La crisi del coronavirus colpisce i piccoli produttori più duri in Portogallo

Il consumo domestico si è esaurito quando i ristoranti chiudono e le camere d'albergo rimangono vuote. Anche le esportazioni sono diminuite mentre i paesi di tutto il mondo annullano i loro ordini di petrolio portoghese.

Monte dos Valhascos - Amareleja (Archivio OOT)
Aprile 24, 2020
Di Pablo Esparza
Monte dos Valhascos - Amareleja (Archivio OOT)

Notizie recenti

"Stiamo sentendo l'impatto della crisi e lo sentiremo di più ", ha detto Mariana Teles Branco, tecnico di marketing e qualità del Centro per lo studio e la promozione degli oli d'oliva dell'Alentejo (CEPAAL), Olive Oil Times.

Come quasi tutti gli altri paesi del mondo, il Portogallo è stato colpito dal pandemia di coronavirus e il vivace settore dell'olio d'oliva del paese non è stato risparmiato dalle sue conseguenze negative.

La chiusura di ristoranti, hotel e piccoli negozi sta avendo un impatto. Questi sono acquirenti importanti a livello nazionale e gran parte dell'olio d'oliva non verrà venduto perché quel canale è stato interrotto.- Mariana Teles Branco, tecnico marketing e qualità presso CEPAAL

L'effetto della malattia nel paese iberico, tuttavia, è stato finora inferiore a quello della maggior parte dei suoi vicini europei.

Fino al 22 aprile, ci sono stati 21,379 casi di COVID-19 e 762 decessi in Portogallo, un tasso di circa sette decessi per ogni 100,000 persone in un paese con una popolazione di poco più di 10 milioni.

Questi dati mostrano un netto contrasto con quelli della Spagna, che ha un tasso di circa 45 morti ogni 100,000; L'Italia, con un tasso di circa 40 decessi ogni 100,000; e la Francia, con un tasso di 30 morti ogni 100,000.

La qualità conta.
Trova i migliori oli d'oliva del mondo vicino a te.

Vedi anche: Aggiornamenti COVID-19

Secondo gli esperti, la reazione relativamente precoce del governo portoghese è stata determinante per rallentare la diffusione della malattia.

Il 13 marzo il Portogallo è stato posto in stato di allertath e poi in uno stato di emergenza ancora più severo solo cinque giorni dopo. In quel momento, ci sono stati solo tre morti a causa del nuovo coronavirus e 785 casi segnalati nel Paese. Quando la Spagna ha adottato misure simili, hanno già avuto 84 morti.

Per più di un mese, il Portogallo vive in condizioni di blocco generale, il che, in termini pratici, significa che sono consentiti solo i movimenti strettamente essenziali - come l'acquisto di cibo o medicinali e la pratica sportiva per brevi periodi di tempo.

L'unico confine terrestre del paese con la Spagna è chiuso, tutte le lezioni sono sospese, bar, club e ristoranti sono chiusi e grandi eventi sono cancellati.

Questa situazione anormale sta avendo un impatto sull'economia del paese.

Secondo le ultime previsioni del FMI, il PIL portoghese potrebbe diminuire dell'6.5%, il tasso più alto mai registrato, poiché la disoccupazione dovrebbe crescere dal 2019% nel 13.9 a oltre il 2020% nel -.

Mentre è improbabile che l'imminente raccolto del paese abbia un grande impatto, la crisi sta mettendo a dura prova i produttori di olio d'oliva in tutto il paese.

"In termini di produzione, non avrà un effetto così grande poiché tutto questo è iniziato quando la campagna è stata terminata ", ha detto Teles Branco. "A questo proposito, la cosa più importante ora è assicurarsi che, prima del Campagna 2020/21, i produttori di olio d'oliva hanno tutto ciò di cui hanno bisogno per prendersi cura dei loro alberi e che, quando arriva il momento, la raccolta viene effettuata nel miglior modo possibile. "

Il Portogallo è attualmente il nono produttore mondiale di olio d'oliva. Quest'anno, i produttori hanno registrato un raccolto di 125,400 tonnellate, il secondo totale più alto nella storia del paese, e uno studio recente suggerisce che il Portogallo ha il potenziale per diventare il terzo produttore al mondo entro il 2030.

Circa il 71 percento della produzione del paese proviene dalla regione dell'Alentejo.

Il consumo interno è uno dei pilastri chiave del settore dell'olio d'oliva del paese. Il paese iberico è al quarto posto nell'anno consumo di olio d'oliva, dopo Grecia, Spagna e Italia con 7.8 litri pro capite, in aumento rispetto ai 2.6 dell'inizio degli anni '1990, secondo i dati forniti da Casa do Azeite, Associazione portoghese dell'olio d'oliva.

"Al inizio della crisi il consumo di olio d'oliva è cresciuto visto che era considerato un prodotto essenziale e durevole, ma credo che la tendenza si stia invertendo ”, ha affermato Teles Branco.

"La chiusura di ristoranti, hotel e piccoli negozi sta avendo un impatto ", ha spiegato. "Si tratta di acquirenti importanti a livello nazionale e gran parte dell'olio d'oliva non verrà venduto perché quel canale è stato interrotto. I piccoli produttori stanno subendo un effetto molto negativo. I grandi produttori, che sono in grado di vendere nei supermercati, potrebbero far fronte meglio alla situazione ".

Francisco Pavão, presidente dell'Associazione dei produttori a denominazione di origine protetta di Trás-os-Montes e Alto Douro (APPITAD), ha descritto un'immagine in quella regione nord-orientale.

"I piccoli produttori di Trás-os-Montes non vendono praticamente nulla ", ha detto Olive Oil Times. "Dipendono da ristoranti e negozi che vendono prodotti locali di qualità nelle città turistiche, come Porto e Lisbona. La situazione per loro è drammatica. Le cooperative che lavorano con i grandi supermercati hanno aumentato le loro vendite durante le prime settimane del blocco, ma subiscono anche il rallentamento dei mercati internazionali, in particolare quello brasiliano ".

Magna Olea è un piccolo produttore vicino a Mirandela, a Trás-os-Montes, la seconda regione produttrice di olio d'oliva del paese, dove la quota di produttori tradizionali è più grande che in Alentejo.

Lo ha raccontato Maria do Pilar de Abreu e Lima, uno dei suoi proprietari Olive Oil Times come stanno affrontando la situazione attuale.

"La nostra attività si è praticamente fermata ", ha detto. "Non abbiamo molti ordini in questo momento, ma penso che quelli che stanno avendo più problemi siano quelli che hanno lavoratori e stipendi da pagare. Siamo un piccolo produttore di qualità e non abbiamo dipendenti ".

"Cogliamo l'occasione per provare ad avviare nuove linee di business nel Regno Unito e in Germania ”, ha aggiunto. "Inoltre, stiamo supportando gli chef con cui lavoriamo poiché anche i ristoranti stanno affrontando tempi difficili. Cerchiamo di utilizzare i canali digitali per condividere ricette e promuovere l'uso dell'olio d'oliva ".

Portoghese esportazioni di olio d'oliva subiscono anche le restrizioni alla mobilità a livello internazionale. Il volume di olio d'oliva del paese le esportazioni sono più che triplicate negli ultimi 10 anni, passando da 51,774 tonnellate nel 2010 a 158,688 nel 2019, secondo Casa do Azeite. Il Brasile rappresenta circa il 38% di questo commercio.

"Anche le esportazioni hanno ricevuto un impatto brutale ", ha detto Teles Branco. "A differenza dei paesi produttori, molti importatori non considerano l'olio d'oliva un prodotto di base ma un prodotto di lusso. Molti ordini internazionali sono stati annullati ".

"Dobbiamo cambiare questa mentalità e promuovere l'olio d'oliva in modo che sia visto come un prodotto essenziale nei paesi non produttori. Abbiamo un'opportunità per promuovere il benefici alla salute di olio d'oliva e per insegnare nuovi usi di questo prodotto a casa ", ha aggiunto.

Pavão condivide la conclusione che uno sforzo di comunicazione, sia a livello internazionale che nazionale, sarà fondamentale per il futuro del settore dell'olio d'oliva in Portogallo.

"Ora dobbiamo raggiungere le case dei nostri clienti ", ha affermato. "A livello internazionale, dobbiamo investire nella promozione dell'olio d'oliva come base del Dieta mediterranea. Dobbiamo parlare dei suoi benefici per la salute e anche di quanto sia importante la produzione di olio d'oliva per i nostri territori e la nostra cultura ".





Related News

Feedback / suggerimenti