Il consumo mondiale di olio d'oliva non è aumentato dal 2003, anche con 1 miliardo di persone in più

Innumerevoli studi hanno dimostrato i benefici per la salute dell'olio d'oliva. Perché consumiamo meno oggi rispetto a 14 anni fa?

Può. 9, 2018
By Curtis Cord

Notizie recenti

Puoi dire quello che vuoi sul provato benefici per la salute dell'olio d'oliva. Come è la pietra angolare della famosa dieta mediterranea. Come innumerevoli studi negli ultimi dieci anni hanno dimostrato che aiuta a combattere il cancro, il morbo di Alzheimer, il diabete, le malattie cardiovascolari. Le persone che mangiano olio d'oliva anche hanno cervelli più grandi. Tendono ad essere più felici.

Eppure, anche con i benefici per la salute dell'olio d'oliva ben consolidati e con più oli di oliva di alta qualità a nostra disposizione ora come mai prima, gli umani scelgono oli di semi meno sani 97 per cento delle volte.

Il consumo di olio d'oliva non è cambiato da 14 anni. Questo secondo il Consiglio oleicolo internazionale (CIO) il cui compito è promuovere il suo consumo in tutto il mondo. Anche con quasi 1.2 miliardi di bocche in più da sfamare, ora stiamo mangiando meno olio d'oliva di quanto abbiamo fatto nel 2003- quando ancora facevano Volkswagen Beetles.

In 2003, il consumo annuo pro capite mondiale di olio d'oliva è stato di 452 ml. Oggi è intorno a 391 ml. Questo non dice molto per le dimensioni del nostro cervello.

E non possiamo dare la colpa a questo sui social media. In effetti, Instagram è in fiamme con il cibo porno con strisce di oro verde che sfogliamo mentre raggiungiamo quella grande bottiglia gialla di Canola o olio di mais. (Di 'noi intendiamo te.)

pubblicità

Gli chef di celebrità si sono iper-iperbolizzati a vicenda in una frenesia - uno addirittura ha coniato il termine 'EVOO '(quindi prontamente dimostrato di non sapere quasi nulla a proposito).

Eppure eccoci qui a mangiare in media circa 2/10 di a cucchiaino una giornata di olio d'oliva (anche con l'aiuto dei nostri amici greci). Mangiamo almeno 30 volte più olio di colza.

Il CIO ha rifiutato una richiesta di commenti sul ritorno del consumo di olio d'oliva ai livelli dell'era del telefono Nokia. L'organizzazione intergovernativa è rimasta a corto di denaro sin da quando la Commissione europea, sotto la pressione della lobby dell'olio di semi, ha raccolto gran parte dei finanziamenti del CIO, secondo Fausto Luchetti che gestiva il CIO da 1987 fino a 2002.

Luchetti, chi è stato recentemente autorizzato, dopo 15 anni, di accuse di irregolarità finanziarie derivanti dal suo mandato a Madrid, guidò il CIO durante il suo periodo di massimo splendore quando il consumo di olio d'oliva quasi raddoppiò. Da allora è stato piatto.


© Olive Oil Times | Fonte dei dati: Consiglio oleicolo internazionale


"Quando sono entrato in carica nel 1987, il consumo di olio d'oliva negli Stati Uniti ha raggiunto le 25,000 tonnellate, la metà delle quali erano oli esterificati ", ha detto Luchetti Olive Oil Times. "Mi sono reso conto che la prima cosa che dovevamo fare era migliorare la qualità. Se volevamo che il consumo aumentasse, avevamo bisogno di un prodotto che corrispondesse davvero a quello che dicevamo sull'olio extra vergine di oliva con le sue proprietà nutritive, i valori organolettici e biologici e così via. ”

"Fino alla metà degli anni '80, il tipico consumatore americano di olio d'oliva era ancora l'immigrato dell'area mediterranea, in particolare italiana, che non prestava attenzione alla qualità e consumava un prodotto che aveva ben poco a che fare con l'olio extra vergine di oliva ”, ha aggiunto Luchetti . "Per anni, il consumo è stato soggetto a stagnazione, intorno alle 15-20,000 tonnellate, perché i consumatori erano quei poveri che non potevano permettersi alti costi per i grassi nella loro dieta ”.

Luchetti ha cercato di migliorare la qualità del prodotto mentre il gruppo ha coinvolto ricercatori. "Abbiamo creato una rete di ricercatori che hanno studiato le proprietà dell'olio extra vergine di oliva e hanno portato a risultati ampiamente accettati. "

"Fondamentalmente, dalla metà degli anni '80 fino ai primi anni '1990, abbiamo cercato di sensibilizzare i potenziali consumatori, in particolare gli americani, attraverso la diffusione delle conoscenze scientifiche ", ha ricordato Luchetti. "Abbiamo finalmente iniziato a raccogliere i frutti del nostro lavoro con la Conferenza internazionale sulla dieta mediterranea presso la Harvard School of Public Health, nel 1993, che ha reso definitivamente popolari le proprietà dell'olio extra vergine di oliva ".

"Oggi il CIO non svolge più attività di ricerca scientifica e, in questo senso, vorrei sottolineare l'atteggiamento dell'Organizzazione secondo cui (promuovere la ricerca scientifica) non è più necessario poiché (credono) ciò che è già stato fatto è stato sufficiente ", ha detto Luchetti .

Il CIO potrebbe avere ragione al riguardo. Studi sul benefici per la salute dell'olio extra vergine di oliva- e il Dieta mediterranea- si sono accumulati l'uno sopra l'altro dal mandato di Luchetti al Consiglio, con o senza il finanziamento del gruppo.

Potrebbe essere giusto supporre che la salubrità dell'olio extra vergine di oliva sia ormai una conoscenza comune. Sfortunatamente, altrettanto confusa è la confusione. I consumatori sono sospettosi della qualità dell'olio d'oliva e la maggior parte non è in grado di determinare se l'olio che stanno acquistando è autentico o meno.

Le persone sanno che l'olio extra vergine di oliva è salutare. Hanno anche guardato il Segmento 60 minuti sul ruolo della mafia nel settore agroalimentare italiano con immagini di poliziotti addestrati alla degustazione di olio d'oliva. Hanno letto l'ormai famigerato Infografica del New York Times- quella che nessuno scrittore avrebbe ammesso di scrivere- che conteneva così tante inesattezze, il Times ne ha redatto gran parte, anche se molto tempo dopo che il danno era stato fatto.

E hanno sentito parlare della bomba Studio UC Davis, finanziato dai produttori di olio d'oliva della California, che ha definito gli oli d'oliva importati come frodi (anche se alcuni erano anche domestici), pubblicando un rapporto 2010 che è stato distorto, distorto e gonfiato dalla sensazionale copertura mediatica da allora.

Nel corridoio petrolifero, le persone sentono in un orecchio quanto sia sano l'EVO, mentre l'altro orecchio risuona con diffidenza e sospetto: Lasciare l'olio d'oliva, prendere il Canola.

"Credo che stiamo assistendo all'effetto di storie negative sulla qualità e l'affidabilità dell'olio d'oliva ", ha affermato Joseph R. Profaci, direttore esecutivo della North American Olive Oil Association.

"L'inizio del forte calo della crescita dei consumi corrisponde al rilascio dei rapporti UC Davis e ha continuato fino ad oggi, poiché tali rapporti e altri sono stati rigurgitati fino alla nausea - di solito per interpretazione errata, intenzionale o meno - sotto forma di clickbait e promozione ingannevole storie ", ha detto Profaci. "Le notizie negative stanno creando una barriera per coinvolgere i nuovi utenti nella categoria ".

Quei nuovi utenti, tuttavia, non sarebbero così suscettibili alla disinformazione se fossero autorizzati a decidere autonomamente se un olio d'oliva è buono come dovrebbe essere. Il problema di base è che la maggior parte non sa come dovrebbe essere buono un buon olio extra vergine di oliva.

In effetti, ci sono più oli di oliva di alta qualità disponibili per noi ora che in qualsiasi momento della storia. L'olio extra vergine di oliva di alta qualità dovrebbe avere aromi di frutta fresca; dovrebbe essere amaro ai lati della lingua; dovrebbe pungere alla gola.

Ecco 521 marchi, dai paesi 22. Sono i vincitori del premio quest'anno al NYIOOC World Olive Oil Competition. Trovane alcuni, acquistali e scopri quanto può essere grande un olio extra vergine di oliva. Quindi confrontalo con l'olio che stavi usando e dillo ad alcuni amici. E senti il ​​tuo cervello diventare più grande.


Related News