tunisino Olive Oil Proi produttori prosperano nonostante le turbolenze politiche

Mentre una delle più grandi nazioni produttrici di olive al mondo subisce cambiamenti che preoccupano gli osservatori internazionali, gli olivicoltori sono più preoccupati per il cambiamento climatico.

4 novembre 2021 10:53 CEST
Di Paolo DeAndreis

Notizie recenti

Le misure straordinarie introdotte nei mesi scorsi dal presidente tunisino Kais Saied per concentrare i poteri del proprio ufficio avranno conseguenze di vasta portata.

Comunque, locale olive oil proiduttori e gli esperti politici non credono che ciò che sta accadendo avrà un impatto sul settore dell'olio d'oliva.

A meno che le cose non vadano fuori controllo e la Tunisia non affronti una forte instabilità, sembra che il settore agricolo dovrebbe rimanere così com'è.- Sarah Yerkes, Carnegie Endowment for International Peace

Con 240,000 tonnellate di olio d'oliva previste per l'anno agricolo 2021/22, la Tunisia rimarrà tra i più grandi paesi produttori di olio d'oliva al mondo. Negli ultimi due decenni, il settore è stato alimentato da grandi investimenti e in costante aumento tassi di global consumo di olio d'oliva.

Vedi anche: Aggiornamenti del raccolto 2021

Secondo i dati del Ministero dell'Agricoltura, la Tunisia prevede di esportare almeno 180,000 tonnellate di olio d'oliva nel 2021/22. L'anno agricolo in corso si è aperto subito dopo che Saied ha congelato il parlamento del paese, ha licenziato il primo ministro e ha annunciato che avrebbe governato il paese per decreto.

Il suo ufficio ha chiarito che la costituzione rimarrà in gran parte intatta, ma non è più in vigore qualsiasi disposizione che limiti il ​​potere del presidente. A fine settembre Saied ha nominato un nuovo primo ministro ed è stato formato un nuovo governo.

pubblicità

Mentre l'instabilità politica e l'incertezza sul futuro della democrazia nordafricana potrebbero avere un impatto su un pezzo essenziale dell'economia dell'olio d'oliva del paese - esportazioni e relazioni commerciali internazionali - gli esperti affermano che non è ancora così.

"Mentre il sostegno di Saied tra l'élite politica, come i partiti politici e i grandi gruppi della società civile, sta diminuendo, il sostegno pubblico per le sue azioni rimane alto", ha detto Sarah Yerkes, membro anziano del programma Carnegie Endowment for International Peace per il Medio Oriente. Olive Oil Times.

"Ciò è in gran parte dovuto al fatto che molti tunisini sono stufi degli attori politici tradizionali e non hanno visto alcun miglioramento nella loro vita quotidiana nel decennio successivo alla rivoluzione", ha aggiunto. "Molti di loro vedono Saied come qualcuno che sta cercando di dare alla Tunisia un nuovo inizio e ritenere responsabili coloro che non sono riusciti ad affrontare le sfide della Tunisia".

"Tuttavia, Saied non ha dimostrato di avere alcun piano reale o efficace per affrontare i problemi economici, sociali o politici che attualmente deve affrontare il Paese", ha continuato Yerkes. "E con tutto il potere concentrato nelle sue mani, non avrà nessuno da incolpare se non sarà in grado di consegnare”.

Diversi osservatori internazionali hanno rivolto a Saied appelli per ripristinare il parlamento e restituire il potere ai funzionari eletti. Negli ultimi giorni, più di 30 attivisti locali per i diritti umani hanno chiesto a Saied in una lettera aperta di fissare un limite di tempo per le sue misure straordinarie.

Hanno denunciato un clima di odio e repressione, che ritengono sia il vero motivo dell'arresto dell'ex ministro dell'Agricoltura Samir Bettaieb con l'accusa di corruzione.

Allo stesso tempo, i dirigenti del Consiglio oleicolo internazionale (CIO) di recente hanno incontrato i loro omologhi tunisini nella capitale Tunisi, che ha confermato la normalizzazione delle relazioni internazionali tunisine.

L'incontro del CIO con l'attuale ministro dell'Agricoltura Mahmoud Elias Hamza si è concentrato sullo sviluppo della cooperazione internazionale sia nella formazione di esperti locali che nella partecipazione del Paese ai prossimi incontri internazionali del CIO. Anche la Tunisia è stata confermata ospite d'onore di Expoliva 2023.

Nonostante l'incertezza politica, i produttori del paese hanno detto Olive Oil Times che la più grande minaccia che continuano ad affrontare è cambiamento climatico.

"La nuova stagione promette di essere nella media in termini di volumi di olio d'oliva, data la siccità e la scarsità d'acqua ", ha affermato Salah Ben Ayed, il proprietario di Domaine Adonis, che ha vinto due Gold Awards al 2021 NYIOOC World Olive Oil Competition.

africa-medio-oriente-produzione-impresa-tunisina-produttori-di-olio-d'oliva-prosperano-nonostante-disordini-politici-i tempi-dell'olio-d'oliva

Veduta aerea di un uliveto in Tunisia

"In effetti, il cambiamento climatico si fa sempre più sentire nel tempo a causa del caldo e della mancanza di precipitazioni", ha detto Olive Oil Times.

pubblicità

"Il tempo era duro ultimamente. Quest'anno abbiamo avuto un'estate molto calda con quasi nessuna pioggia, il che ha messo a dura prova i nostri alberi", ha aggiunto Karim Fitouri, il fondatore di Olivko, i cui oli extra vergini di oliva anche premi guadagnati Al 2021 NYIOOC.

"Tuttavia, abbiamo capito dalla storia e dalla natura che gli ulivi sono sopravvissuti ", ha detto Olive Oil Times. "Per diverse migliaia di anni, l'olivo è riuscito a rimanere forte attraverso molti disastri".

Vedi anche: Il Regno Unito riduce le tariffe sulle importazioni di olio d'oliva tunisino dopo la firma dell'accordo commerciale

Insieme alle preoccupazioni per il clima, Ben Ayed ha spiegato che le altre preoccupazioni dei produttori locali provengono da prezzi di mercato bassi per l'olio d'oliva e il fatto che sia benefici alla salute non sono ancora molto conosciuti in Tunisia e poco apprezzati all'estero.

"Se guardiamo al futuro dell'alta qualità olive oil produzione in Tunisia, possiamo essere ottimisti, vista la crescita della domanda sperimentata durante il Pandemia di covid-19, "Ha detto. "Tuttavia, molti consumatori non differenziano le diverse qualità dell'olio d'oliva ".

Secondo Fitouri, uno dei modi in cui i produttori tunisini hanno rafforzato la loro posizione sia sul mercato nazionale che internazionale è attraverso la vittoria di premi in concorsi internazionali. I consumatori, ha aggiunto, seguiranno.

"Il Covid-19 ha accelerato il processo di sensibilizzazione sulla salute pubblica", ha affermato Fitouri. "Se qualche anno fa si fosse chiesto al grande pubblico che cos'è il sistema immunitario, solo pochi sarebbero stati in grado di rispondere».

"Ma ora le cose stanno cambiando", ha aggiunto. "Le persone ora sanno di aver bisogno di cibo di buona qualità e hanno iniziato a capire i benefici dell'extra vergine olive oil provideo.”

Recentemente la Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo (BERS) finanziamento confermato per diversi progetti a sostegno dello sviluppo del settore dell'olio d'oliva in Tunisia.

Vedi anche: I migliori oli d'oliva dalla Tunisia

Dal 2012 la BERS ha assegnato 6.2 milioni di euro in prestiti per favorire la competitività delle esportazioni e la crescita economica del Paese. In questo scenario, il settore dell'olio d'oliva gioca un ruolo fondamentale. Alcuni degli ultimi fondi sosterranno specificamente olive oil proproduzione, imbottigliamento ed esportazione.

pubblicità

"Non credo che l'agricoltura ne soffrirà”, ha detto Yerkes. "Finora, l'Europa e gli Stati Uniti sono stati relativamente in sordina nelle loro risposte a Saied e l'assistenza continua a fluire con relazioni ampiamente normalizzate".

"A meno che le cose non vadano fuori controllo e la Tunisia non affronti una massiccia instabilità, sembra che il settore agricolo dovrebbe rimanere così com'è", ha aggiunto.

L'Unione europea è di gran lunga il più grande cliente di olio d'oliva della Tunisia. Secondo il Consiglio nazionale dell'olio d'oliva tunisino, circa l'80 percento di tutte le esportazioni viene spedito nell'UE, con una quota di mercato in crescita negli Stati Uniti e in Canada.

"La Tunisia è ora sulla strada giusta per diventare uno dei leader dell'extravergine di alta qualità olive oil produzione”, ha concluso Fitouri. "Il nostro clima secco e il nostro terreno perfetto rendono il nostro paese la casa ideale per gli ulivi".





Olive Oil Times Video Serie
pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti