`Progetto europeo studia la genetica dell'olivo per preparare i coltivatori al futuro - Olive Oil Times

Progetto europeo studia la genetica dell'olivo per preparare i coltivatori al futuro

Giu. 23, 2021
Jasmina Nevada

Notizie recenti

Come gli impatti di cambiamento climatico continuano ad essere sentiti dagli olivicoltori di tutto il mondo, i ricercatori dietro il finanziamento dell'Unione Europea Gen4Olive Il progetto ritiene che la genetica dell'olivo possa fornire alcune soluzioni ai loro problemi più urgenti.

Secondo Hristofor Miho, il project manager di Gen4Olive, solo il cinque percento del mondo varietà di olive vengono sfruttati commercialmente. Il restante 95 percento è inutilizzato e principalmente conservato nelle cinque principali banche di germoplasma olivicolo del mondo in Marocco, Spagna, Italia, Grecia e Turchia.

Il progetto Gen4Olive si concentrerà sulla valutazione delle risorse genetiche dell'olivo in grado di resistere meglio a diversi scenari di cambiamento climatico.- Hristofor Miho, project manager, Gen4Olive

Miho ha affermato che questa grande percentuale inutilizzata porta all'erosione genetica, che aggrava i problemi causati dal cambiamento climatico e dalla diffusione di parassiti e malattie.

I ricercatori dietro il progetto Gen4Olive stanno attualmente lavorando per caratterizzare e classificare le cultivar di olivo per progettare nuovi programmi di allevamento per soddisfare le esigenze del mercato, come cultivar resistenti alle malattie che si adattano a fattorie ad alta densità. Questo tipo di ricerca aumenterebbe anche il corpus generale di conoscenze sulle cultivar più raramente sfruttate.

"Pertanto, gli agricoltori avranno una scelta variegata nel piantare cultivar di olivo che sono più produttive e resistenti ai fattori biotici e abiotici ", ha detto Miho Olive Oil Times.

"D'altra parte, questo progetto contribuirà ad armonizzare il lavoro tra le diverse banche di germoplasma olivicolo nei principali paesi mediterranei e utenti finali come vivaisti e agricoltori con accesso diretto alle risorse genetiche che possono esplorare ", ha aggiunto.

L'obiettivo principale di Gen4Olive è quello di caratterizzare 500 diverse varietà di olive e 1,000 genotipi selvaggi e antichi. I ricercatori stanno già creando due applicazioni mobili per aiutare a identificare le varietà di olivi e rilevare parassiti e malattie che potrebbero aver infettato una pianta.

varietà-europee-studi-di-progetto-europeo-genetica-dell'oliva-per-preparare-i-coltivatori-per-il-futuro-tempo-dell'olio

Ricercatori Gen4Olive

Miho ha detto che questo avrebbe aiutato identificare le varietà resistenti a diverse malattie e hanno periodi giovanili più brevi - la quantità di tempo prima che un ulivo diventi completamente produttivo. Si aspetta che questi strumenti saranno disponibili al pubblico entro il 2024.

Ha aggiunto che il progetto Gen4Olive ha in programma due strategie principali per aiutare gli olivicoltori a mitigare gli effetti del Il cambiamento climatico del bacino del Mediterraneo.

"Sfruttando le banche di germoplasma trovate in cinque paesi mediterranei con climi molto diversi, verrà valutata l'interazione genotipo per ambiente", ha affermato.

Vedi anche: 13 nuove varietà di olive scoperte in Catalogna

"È possibile sviluppare modelli predittivi sull'effetto dei cambiamenti climatici sulla coltivazione dell'olivo ", ha aggiunto. "Inoltre, è possibile valutare i requisiti di refrigerazione di oltre 500 varietà per anticipare possibili problemi di fioritura nelle zone aride".

Nell'affrontare questioni come parassiti e malattie, Miho ha affermato che l'erosione genetica si verifica con il divario tra il numero di cultivar conosciute anziché la quantità totale esistente.

Per esempio, Xylella fastidiosa ha cancellato migliaia di ettari di olivi in ​​Italia in poco tempo. Ha sostenuto che la risposta ai soccorsi è stata relativamente lenta a causa di un ritardo nello sviluppo di nuove varietà resistenti.

Miho teme che l'erosione genetica abbia già danneggiato il potenziale di produzione di olio d'oliva per molti coltivatori, specialmente su piantagioni ad alta e super-densità.

Ha detto che pochissime cultivar sono adattate a questi sistemi e sarebbe estremamente difficile sostituirle con nuove cultivar poiché sono sempre più colpite dai cambiamenti climatici e dagli stress biotici e abiotici.

"Per questo motivo, il progetto Gen4Olive si concentrerà sulla valutazione delle risorse genetiche dell'olivo che possono resistere meglio a diversi scenari di cambiamento climatico ", ha affermato Miho. "Sarà più facile per noi mitigare eventuali imprevisti in modo rapido ed efficiente”.

"Nei prossimi anni, a seconda dei rischi che minacciano gli ulivi, come le malattie pandemiche o il cambiamento climatico, potremmo notare rapidamente un cambiamento nelle tendenze delle varietà coltivate ", ha aggiunto. "Per questo è fondamentale essere pronti e vigili per fornire una rapida soluzione al settore”.


pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti