L'olio d'oliva un fattore di straordinaria longevità di alcuni residenti sardi

Un nuovo studio mostra che il consumo di olio d'oliva ha svolto un ruolo nel mantenimento della salute cardiovascolare e della mobilità negli anziani sardi.
Può. 28, 2021
Paolo DeAndreis

Notizie recenti

Il consumo quotidiano di olio d'oliva potrebbe aver giocato un ruolo nella straordinaria longevità di una piccola popolazione omogenea nell'isola italiana di Sardegna, nuova ricerca spettacoli.

In una delle zone blu della longevità, aree in cui un numero insolito di persone vive una vita eccezionalmente lunga, abitudini alimentari specifiche attività fisica quotidiana hanno superato la genetica come fattore di longevità.

Come previsto, l'analisi ha mostrato un effetto benefico sulla salute dell'aumento dell'assunzione di olio d'oliva sulla salute percepita, sulle prestazioni fisiche e sulla funzionalità degli organi di senso.- Giovanni Pes, ricercatore in scienze mediche, Università di Sassari

"Da tempo i ricercatori si stanno concentrando sulle caratteristiche genetiche di questa piccola popolazione che vive nella zona montuosa della Sardegna centrale, poiché i dati demografici ci hanno mostrato come i loro dati di longevità e benessere differissero da quelli osservati nelle altre zone dell'isola , e anche in Italia", ha affermato Giovanni Pes, professore di scienze mediche presso l'Università di Sassari, in Sardegna, e autore principale dello studio appena pubblicato.

Inizialmente, i ricercatori si sono concentrati sulla storia dell'isola e sul suo secolare isolamento dal continente, che ha portato a un patrimonio genetico omogeneo e unico. Tuttavia, quegli studi non hanno aiutato a svelare il mistero.

Vedi anche: Health News

"La nostra ricerca, così come molte altre, condotte qui e altrove, suggeriscono che non esiste una correlazione diretta tra le caratteristiche genetiche della popolazione osservata e la loro longevità ", ha detto Pes Olive Oil Times. "Se guardiamo agli studi più recenti su genetica e longevità, capiamo come il fattore genetico non superi il cinque o sei per cento nel determinare la longevità di una popolazione».

Lo stile di vita, l'alimentazione, l'attività fisica e il legame sociale devono aver giocato un ruolo più significativo nel determinare le caratteristiche della Longevity Blue Zone rispetto alla genetica, ha affermato Pes.

I ricercatori hanno studiato questi tratti in un campione di 150 dei residenti più anziani dell'isola, la cui età variava tra i 90 ei 101 anni.

"I partecipanti sono stati intervistati utilizzando questionari convalidati per valutare la frequenza di consumo di prodotti alimentari comuni e la correlazione con salute auto-valutata, comorbilità, livello affettivo e cognitivo, mobilità fisica, disabilità e parametri antropometrici ", ha detto Pes.

La ricerca ha studiato come le abitudini alimentari sono cambiate nel tempo nel campione intervistato.

"Parliamo di una popolazione che mangiava molto semplicemente, gente generalmente povera che aveva accesso a ciò che la loro terra poteva offrire, come i latticini derivati ​​da pecore e capre, con pochissime attività agricole che si svolgevano su quelle ripide colline». disse. "Mangiavano enormi quantità di pane cotto con i cereali importati dalla pianura, oltre a legumi e patate che si coltivavano in piccoli orti”.

Quella popolazione a metà del 20th secolo mangiava principalmente grassi animali saturi, come lo strutto, ottenendo così una longevità insolita.

"Sappiamo che i grassi saturi sono associati a un rischio maggiore di malattia cardiovascolare", ha detto Pes. "A quel tempo, però, quella popolazione era eccessivamente attiva ogni giorno ".

"In studi precedenti, abbiamo determinato una correlazione tra l'inclinazione del terreno delle colline e le molte miglia che erano solite percorrere ogni giorno con la loro longevità", ha aggiunto. "Il loro consumo energetico era significativamente superiore a quello degli abitanti delle pianure e ha svolto un ruolo rilevante nel consentire loro di preservare la loro forma cardiovascolare in età avanzata”.

Vedi anche: Gli oli d'oliva della Sardegna trovano un pubblico moderno

I ricercatori ritengono inoltre che anche i tradizionali legami familiari abbiano avuto un ruolo nella salute di questi residenti eccezionalmente anziani della Longevity Blue Zone.

"Sono famiglie che sono abituate a vivere vicine, una generazione dopo l'altra", ha detto Pes. "I parenti più anziani vivono con le generazioni più giovani. Gli scambi emotivi e il dialogo contribuiscono alla loro salute mentale. Gli anziani sono molto rispettati da tutti qui, a differenza che altrove”.

L'introduzione di una dieta più varia e la sostituzione dello strutto con l'olio d'oliva hanno portato ulteriori miglioramenti, hanno aggiunto i ricercatori.

"La nostra ricerca si è concentrata sulle loro scelte alimentari in giovane età, indagando sulla loro storia alimentare", ha detto Pes. "Se da un lato devono essere considerati tutti i limiti alla ricerca basata sulla memoria del campione intervistato, dall'altro riteniamo che durante la loro transizione nutrizionale le loro abitudini alimentari siano migliorate poiché Dieta mediterranea. "

Negli ultimi decenni, produzione di olio d'oliva si sta espandendo in Ogliastra, che si trova nel cuore della Longevity Blue Zone. L'olio extravergine di oliva di alta qualità è ora prodotto e consumato dai residenti locali.

"La transizione nutrizionale è spesso considerata un processo negativo che comporta il passaggio da una dieta sana tradizionale ricca di nutrienti a una dieta caratterizzata da un consumo eccessivo di proteine, grassi saturi e zuccheri semplici", hanno scritto i ricercatori nello studio.

"Tuttavia, nella zona blu della longevità sarda, il processo ha portato anche elementi positivi", hanno aggiunto. "La dieta tradizionale, che prevedeva un apporto sbilanciato di carne e latticini, è stata progressivamente sostituita da una dieta più rappresentativa del tipico modello mediterraneo, dove era maggiore il consumo di pesce, verdure a foglia verde e frutta”.

La ricerca ha mostrato come il cambiamento nelle abitudini alimentari durante la transizione nutrizionale abbia portato a diversi risultati di salute e stato funzionale.

"Come previsto, l'analisi ha mostrato un effetto benefico sulla salute dell'aumento dell'assunzione di olio d'oliva sulla salute percepita, sulle prestazioni fisiche e sulla funzionalità degli organi di senso ", hanno scritto gli scienziati. "Inoltre, è stata rilevata un'associazione positiva tra un aumento dell'assunzione di carne di pecora, capra e pollo e la funzionalità nelle attività della vita quotidiana, suggerendo che un surplus di proteine ​​animali potrebbe aver indirettamente migliorato le prestazioni motorie preservando la massa muscolare.

"Sebbene il consumo di carne sia stato collegato a un aumento della mortalità per tutte le cause, questo è limitato a carni rosse e lavorate, mentre il consumo di carne di pollame, come nel caso della Longevity Blue Zone, può fornire diversi benefici per la salute", hanno aggiunto. "Il consumo di latticini, simile prima e dopo la transizione nutrizionale, non ha influito sugli indicatori di salute”.

Per posizionare correttamente tutti i pezzi di un puzzle molto complesso, i ricercatori stanno ora lavorando con i loro colleghi, che stanno studiando i residenti più anziani di altre tre zone blu conosciute: l'isola greca di Ikaria, l'isola giapponese di Okinawa e Nicoya in Costa Rica .

"Sebbene le abitudini alimentari possano differire in modo rilevante, ora stiamo studiando i fattori comuni", ha concluso Pes.





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti