Le importazioni in Spagna aumentano mentre i grandi marchi lavorano intorno alle tariffe statunitensi

Le compagnie spagnole stanno riesportando più oli dal Portogallo e dalla Tunisia negli Stati Uniti per aggirare le tariffe.
Settembre 4, 2020
Eduardo Hernandez

Notizie recenti

Le importazioni di olio d'oliva spagnolo hanno raggiunto un massimo di quattro anni durante la campagna 2019/20, secondo i dati pubblicati dal Ministero spagnolo dell'agricoltura, della pesca e dell'alimentazione.

Un totale di 208,500 tonnellate di olio d'oliva è stato importato nel paese tra ottobre 2019 e giugno 2020, un aumento del 71% rispetto allo stesso periodo della campagna 2018/19 e un aumento dell'86% rispetto alla media del precedente quattro campagne.

Vedi anche: Notizie commerciali

Cristóbal Cano, il capo dell'olio d'oliva per le cooperative agroalimentari dell'Andalusia, ha detto a Diario de Sevilla che le crescenti importazioni in Spagna sono un risultato diretto del tariffe che hanno gli Stati Uniti imposto sulle importazioni confezionate di olio d'oliva spagnolo.

Come risultato del dazio all'importazione del 25%, che è stato imposto lo scorso ottobre, le esportazioni di olio d'oliva spagnolo negli Stati Uniti lo hanno fatto diminuito di oltre un terzo nei primi sei mesi del 2020 rispetto allo stesso periodo del 2019.

"L'olio d'oliva non può andare negli Stati Uniti [confezionato] con un marchio spagnolo, quindi sta andando molto poco ", ha detto Cano. "E le aziende che esportavano devono importare olio d'oliva da altri paesi per mantenere il loro marchio e la loro posizione. Questo è il motivo per cui c'è stato un aumento sostanziale delle importazioni ".

Cano ha aggiunto che la maggior parte di queste importazioni proviene dal Portogallo e dalla Tunisia.

Nonostante la significativa diminuzione delle esportazioni verso gli Stati Uniti, l'aumento della domanda di oli spagnoli in Australia, Brasile, Canada e altri Stati membri dell'Unione europea significa che ci sarà un moderato aumento delle esportazioni nel 2019/20.

Il ministero stima che questa cifra raggiungerà 1.36 milioni di tonnellate nella campagna corrente, il 3.6% in più rispetto alla precedente e il 13% in più rispetto alla media delle quattro stagioni precedenti.





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti