`I prezzi dell'olio commestibile dovrebbero continuare ad aumentare, i livelli di olio d'oliva rimangono stabili - Olive Oil Times

I prezzi dell'olio commestibile dovrebbero continuare ad aumentare, i livelli di olio d'oliva rimangono stabili

Giu. 20, 2021
Ephantus Mukundi

Notizie recenti

È probabile che i consumatori di oli commestibili debbano affrontare due anni di prezzi elevati prima che i mercati si stabilizzino e tornino a quelli che sono considerati livelli normali, ha dichiarato il mese scorso Paul Meyers, vicepresidente dell'analisi delle materie prime presso Foresight Commodity Services.

Ad eccezione dell'olio di mais negli Stati Uniti, Meyers ha affermato che i prezzi dell'olio commestibile sono attualmente più del doppio rispetto a un anno fa.

Secondo l'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura, i prezzi dei semi oleosi e degli oli vegetali sono costantemente aumentati negli ultimi 13 mesi.

Vedi anche: Prezzi dell'olio d'oliva

Ciò è dovuto principalmente ai prezzi elevati del petrolio di soia. La mancanza di produzione in Nord e Sud America unita a una domanda elevata significa che i prezzi probabilmente non torneranno alla normalità per i prossimi due anni, ha aggiunto Meyers.

Perché ciò avvenga, gli Stati Uniti, l'Argentina e il Brasile dovrebbero produrre più olio di soia o la domanda di alcuni dei maggiori consumatori, compreso il settore del biodiesel, dovrebbe diminuire.

Le nuove forniture di olio di soia dall'Argentina e dal Brasile erano destinate ad aumentare la pressione sui prezzi dell'olio di soia nel 2021, ma la siccità causata dalla La Niña in Sud America ha comportato una riduzione dei raccolti.

Insieme ai prezzi dell'olio di soia, girasole, palma e olio di canola anche i prezzi sono rimasti elevati poiché la produzione di entrambe le colture è diminuita nella campagna 2020/21.

L'offerta di olio di girasole ha continuato a restringersi fino alla prima metà del 2021 a causa di scarsi raccolti dovuti alla siccità in Russia, Ucraina, Romania, Moldavia e Bulgaria. Ucraina e Russia si uniscono per produrre circa l'80% della produzione globale di girasole.

Si prevede che le condizioni meteorologiche sfavorevoli in Canada e nell'Unione Europea danneggeranno la produzione di olio di colza nel prossimo anno di raccolto 2021/22, che si è combinato con una domanda costante per creare ciò che la FAO ha chiamato "continua restrizione dell'offerta globale”.

Nel frattempo, in Malesia, Blocchi legati alla pandemia di Covid-19 hanno impedito ai lavoratori stranieri di tornare nelle piantagioni con conseguente bassa produzione di olio di palma. I lavoratori stranieri costituiscono circa il 70 per cento della forza lavoro del settore.

Questa dinamica dell'offerta ha comportato un aumento dei prezzi del petrolio nella prima metà del 2021. Il rimbalzo del Covid ha anche contribuito a far salire i prezzi mentre le economie tornano sulla buona strada i paesi riaprono a seguito della pandemia.

Poiché sempre più paesi allentano le restrizioni Covid-19 a causa del successo dei programmi di vaccinazione, è probabile che anche i settori della ristorazione, degli hotel e della ristorazione abbiano un effetto rialzista sui prezzi dell'olio commestibile.

Secondo le previsioni della Banca Mondiale, i prezzi del petrolio commestibile continueranno a salire nel 2021 a causa della scarsa offerta e dell'elevata domanda fino al 2022, quando si prevede che si stabilizzino.

L'organizzazione finanziaria ha rivisto il suo indice Oils and Meals di aprile 2021 del 30% rispetto alle previsioni di ottobre dopo che era evidente che le scorte e la produzione dei principali oli commestibili non erano cresciute come previsto.

Nel frattempo, Consiglio Oleicolo Internazionale un'immissione errata dei dati mostralo prezzi dell'olio d'oliva sono rimaste stabili nell'ultimo mese nei tre mercati di riferimento di Jaén, Bari e Chania, ma hanno aumentato sostanzialmente rispetto allo stesso periodo dello scorso anno e nel 2019.

Una combinazione di produzione globale inferiore al previsto nell'annata agraria 2020/21, in abbinamento a importazioni in crescita e l'aumento del consumo globale ha fatto salire i prezzi per 16 mesi consecutivi da gennaio 2020 a maggio 2021.





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti