`Il consumo di olio d'oliva è stabile mentre la produzione diminuisce, gli ultimi dati mostrano - Olive Oil Times

Il consumo di olio d'oliva è stabile mentre la produzione diminuisce, gli ultimi dati mostrano

Giu. 19, 2021
Paolo DeAndreis

Notizie recenti

Nonostante la stragrande maggioranza del mondo lotti per contenere il Pandemia di covid-19, globale consumo di olio d'oliva non ha vacillato, secondo l'ultimo rapporto del Consiglio oleicolo internazionale (CIO).

Il CIO stima che il consumo raggiungerà i 3.211 milioni di tonnellate nell'annata 2020/21, che termina a settembre, appena lo 0.2% in meno rispetto all'anno precedente.

La Spagna è un paese che attualmente non è nella sua migliore gamma di produzione di olio d'oliva, a causa di diversi motivi.- Juan Vilar, consulente strategico

Tuttavia, globale produzione di olio d'oliva si stima che raggiunga 3.034 milioni di tonnellate, un calo del 6.9 percento rispetto allo scorso anno, ma solo dell'1.7 percento al di sotto della media mobile quinquennale.

Nel frattempo, anche le importazioni sono diminuite del 9.3%, raggiungendo 1.074 milioni di tonnellate e le esportazioni sono diminuite dell'8.8%, a 1.132 milioni di tonnellate.

Vedi anche: Aggiornamenti del raccolto 2021

La Spagna ha confermato ancora una volta il suo ruolo di primo produttore di olio d'oliva, con la produzione per l'annata agricola in corso si stima che raggiunga 1.4 milioni di tonnellate, un aumento del 24% rispetto all'anno precedente e dell'1.9% al di sopra della media mobile quinquennale.

Il rendimento di quest'anno è il secondo più alto per la Spagna nell'ultimo mezzo decennio, ma bene sotto i 1.785 milioni di tonnellate registrato nell'annata agraria 2018/19. Secondo Juan Vilar, un consulente internazionale per l'olio d'oliva, la produzione spagnola non sta ancora raggiungendo il suo pieno potenziale.

"La Spagna ha abbastanza ulivi per raggiungere, a partire da ora, due milioni di tonnellate di produzione di olio d'oliva ", ha detto Vilar Olive Oil Times. "La Spagna è un paese che attualmente non è nella sua migliore gamma di produzione di olio d'oliva, a causa di diversi motivi come la bassa percentuale di olio nel frutto, le cattive condizioni climatiche, la cattiva gestione dei ulivi tradizionali in un momento di prezzi bassi e così via.”

Tuttavia, il sostanziale aumento della produzione in Spagna è stato parzialmente compensato da un forte calo della produzione in Italia, il secondo paese produttore. Quest'anno, l'Italia ha prodotto 270,000 tonnellate, più o meno quanto la Grecia. Il rendimento di quest'anno è stato del 27% inferiore a quello dell'anno precedente e del -% inferiore alla media mobile quinquennale.

"Non è sorprendente ", Anna Cane, presidente del gruppo dell'olio d'oliva all'interno del Associazione Italiana dell'Industria Olearia (Assitol), ha detto Olive Oil Times.

"L'olivicoltura italiana non può coprire la domanda di olio d'oliva ", ha aggiunto. "Le aziende richiedono un milione di tonnellate di olio d'oliva dal settore agricolo all'anno sia per le esportazioni che per il mercato interno, quote molto al di sopra della nostra produzione nazionale. Abbiamo bisogno di importazioni, ma dobbiamo anche aumentare le rese nazionali".

In una nota stampa, il presidente della federazione olearia all'interno dell'associazione agricola Confagricoltura, Walter Placida, ha affermato che "la forte riduzione dei nostri raccolti è diventata endemica. Dobbiamo contrastarlo presto con un approccio attivo e pratico”.

Secondo Cane, il settore olivicolo italiano deve spingere per innovare, mentre concentrandosi sulle migliori pratiche agricole e l'implementazione di nuove tecnologie e digitalizzazione in tutto il settore.

"Tutto questo è spesso visto da alcuni nel settore come un attacco alla tradizione", ha affermato. "Al contrario, è il modo migliore per salvaguardare la nostra storia e i nostri prodotti, circondati da concorrenti i cui punti di forza sono l'innovazione e la capacità di agire come una filiera produttiva omogenea”.

Nel frattempo, la Grecia ha sperimentato solo un lieve calo della produzione dell'1.8% rispetto all'anno precedente, ma del 5.8% al di sotto della media mobile quinquennale. Anche il Portogallo ha subito una sostanziale diminuzione, con una produzione che scende a 100,000 tonnellate, il 28.8 percento in meno rispetto al 2019/20 e l'8.3 percento al di sotto della media mobile quinquennale.

Dall'altra parte del Mar Mediterraneo, la produzione in Marocco è salita a 160,000 tonnellate, il 10% in più rispetto all'anno precedente e il -% in più rispetto alla media mobile quinquennale.

Tuttavia, la vicina Tunisia ha visto diminuire la sua produzione a sole 140,000 tonnellate dopo un raccolto record nel 2019/20, un terzo al di sotto della media mobile quinquennale. Anche la produzione in Algeria è diminuita notevolmente scendendo a 90,000 tonnellate, leggermente al di sotto della media mobile quinquennale.

Sulla sponda orientale del Mediterraneo, produzione in Turchia è sceso leggermente a 210,000 tonnellate, appena al di sotto della media mobile quinquennale.

"La flessione della produzione in Spagna, Italia, Grecia, Portogallo e Tunisia significa che paesi come Stati Uniti, Cile e Australia, che detengono il cinque percento della produzione di olio d'oliva e non sono membri del CIO, aumenteranno il loro ruolo specifico ", ha affermato Vilar. . "Dei 67 paesi che producono olio d'oliva, la loro superficie totale di uliveti comprende il sei percento.

I paesi membri del CIO rappresentano il 92 percento dell'area coltivata a olive e il 93 percento della produzione mondiale totale di olio d'oliva nell'ultima stagione.

Il CIO stima che i più grandi mercati dell'olio d'oliva - Bari in Italia, Chania in Grecia e Jaén in Spagna - comprendano oltre il 60 percento della produzione globale di olio d'oliva.

"I prezzi in questi tre paesi, in particolare in Spagna, hanno un impatto su altri paesi produttori e principalmente sugli oli che intendono esportare", ha affermato il CIO.

Negli ultimi 10 anni, l'extravergine medio prezzo dell'olio d'oliva a Jaén era di 274.90 euro per 100 chilogrammi, mentre il suo prezzo è ora di 326.50 euro per 100 chilogrammi.

A Bari la media di quel periodo era di 419.10 euro, ora è di 460 euro. Stessa tendenza a Chania, dove la media dell'ultimo decennio è stata di 268.90 euro contro gli attuali 315 per 100 chilogrammi.

Tuttavia, i prezzi e le tendenze del mercato internazionale dell'olio d'oliva sono sempre più influenzati dalle importazioni di olio d'oliva dei paesi non COI.

Vilar ha aggiunto che anche se il consumo di olio d'oliva è sempre più popolare in tutto il mondo a causa del forte richiamo delle qualità salutari dell'olio d'oliva, c'è spazio per un'ulteriore crescita.

"Dei 199 paesi che consumano olio d'oliva, i paesi del CIO rappresentano l'86 percento della domanda mentre le nazioni non CIO acquisiscono un ruolo maggiore, ovvero rappresentano il 13 percento del consumo totale, principalmente a causa della domanda sperimentata da gli Stati Uniti", ha detto. "Il resto dei paesi, 156, ha raggiunto solo l'uno per cento del consumo totale”.

Secondo le recenti stime del Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti, il consumo globale di olio d'oliva è dovrebbe crescere costantemente, data la crescente popolarità del prodotto e l'aumento dei prezzi degli oli vegetali alternativi.

La Commissione europea stima inoltre che il consumo globale di olio d'oliva sarà aumentare di almeno il cinque percento entro la fine del decennio.





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti