Le esportazioni di olio d'oliva in Europa a ritmo da record

L'UE prevede anche importazioni record per la campagna 2019/20.
Ottobre 6, 2020
Daniel Dawson

Notizie recenti

Unione europea esportazione di olio d'oliva secondo il direttore generale dell'agricoltura e dello sviluppo rurale, i volumi stanno raggiungendo un nuovo record nella campagna 2019/20 relazione sulle prospettive di mercato a breve termine per l'autunno 2020.

Da ottobre 2019 a luglio 2020, le esportazioni sono aumentate in modo significativo e stanno raggiungendo le 820,000 tonnellate. Secondo i dati del Consiglio oleicolo internazionale, il record precedente è stato raggiunto nella campagna 2018/19, quando il blocco ha esportato tonnellate 647,600.

Questi flussi crescenti (di importazioni) sono guidati dalle esigenze sia di trasformazione che di riesportazione dell'UE, il che aiuta a sostenere le relazioni commerciali in alcune destinazioni di esportazione in cui alcune esportazioni dell'UE sono limitate a causa delle tariffe di ritorsione.- Direttore generale dell'agricoltura e dello sviluppo rurale, 

I volumi delle esportazioni sono aumentati verso ciascuna delle principali destinazioni dell'olio d'oliva dell'UE, incluso un aumento del 32% delle spedizioni sia in Brasile che nel Regno Unito (che ha lasciato formalmente l'UE il 31 gennaio 2020), un aumento del 16% negli Stati Uniti e aumenti del tre percento sia in Giappone che in Cina.

Insieme, questi cinque paesi rappresentano circa il 70 percento di tutte le esportazioni di olio d'oliva dal blocco commerciale di 27 membri.

Vedi anche: Notizie commerciali

Tuttavia, persistentemente basso prezzi dell'olio d'oliva in tutta l'UE significa che il valore di queste esportazioni non corrispondeva al volume. Il valore delle esportazioni di olio d'oliva negli Stati Uniti è diminuito di circa il tre percento ed è diminuito del 10 percento sia in Giappone che in Cina nel 2019/20.

La qualità conta.
Trova i migliori oli d'oliva del mondo vicino a te.

Insieme alle esportazioni, anche le importazioni di olio d'oliva potrebbero raggiungere un massimo storico, con l'UE che dovrebbe portare 240,000 tonnellate nella campagna 2019/20. Il precedente record di importazione era di 231,800 tonnellate nella campagna 2003/04.

Si prevede che quasi il 90% di queste importazioni proverrà dalla Tunisia, il che è previsto ottenere esportazioni record in 2019 / 20.

"Questi flussi crescenti sono guidati sia dall'elaborazione dell'UE che esigenze di riesportazione, che aiuta a sostenere le relazioni commerciali in alcune destinazioni di esportazione in cui alcune esportazioni dell'UE sono limitate a causa delle tariffe di ritorsione ", hanno scritto gli autori del rapporto, riferendosi al imposizione di una tariffa del 25 per cento dagli Stati Uniti sulle importazioni di olio d'oliva spagnolo confezionato nell'ottobre 2019.

Vedi anche: Alcuni segnali suggeriscono prospettive migliori per gli agricoltori greci

Mentre sia le esportazioni che le importazioni dovrebbero aumentare vertiginosamente con la fine della campagna agricola, consumo di olio d'oliva dovrebbe aumentare del tre per cento nell'UE

L'aumento è principalmente alimentato da "forti consumi da parte delle famiglie ”, che il rapporto attribuisce ai blocchi imposti dalla maggior parte dell'Europa per frenare la diffusione del Pandemia di COVID-19 e arriva nonostante la ridotta domanda da parte dei settori della ristorazione e dell'ospitalità.

"Insieme a una prevista crescita delle esportazioni, dovrebbe contribuire a una riduzione delle scorte del 20% ", afferma il rapporto.

I produttori di tutto il settore sostengono da tempo che l'aumento dei consumi e delle esportazioni si associa a un diminuzione dell'eccesso di massa delle scorte di olio d'oliva aiuterà i prezzi a recuperare in tutto il blocco.

Guardando avanti alla campagna 2020/21, il rapporto lo prevede produzione di olio d'oliva nell'UE raggiungerà 2.2 milioni di tonnellate, un aumento del 17% rispetto alla campagna precedente.

Vedi anche: Le prime stime indicano una minore produzione in Italia

La Spagna lo è dovrebbe aprire la strada con 1.55 milioni di tonnellate, seguite da Italia e Grecia con circa 290,000 tonnellate e 280,000 tonnellate, rispettivamente. Nel frattempo, si stima che la produzione in Portogallo raggiungerà le 100,000 tonnellate.

A causa delle esportazioni record della campagna attuale e delle scorte esistenti in molte delle più grandi nazioni consumatrici di olio d'oliva del mondo, si prevede che le esportazioni diminuiranno di nuovo nel 2020/21. Il rapporto prevede che l'UE spedirà 790,000 tonnellate all'estero. Di conseguenza, anche le importazioni dovrebbero diminuire.

Tuttavia, il consumo di olio d'oliva dovrebbe continuare ad aumentare. Il rapporto prevede un aumento dei consumi del 3.5 per cento nel 2020/21, alimentato sia dalla continua crescita della domanda interna abbinata alla lenta ripresa del settore della ristorazione e dell'ospitalità.


Related News

Feedback / suggerimenti