Nella competizione mondiale prevalgono i produttori di Sicilia e Sardegna

I produttori siciliani e sardi hanno vinto le sfide della pandemia di Covid-19 per produrre oli pluripremiati ancora una volta nel 2020.
Foto: Cooperativa Agrestis
Giu. 29, 2021
Paolo DeAndreis

Notizie recenti

Parte della nostra continuazione copertura speciale di 2021 NYIOOC World Olive Oil Competition.


Produttori da tutta Italia festeggiato un anno da record record Al 2021 NYIOOC World Olive Oil Competition dopo aver vinto 211 premi, tra cui 160 ori.

Tra i vincitori che hanno celebrato il loro successo dopo una stagione di raccolta difficile c'erano i produttori delle due isole più grandi d'Italia: Sicilia e Sardegna.

Siamo stati lieti di apprendere del Gold Award perché rappresenta un passo avanti nella ricerca della qualità e della distintività. È un segno sicuro che stiamo andando nella direzione giusta.- Salvatore Paparone, titolare, Cooperativa Agrestis

I produttori di entrambe le regioni hanno superato le sfide del tempo irregolare e un mercato rimodellato dalle misure sanitarie associate al associated Pandemia di covid-19. Tuttavia, decine di Gold e Silver Awards hanno confermato l'alta qualità del loro lavoro.

I produttori vincitori hanno raccontato Olive Oil Times gli elevati costi umani delle contromisure pandemiche in un settore le cui operazioni primarie – coltivazione, raccolta e lavorazione delle olive – rappresentano spesso gioiose attività ed eventi comunitari.

Vedi anche: I migliori oli d'oliva dall'Italia

Hanno anche sottolineato come gli effetti del cambiamento climatico colpiscano il territorio in modo disomogeneo con risultati imprevedibili per la produzione. Tuttavia, la maggior parte di loro ha trovato nuove opportunità nel mutevole scenario di mercato, che non ha ostacolato la loro partecipazione di successo alla competizione.

L'ultima stagione di raccolta in entrambe le regioni è stata colpita da condizioni estreme eventi meteorologici e carenza di manodopera. In alcuni oliveti, i volumi di produzione sono stati anche ridotti dal consueto periodo di chiusura biennale per molte cultivar.

"Il 2020 è un anno che dobbiamo lasciarci alle spalle per i suoi costi umani: le sofferenze causate dal tanti mesi di lockdown, i mercati stagnanti, l'incubo di un virus potenzialmente mortale e le incertezze sul futuro delle nostre attività”, Nicola Di Genova, titolare di Baglio Ingardia, Ha detto Olive Oil Times dopo aver ottenuto un Gold Award per i suoi 29 Grand Cru IGP Sicilia.

concorsi-europei-i-migliori-produttori-di-olivi-di-sicilia-e-sardegna-prevalgono-nel-concorso-mondiale-di-olivi

Foto: Baglio Ingardia

"È stato terribile, ma poiché le restrizioni sono ora messe da parte, per la maggior parte, abbiamo già avuto un nuovo inizio, con la produzione di oli d'oliva e vini di prima classe ", ha aggiunto. "Siamo felicissimi del Gold Award ricevuto nel primo anno di partecipazione al NYIOOC, che segna il nostro primo anno di produzione dell'olio extra vergine di oliva IGP Sicilia.”

Il focus del lavoro di Baglio Ingardia è principalmente sulla selezione e la manipolazione delle olive, ha spiegato Di Genova. Mentre i quattro diversi Grand Cru prodotti da Baglio Ingardia provengono da specifiche sezioni dell'oliveto, le olive vengono trattate allo stesso modo ma raccolte in momenti separati secondo i loro diversi gradi di maturazione.

"Selezioniamo manualmente le olive e le elaboriamo entro mezz'ora dalla raccolta", ha affermato Di Genova, sottolineando la particolare attenzione dedicata al processo di gramolatura e l'impiego delle più recenti tecnologie di spremitura, trasformazione e stoccaggio.

"Una bottiglia del nostro olio extra vergine di oliva rappresenta un anno di lavoro che a volte esce da un raccolto difficile ", ha affermato. "Nella nostra zona, ad esempio, gli shock termici dovuti al cambiamento climatico possono influenzare la presenza di agenti patogeni come il as Mosca della frutta o la tignola, i cui attacchi non sono facilmente deviati dalle nostre armi organiche”.

"Non è facile per noi agricoltori mantenere alta l'eccellenza dei nostri prodotti anno dopo anno», ha aggiunto Di Genova.

Con tre Gold Awards per i suoi prodotti di punta, Frantoi Cutrera, altro agricoltore siciliano, si conferma ancora una volta tra i migliori produttori mondiali di olio extra vergine di oliva.

concorsi-europei-i-migliori-produttori-di-olivi-di-sicilia-e-sardegna-prevalgono-nel-concorso-mondiale-di-olivi

Foto: Frantoi Cutrera

"Nel 2020, durante la fioritura, il clima si è mantenuto caldo e asciutto, e questo ha favorito l'allegagione", ha detto Sebastiano Salafia, direttore marketing dell'azienda di famiglia. Olive Oil Times. "Inoltre, il profilo termico tipico di questa zona ha migliorato la qualità dell'olio d'oliva”.

"Il Primo DOP Monti Iblei è ottenuto esclusivamente dalla cultivar Tonda Iblea, albero autoctono dei monti Iblei, la nostra casa». "Questo olivo ha radici antiche poiché si ritiene sia stato importato durante la dominazione araba in Sicilia, tra l'VIII e il 12th secolo."

Il boschetto dell'azienda è la testimonianza vivente del lavoro di generazioni di agricoltori locali, con tanti centenari e alcuni alberi millenari. La famiglia Salafia si prende cura degli alberi da decenni.

"Mio nonno ha sempre investito tutte le sue energie, permettendoci di continuare la sua passione e il legame che sentiva con una cultura antica e millenaria”, ha detto. "Io e la mia famiglia abbiamo fatto tesoro delle tecniche di coltivazione tradizionali e le applichiamo in modo sempre più tecnologico e sostenibile".

In qualità di produttore affermato di alta qualità, Frantoi Cutrera ha vissuto tutte le sfide causate dalla pandemia.

"È stato un anno difficile", ha detto Salafia. "Abbiamo dovuto affrontare una carenza di manodopera durante la raccolta e abbiamo dovuto lavorare con le severe limitazioni dovute alle norme di emergenza sanitaria”.

"La chiusura del settore Horeca [ospitalità] ha causato danni, ma ci sentiamo fortunati perché abbiamo superato tutti questi ostacoli e abbiamo avuto un ottimo anno per la qualità del nostro olio d'oliva ", ha aggiunto. "Questi premi compensano tutti i sacrifici che abbiamo sopportato”.

Situato a 250 metri sul livello del mare, in una delle regioni olivicole più famose della Sicilia, Tenute Caracci ha colpito l'oro per il secondo anno consecutivo al NYIOOC con una DOP Valle del Belice.

concorsi-europei-i-migliori-produttori-di-olivi-di-sicilia-e-sardegna-prevalgono-nel-concorso-mondiale-di-olivi

Foto: Tenute Caracci

"È stata una tale gioia ricevere il novità del Gold Award”, ha detto Mirko Caracci, titolare dell'aziendo olive oil Times. "Il nostro olio extra vergine di oliva è davvero un prodotto unico perché le sue caratteristiche dipendono dal nostro terroir molto speciale, che comprende il terreno, il clima e le differenze termiche tra il giorno e la notte”.

"I Denominazione d'origine protetta viene dalla Valle del Belice perché solo in questa zona limitata si verificano queste condizioni e conferiscono al nostro olio d'oliva i suoi tratti pluripremiati ", ha aggiunto.

Come molti altri produttori in tutta Italia, la chiusura del settore dell'ospitalità ha danneggiato le vendite dell'azienda. Tuttavia, hanno rafforzato i loro canali di e-commerce, che continueranno ad aggiungere valore per i produttori in futuro.

"Abbiamo visto un rafforzamento delle vendite dirette ai clienti, che hanno iniziato a consumare molto più olio d'oliva a casa data la chiusura dei ristoranti ", ha affermato Caracci. "L'e-commerce si è rivelato essenziale nel darci la possibilità di sviluppare ulteriormente la nostra azienda".

Il produttore ha aggiunto che parte del segreto del successo dell'azienda è la combinazione di una tradizione di produzione di olio d'oliva di 80 anni con la la più recente tecnologia.

"Mio nonno aveva alcuni uliveti con ulivi secolari, e nel tempo ne ha piantati molti altri, passando dall'autoproduzione e consumo alla vendita», racconta Caracci, agricoltore di 30 anni laureato in agraria ed enologia. .

"Grazie ai miei studi, la nostra azienda prende il meglio dai metodi di mio nonno e li unisce alle ultime tecnologie, con una forte attenzione alla qualità e al rispetto della natura”, ha aggiunto. "La mia missione è dare vita a prodotti di alta qualità nel rispetto dell'ambiente”.

Dall'altra parte della Sicilia, i produttori dietro al Cooperativa Agrestis attribuito la combinazione dei loro ulivi secolari e millenari e l'elevazione dei boschetti al loro successo al 2021 NYIOOC.

concorsi-europei-i-migliori-produttori-di-olivi-di-sicilia-e-sardegna-prevalgono-nel-concorso-mondiale-di-olivi

Foto: Cooperativa Agrestis

"Siamo stati felicissimi di conoscere il Gold Award perché rappresenta un passo avanti nella ricerca della qualità e della distintività”, ha detto Salvatore Paparone, titolare della cooperativa Olive Oil Times. "È un segnale sicuro che stiamo andando nella direzione giusta”.

La Cooperativa Agrestis si è aggiudicata un Gold Award per il suo Bell'Omio Bio, an olio extra vergine di oliva biologico.

Con sede ai piedi del Monte Lauro, Agrestis opera nell'agro di Buccheri, dove l'olivicoltura rappresenta un'antica tradizione e dove diversi 2021 NYIOOC si trovano i vincitori.

"Le variazioni di temperatura di queste magnifiche montagne mantengono forti i nostri alberi e ci forniscono olive Tonda Iblea uniche, che sono originarie della zona e hanno proprietà organolettiche speciali ", ha affermato Paparone.

A differenza della maggior parte delle aziende, i produttori dietro Agrestis potrebbero utilizzare il tempo creato dai blocchi di Covid-19 per raccogliere e macinare meticolosamente le loro olive, ottenendo uno dei loro migliori raccolti finora.

"Siamo fortunati a vivere e lavorare qui", ha detto Paparone. "Buccheri è un paesino così piccolo, immerso nella natura. Nella prima parte della pandemia, il mondo si è fermato per la prima volta da decenni. Abbiamo dovuto riorganizzarci e la passata stagione ci ha portato una delle migliori rese nella storia della nostra azienda”.

L'emergenza sanitaria non ha però colpito allo stesso modo tutti i produttori locali. I produttori dietro Vernera, che si trovano anche a Buccheri, racconta Olive Oil Times che l' "La pandemia è stata e continua ad essere un disastro”.

concorsi-europei-i-migliori-produttori-di-olivi-di-sicilia-e-sardegna-prevalgono-nel-concorso-mondiale-di-olivi

Foto: Vernera

"Al di là di tutte le preoccupazioni per il benessere dei nostri amici, dovevamo affrontare un mercato chiuso”, ha detto la titolare Mariagrazia Spanò.

Eppure Vernèra ha trionfato al 2021 NYIOOC con un Gold Award per la quarta volta consecutiva per il marchio Le Case di Lavinia, un monocultivar Tonda Iblea.

"Produrre un olio d'oliva di alta qualità significa portare sul mercato un prodotto di nicchia che, se si guarda al suo prezzo, potrebbe non essere competitivo ", ha affermato Spanò. "L'olio extra vergine di oliva ha bisogno di essere descritto al cliente, perché ne apprezzi la storia e ne conosca le qualità sensoriali e nutraceutiche”.

Spanò è stato felice di apprendere del nuovo successo al NYIOOC. La costanza con cui l'azienda si è comportata al concorso dà al produttore la fiducia che continua a muoversi nella giusta direzione.

"È un onore e un piacere, una conferma dell'affidabilità che mettiamo nel nostro lavoro, puntando sulla qualità e non sulla quantità”, ha detto. "Il quarto premio consecutivo ci dà la certezza che stiamo imboccando la strada giusta sulla strada che i nostri nonni hanno tracciato per noi cinque generazioni fa”.

Mentre la Sicilia potrebbe essere più nota per la sua produzione di olio d'oliva, anche i produttori della Sardegna hanno dimostrato la loro qualità duratura al World Olive Oil Competition.

Vedi anche: Gli oli d'oliva della Sardegna trovano un pubblico moderno

Accademia Olearia è stato tra i produttori vincitori della seconda isola più grande del Mediterraneo. L'azienda ha ottenuto un Silver Award per il suo marchio Riserva del Produttore.

"È il nostro prodotto di punta”, ha detto Giuseppe Fois, fondatore dell'aziendo olive oil Times. "La nascita di questo prodotto ha segnato l'inizio della nostra attività. Rappresenta quindi la filosofia della nostra azienda: la ricerca dell'eccellenza e la valorizzazione del nostro territorio”.

concorsi-europei-i-migliori-produttori-di-olivi-di-sicilia-e-sardegna-prevalgono-nel-concorso-mondiale-di-olivi

Foto: Accademia Olearia

La Riserva del Produttore è un blend medio di olive Bosana e Semidana che precedentemente ha vinto un Gold Award nel 2019.

"La Bosana è la cultivar dominante e porta con sé le sue caratteristiche di intensità e ricchezza di sapori e sensazioni gustative, che rispecchiano il fascino della nostra isola”, ha detto Fois.

Come i produttori in Sicilia e nel resto d'Italia, Fois ha affermato che la pandemia ha avuto un profondo impatto sugli agricoltori della Sardegna. Tuttavia, guadagnare il Silver Award è servito come un'eccellente ricompensa per tutte le difficoltà che l'azienda ha dovuto superare e li ha motivati ​​per i raccolti futuri.

"Partecipare a una competizione del genere è sempre una grande sfida, anche per le aziende affermate che sono già state riconosciute", ha affermato. "Questo è il motivo per cui è molto importante per noi vedere confermata la nostra ricerca dell'eccellenza”.

"Il settore dell'olio d'oliva è cambiato così tanto nel corso degli anni e molti nuovi marchi competono sul mercato internazionale ", ha aggiunto Fois. "Per noi partecipare e vincere significa rinnovare sfida e risultati, una conferma che il nostro territorio e la nostra passione possono promuovere le nostre produzioni a livello globale”.


pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti