`Planas: gli olivicoltori tradizionali saranno protetti nella nuova politica agricola comune - Olive Oil Times

Planas: gli olivicoltori tradizionali saranno protetti nella nuova politica agricola comune

Giu. 29, 2021
Daniel Dawson

Notizie recenti

In attesa dell'approvazione da parte dell'Unione Europea Politica agricola comune (PAC) questa settimana, il ministro spagnolo dell'agricoltura, della pesca e dell'alimentazione ha promesso sostegno per olivicoltori tradizionali.

"Svilupperemo un programma specifico perché è molto importante per la capacità competitiva del settore”, ha detto Luis Planas al Senato spagnolo.

Secondo Juan Vilar Strategic Consultants, gli oliveti tradizionali costituiscono circa il 70 percento di tutti gli uliveti spagnoli.

Vedi anche: Olivicoltori spagnoli che sostituiscono alberi secolari con quelli giovani

Poiché il settore della produzione olivicola tradizionale impiega 350,000 lavoratori, di cui 15,000 nei frantoi, e paga quasi 32 milioni di euro di salari all'anno, è "qualcosa per cui vale la pena lottare", ha aggiunto Planas.

La PAC 2023-27 consentirà a ciascuno Stato membro dell'UE di proporre il proprio piano strategico per attuare la nuova politica. Il principale tra gli obiettivi della PAC è promuovere le attività agricole familiari.

pubblicità

Il piano del governo per rafforzare la produzione tradizionale di olive fa anche parte di un impianto a 10 punte che ha implementato l'anno scorso. Planas ha detto al senato che questo piano ha contribuito al miglioramento del marketing, della qualità e promozione dell'olio d'oliva come prodotto sano ed emblematico del Dieta mediterranea.

Ha indicato le proiezioni del governo che nazionali consumo di olio d'oliva si prevede che raggiungerà le 550,000 ton e le esportazioni raggiungeranno 1.13 milioni di ton entro la fine dell'anno agricolo 2020/21, entrambi livelli record, a riprova del fatto che il piano sta funzionando.

Planas ha aggiunto che la stima della Commissione europea che l'olio d'oliva globale si prevede che il consumo cresca cinque per cento entro la fine del decennio in coppia con la decisione degli Stati Uniti e dell'UE di annullare le tariffe associati alla controversia commerciale Airbus-Boeing come motivi per essere ottimisti nel settore.

In conclusione, ha sottolineato che se si tiene conto del fatto che l'olio d'oliva rappresenta solo il tre per cento del consumo totale mondiale di olio vegetale, "le opportunità sono immense”.





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti