L'etichetta proposta consentirebbe ai consumatori di confrontare la sostenibilità dei prodotti alimentari

I ricercatori in Francia affermano che l'etichetta valuterebbe l'impronta ambientale degli alimenti in base alle pratiche agricole, all'impatto sulla biodiversità e agli effetti sui cambiamenti climatici.

Settembre 14, 2021
Di Paolo DeAndreis

Notizie recenti

I consumatori potranno un giorno scegliere velocemente tra i prodotti alimentari venduti sugli scaffali dei supermercati in base al loro impatto ambientale.

Ricercatori in Francia hanno creato l'etichetta frontale Planet-Score (FOPL) che valuta i prodotti alimentari in base alle loro pratiche agricole e agli impatti sulla biodiversità, il benessere degli animali e cambiamento climatico.

La creazione di tali loghi è essenziale per informare la popolazione, soprattutto perché (l'impatto ambientale), a seconda del cibo, è meno intuitivo per il grande pubblico rispetto alle sue qualità nutrizionali.- Emmanuelle Kesse-Guyot, direttrice della ricerca, Istituto nazionale francese di ricerca agricola

In un rapporto inviato al governo francese per la valutazione, i creatori di Planet-Score hanno spiegato che l'UFPL rappresenta una valida risposta al crescente interesse mostrato dai consumatori per quanto riguarda l'impatto della produzione alimentare sull'ambiente.

Vedi anche: Il progetto pilota sperimenterà un nuovo marchio di qualità ecologica per i pacchetti alimentari europei

I ricercatori sperano che la nuova etichetta venga adottata in Francia dall'Agenzia per la transizione ecologica (ADEME), che ha recentemente lanciato un appello per la creazione di questo tipo di etichette. In definitiva, i ricercatori sperano che le etichette vengano adottate in tutta Europa.

Mentre i precedenti marchi di qualità ecologica hanno evidenziato l'impatto ambientale di un prodotto specifico, Planet-Score consentirà ai consumatori di confrontare i diversi impatti ambientali dei diversi tipi di prodotti alimentari.

Ad esempio, i ricercatori hanno affermato che un succo di frutta potrebbe essere paragonato ad altri prodotti a base di frutta o prodotti lattiero-caseari e carne.

"La creazione di tali loghi è essenziale per informare la popolazione, soprattutto perché [l'impatto ambientale], a seconda del cibo, è meno intuitivo per il grande pubblico rispetto alle sue qualità nutrizionali", Emmanuelle Kesse-Guyot, epidemiologo nutrizionista alla Sorbona di Parigi Cité e il direttore della ricerca dell'Istituto nazionale francese di ricerca agricola, hanno detto Olive Oil Times. Non è stata direttamente coinvolta nello sviluppo di Planet-Score.

Secondo i suoi creatori presso l'Istituto francese per l'agricoltura e l'alimentazione biologica (ITAB), la formulazione del sistema di valutazione Planet-Score è stata impegnativa a causa della complessità di tutti i dati, provenienti dal database Agribalyse, utilizzati per determinare i punteggi.

Utilizzando in precedenza Agribalyse, ADEME ha classificato migliaia di prodotti alimentari in base al loro impatto ambientale. Tuttavia, i funzionari ITAB hanno affermato che alcune delle sue caratteristiche del set di dati devono essere corrette per essere utilizzate in Planet-Score.

"Per progettare un logo, è necessario che i dati utilizzati per costruirlo siano molto robusti e tengano conto di tutti i parametri relativi alle pressioni ambientali", ha affermato Kesse-Guyot. "Lo stato attuale dei dati scientifici consente di considerare molto correttamente l'impronta di carbonio della dieta. Tuttavia, per altri impatti, è molto più complicato”.

ITAB sta lavorando con Sayari e le organizzazioni di ricerca Very Good Future per riformulare i dati disponibili da un'ampia serie di fonti e implementare nuovi indicatori per determinare il punteggio aggregato dei sistemi alimentari e di produzione per Planet-Score.

Secondo i sostenitori di Planet-Score, l'attuale metodologia ADEME basata sulla valutazione del ciclo di vita non considera sufficientemente l'ampia gamma di elementi necessari per tale etichetta.

L'etichetta-proposta-del-mondo-europa-consentirebbe-ai-consumatori-di-confrontare-la-sostenibilità-dei-prodotti-alimentari-tempi-dell'olio-d'oliva

Foto: Istituto di agricoltura e alimentazione biologica

Tra le questioni più critiche nell'ottenere un tale punteggio c'è la valutazione del cibo's impatto sulla biodiversità.

"La biodiversità è una questione che non può essere trascurata e le attuali conoscenze non consentono di collegare questa nozione al cibo", ha affermato Kesse-Guyot.

I ricercatori dell'ITAB hanno confermato che la biodiversità "è tenuto molto poco in considerazione” dagli attuali approcci valutativi. I principali fattori trainanti della biodiversità, hanno spiegato i ricercatori, sono la frammentazione dell'habitat, il cambiamento climatico, l'inquinamento, l'eccessivo sfruttamento delle specie e le specie invasive.

I ricercatori hanno scritto che i dati necessari per valutare correttamente il Planet-Score di un alimento dovrebbero considerare anche il benessere degli animali, uso di pesticidi e rifiuti generati dalla produzione e dal consumo di cibo. Tutti questi devono essere integrati nello schema di valutazione omogeneo finale.

Planet-Score presenterà anche una valutazione sintetica basata su uno schema colorato di cinque lettere, con il "Verde A” che rappresenta il miglior punteggio e il "Red E” il minimo.

L'idea del nuovo Planet-Score è stata accolta con favore da alcuni produttori di olio d'oliva italiani, molti dei quali hanno precedentemente opposto altri schemi di etichettatura, come il punteggio Nutri. Creato in Francia e ora utilizzato in diversi paesi europei, Nutri-Score è una FOPL incentrata sul profilo nutrizionale degli alimenti classificati con un'etichetta in scala colorata dalla A alla E.

Olio d'oliva biologico è probabile che riceva un punteggio elevato da Planet-Score come lo sono gli ulivi molto efficace al sequestro dell'anidride carbonica e degli uliveti tradizionali può essere coltivato per ripristinare la biodiversità a determinati habitat.

"Accogliamo con favore tutte le politiche che possono aiutare a guidare ed educare il consumatore verso scelte consapevoli che possono difendere il pianeta ", ha affermato Anna Cane, presidente del gruppo olio d'oliva all'interno del Associazione Italiana dell'Industria Olearia (Assitolo).

Tuttavia, ha aggiunto che "dobbiamo fare in modo che un nuovo potenziale FOPL possa essere facilmente compreso dal consumatore e che le regole su cui si basa siano armonizzate tra i paesi interessati”.

"Se ciò non dovesse accadere, potremmo generare etichette confuse, cosa che accade già con altri loghi alimentari che creano più complessità per gli operatori pur non raggiungendo gli obiettivi a cui erano diretti”, ha continuato.

Kesse-Guyot ha affermato che un'ulteriore sfida consiste nell'introdurre Planet-Score con un approccio inclusivo, data la complessità dei dati coinvolti e la diversa robustezza dei set di dati utilizzati per determinare tale punteggio.

"Per l'implementazione di tali loghi, è fondamentale che non sia fatto troppo rapidamente con il rischio di tralasciare gli elementi meno documentati", ha affermato.

Tuttavia, Planet-Score è già stato accolto da diverse organizzazioni non governative e gruppi ambientalisti.

Sul suo sito web, i ricercatori ITAB evidenziano come la loro proposta sia da considerare un primo passo. Sperano che la comunità scientifica francese e internazionale contribuirà a sviluppare ulteriormente il punteggio per raggiungere un "transizione alimentare sostenibile”.

"Consideriamo Planet-Score uno strumento formidabile per condurre verso un approccio più consapevole all'intero ecosistema di agricoltori, produttori, trasformatori e distributori", hanno concluso i ricercatori ITAB.





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti