano-una-mano-in-italia-raccolta-di-olive-per-aiutare-chi-ha-bisogno-di-olio-d'oliva

Aletto crede che la solidarietà e il legame sociale siano componenti chiave della cultura dell'olio d'oliva siciliano.

Gli studenti delle scuole medie e superiori di Città Sant'Angelo, in Abruzzo, hanno raccolto tutte le olive presenti nel territorio comunale per un progetto denominato "scuola dell'olio d'oliva. "

Sotto la supervisione dei loro insegnanti, gli studenti hanno raccolto i frutti e li hanno seguiti al vicino frantoio, dove sono stati trasformati olio extra vergine di oliva biologico. Quell'olio extravergine di oliva viene poi imbottigliato e gli studenti supervisionano l'etichettatura.

Una volta completato l'intero processo, le bottiglie saranno vendute all'asta, con i profitti donati alle famiglie locali bisognose.

In Puglia, la solidarietà e la collaborazione con enti di beneficenza locali stanno anche riunendo studenti, dipendenti pubblici, scuole e istituzioni locali.

A Locorotondo, non lontano da Bari, un progetto di orto didattico ha riunito giovani di diverse scuole per prendersi cura degli ulivi e aiutare nella raccolta.

Tutto è iniziato quattro anni fa grazie ad un'iniziativa comunale che è stata accolta con favore dalle scuole locali. Da allora, tutti i frutti raccolti dagli ulivi coltivati ​​su terreni demaniali all'interno di Locorotondo sono stati trasformati da un frantoio locale. Da lì, l'olio d'oliva viene dato ai volontari della Caritas locale per la distribuzione tra quelle famiglie che hanno chiesto sostegno alimentare.

Vedi anche: L'Italia promette 20 milioni di euro per l'acquisto di olio EVOO locale per le famiglie bisognose

In un'altra città del barese, Modugno, le parrocchie locali continuano a raccogliere e distribuire cibo essenziale alle famiglie bisognose, con l'olio d'oliva che è uno degli articoli più rilevanti. Con la chiusura degli edifici parrocchiali a causa della pandemia COVID-19, Don Amedeo è riuscito a organizzare la distribuzione del cibo dal suo balcone, situato appena sopra il livello della strada.

I volontari portano nell'appartamento del sacerdote il cibo acquistato o donato dalle parrocchie e da lì il chierico di 74 anni distribuisce ai bisognosi sacchetti pieni di pasta, latte, farina e olio d'oliva.

"Se hanno bambini piccoli nella loro famiglia, di solito aggiungo biscotti e succhi di frutta ”, ha detto Amedeo al quotidiano locale Barinedita.

produzione-europa-mondo-volontari-prestano-una-mano-in-italia-raccolta-di-olive-per-aiutare-chi-ha-bisogno-di-olio-d'oliva

Produttori locali, studenti e volontari si uniscono ogni autunno per raccogliere le olive per beneficenza.

Intanto, dall'estremo opposto del Paese, nella regione Lombardia, la tradizionale raccolta degli ulivi a Bosto ha visto accorrere numerosi volontari provenienti da tutta la provincia di Varese.

Da 10 anni l'obiettivo dell'iniziativa è stato quello di raccogliere le olive per la produzione dell'Olio di Oliva Lago Sant'Ilario, marchio sinonimo di solidarietà. Ogni anno centinaia di litri di olio extravergine di oliva biologico vengono donati a chi ne ha bisogno dalle associazioni locali e dalla parrocchia locale.

In soli due giorni, i volontari hanno raccolto più di 16,000 chilogrammi di olive e altre sono state aggiunte da piccoli e medi coltivatori locali, molti dei quali tradizionalmente donano una parte della propria produzione in beneficenza.

"La raccolta delle olive è un momento di gioia, non solo perché lo facciamo per una buona causa, ma anche perché riunisce persone che nel tempo sono diventate amiche, e molte altre che stanno scoprendo solo ora la bellezza e l'armonia che sta dietro al produzione di olio d'oliva ", ha detto Michele Daverio, un volontario locale, Olive Oil Times.





Related News

Feedback / suggerimenti