Il nuovo direttore di Olive Center inizia a pianificare il futuro dell'olio d'oliva della California

Javier Fernandez-Salvador ha molti piani per il suo nuovo lavoro, tra cui l'ottimizzazione dell'olivicoltura e della raccolta per il cambiamento climatico della California.
Javier Fernandez-Salvador. Foto: Hector Amezcua, UC Davis
Agosto 24, 2021
Daniel Dawson

Notizie recenti

"Penso che ci sia un futuro promettente per l'olio d'oliva ", ha detto Javier Fernandez-Salvador Olive Oil Times.

I recentemente nominato direttore esecutivo dell'Università della California-Davis Olive Center ha avuto un paio di mesi impegnativi da quando ha preso le redini del leader del Nord America ricerca sull'olio d'oliva istituzione.

La siccità è qui, sarà imminente, il clima sarà più caldo e dobbiamo essere in grado di adattarci. La ricerca deve aprire la strada.- Javier Fernandez-Salvador, direttore esecutivo, UC Davis Olive Center

"Ho visto il passaggio a UC Davis come il prossimo passo logico nella mia carriera", ha detto. "È un privilegio lavorare nella migliore università agraria del mondo con un incredibile gruppo di persone”.

Vedi anche: Un terzo dei migliori oli d'oliva americani proviene da questa regione della California

Prima di diventare il secondo direttore esecutivo in assoluto del centro, subentrando a Dan Flynn che annunciato lo scorso anno che avrebbe lasciato l'Olive Center dopo aver fondato l'influente istituzione 12 anni prima - Fernandez-Salvador era a capo del Progetto Olea, che si è concentrato su promuovere la coltivazione dell'olivo e la ricerca in Oregon.

Da quando si è trasferito a 680 chilometri a sud da Corvallis a Davis a giugno, Fernandez-Salvador ha già iniziato a incontrare alcune delle parti interessate ea lavorare su nuovi progetti.

Tra questi, rinnovare da solo il focus dell'Olive Center produzione di olio d'oliva. Fernandez-Salvador ha affermato di voler coinvolgere gli studenti universitari nel processo di produzione e continuare a produrre oli di alta qualità dai boschi dell'università.

"Spero di inserire alcuni dei nostri oli nelle competizioni quest'anno", ha detto. "Produciamo già oli pluripremiati e il centro ha un frutteto maturo a media densità che è stato raccolto e utilizzato per produrre olio d'oliva UC Davis ".

"È stato un frutteto produttivo che sto iniziando a potare e gestire per una continua crescita futura. Voglio continuare a utilizzare il frutteto, che è piantato in un sistema più tradizionale", ha aggiunto Fernandez-Salvador. "Ma abbiamo anche ricevuto dei finanziamenti dall'industria, e stanno collaborando con noi per piantarne un po' super-alta densità alberi."

Fernandez-Salvador prevede di utilizzare i boschi ad alta densità per produrre olio d'oliva utilizzando le attuali migliori pratiche del settore e anche per sperimentare.

"L'idea è che inizieremo a gestire il frutteto meccanicamente come fa l'industria e... a metterlo a disposizione per condurre progetti futuri", ha affermato. "Sto già parlando con alcune persone di fare alcune ricerche sulla gestione della chioma e sui sistemi di potatura. Sarà qualcosa di interessante da fare in collaborazione con gli studenti che otterremo per il nostro prossimo programma di tirocinio".

Avere studenti che gestiscono gli uliveti dell'università, conducono esperimenti e producono l'olio d'oliva che viene poi venduto nei negozi del campus fa parte dei piani di Fernandez-Salvador per il centro.

"Uno dei miei obiettivi per il prossimo anno è avviare un nuovo programma di stage supportato dall'industria per formare gli studenti interessati a lavorare con le olive per diventare futuri manager ", ha affermato.

Fernandez-Salvador sta lavorando per coltivare agricoltori che si avvicinano all'olivicoltura e alla produzione con una mentalità scientifica. Crede che questo aiuterà ulteriormente l'industria statale.

"Non solo gli studenti impareranno come rendere produttivi questi frutteti, ma anche come fare ricerche, come raccogliere dati, fare analisi e impostare esperimenti", ha detto. "Quindi, quando assumono una nuova posizione una volta laureati, possono portare quel vantaggio all'industria”.

Fernandez-Salvador ha aggiunto che questa è già una tendenza in California, con operazioni più grandi che coinvolgono gestori di aziende agricole che sono stati formalmente formati nella ricerca e nella progettazione sperimentale. Tuttavia, vuole iniziare questo processo da un'età più giovane.

Tra gli esperimenti che Fernandez-Salvador spera di condurre negli uliveti dell'università sta testando diverse tecniche di gestione dell'irrigazione, che diventeranno sempre più necessarie man mano che La California diventa più calda e più secca.

"Dobbiamo aggiornare i nostri standard e sono contento di essere un collaboratore lì", ha detto. "Stiamo cercando un uso efficiente dell'acqua per mantenere la produttività ed essere in grado di gestire meglio le risorse idriche”.

Oltre a migliorare la gestione dell'acqua, Fernandez-Salvador vuole anche testare i sistemi di erogazione dei nutrienti per fornire in modo efficiente tutto ciò di cui gli alberi hanno bisogno per crescere e produrre raccolti costanti.

"Penso che entrambi abbiano un futuro brillante e possiamo iniziare a diventare più efficienti in questo, mantenendo la produttività e la sostenibilità delle colture con le sfide [sopra menzionate]", ha affermato. "La siccità è qui, sarà imminente, il clima sarà più caldo e dobbiamo essere in grado di adattarci. La ricerca deve aprire la strada”.

Fernandez-Salvador vede anche la ricerca come la chiave per rendere più competitivi i coltivatori e i produttori della California, dal sperimentando diverse varietà per vedere quali crescono meglio nei boschetti ad alta e super-densità per valutare come il ultime tecnologie di editing genetico può essere utilizzato per migliorare le olive.

"C'è un certo interesse nel discutere la modifica del genoma dell'olivo per lavorare su un paio di questioni che alcuni coltivatori considerano molto importanti ", ha affermato.

Sebbene Fernandez-Salvador non sia coinvolto nell'editing genetico, ha affermato che il suo ruolo è quello di lavorare come facilitatore, collegando le parti interessate del settore con i ricercatori e gli esperti appropriati.

"Uno dei miei ruoli è quello di essere il collegamento", ha detto. "Ascoltare l'industria e le loro priorità ed essere in grado di riunire i ricercatori e le parti interessate, quindi continua ad esserci questa ottima combinazione di punti di forza".

Tuttavia, Fernandez-Salvador sta ancora imparando esattamente quali sono tutti questi punti di forza. Il trasferimento dall'Oregon alla California è stato un notevole cambiamento di scala.

La produzione di olio d'oliva è minima in Oregon: il più grande produttore dello stato ha prodotto 15,000 litri nel 2020, molti dei quali includevano olive coltivate in California. Nel frattempo, 14 produttori superano i 22,700 litri ogni anno in California e si prevede che lo stato produrrà circa 87 milioni di litri nel 2021.

"È come passare dalle serie minori a giocare per una squadra di baseball della major league”, ha detto. "Abbiamo la produzione in altri stati, ma niente come la California. Ciò mi ha richiesto di iniziare dal livello di base dell'incontro e della conoscenza di tutti i membri del settore".

"Sarà fantastico poter assistere ogni parte del settore", ha concluso. "Questa è la nostra missione".


pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti