Previsioni ottimistiche per il raccolto in Italia

Nelle condizioni attuali, la resa potrebbe superare le tonnellate 315,000 - inferiore alla media dell'ultimo decennio, ma comunque migliore rispetto agli ultimi anni.

Settembre 4, 2019
Di Ylenia Granitto

Notizie recenti

Secondo le stime preliminari di Coldiretti, basato su dati Ismea / Unaprol, italiano produzione di olio d'oliva nello Stagione 2019/20 dovrebbe aumentare del 80 percento, rispetto allo scorso anno.

L'organizzazione degli agricoltori italiani ha avvertito che le condizioni meteorologiche saranno ora cruciali per determinare come andrà il raccolto. Nei prossimi mesi fattori come le piogge e le temperature potrebbero avere un impatto importante sui volumi.

Le previsioni sono ottimistiche e siamo lieti che le regioni meridionali si siano completamente riprese dopo il calo della produzione dell'anno scorso.- David Granieri, presidente di Unaprol

Tuttavia, nelle condizioni attuali, la resa potrebbe superare le tonnellate 315,000, che è inferiore alla media dell'ultimo decennio, ma comunque migliore dei livelli di produzione raggiunti negli ultimi anni.

L'anno scorso è stato il più basso registrato raccolto negli ultimi tre decenni, con una resa di 175,000 tonnellate. Tuttavia, la scarsa quantità ottenuta dagli olivicoltori italiani è stata compensata dal alta qualità della loro produzione, che era più alto che mai.

Vedi anche: Novità Olive Harvest 2019

Il primo provvisorio dati globali per la campagna agricola 2019/20 mostralo Spagna potrebbe raggiungere 1.35 milioni di tonnellate di olio d'oliva, in calo rispetto alla produzione di 1.77 milioni di tonnellate dell'anno precedente. Tuttavia, si prevede che la produzione aumenterà in tutta la regione del Mediterraneo, dopo un calo dei volumi nella scorsa stagione del raccolto.

Le regioni meridionali italiane, che rappresentano la maggior parte della produzione nazionale, registreranno molto probabilmente un aumento significativo mentre le previsioni per le aree settentrionali sono meno fiduciose. In alcuni territori centro-settentrionali, caldo secco durante la fioritura tardiva ha causato problemi che stanno emergendo in vari modi.

La sana salute degli uliveti del sud sembra confermata dai primi raccolti sperimentali effettuati in Sicilia e Puglia: in agosto 22, nella provincia di Palermo, i produttori hanno testato varietà autoctone; nel mese di agosto 27, a Gagliano del Capo, nel Salento, i frutti sono stati raccolti da piante innestate con cultivar di olive tolleranti Xylella fastidiosa.

Secondo Coldiretti, la Puglia registrerà un aumento da 70 a 80 percento dopo il drastico collasso registrato lo scorso anno, con una straordinaria ripresa nell'area di Bari, nella provincia di Barletta-Andria-Trani e Foggia, insieme a ottime prestazioni a Taranto e Brindisi.

"Le previsioni sono ottimiste e siamo lieti che le regioni meridionali si siano completamente riprese dopo il calo della produzione dell'anno scorso ", David Granieri, presidente di Unaprol, Ha detto Olive Oil Times. "Il nostro obiettivo è garantire una produzione sempre più stabile e competitiva sui mercati internazionali. Volumi significativi sono vantaggiosi non solo per l'industria, ma anche per tutte le attività alleate perché generano nuova occupazione e promuovono lo sviluppo territoriale ".

L'inizio ufficiale del raccolto in Italia è previsto per questo mese. Nella seconda metà di settembre, diversi mulini saranno pienamente operativi, quindi le attività di raccolta inizieranno gradualmente durante tutto il Boot e proseguiranno fino a novembre.

Lo ha detto l'associazione dei produttori di olive, Aprol Campania Olive Oil Times che i primi frutti della regione a raggiungere il mulino, a settembre 20, saranno quelli delle coste sorrentine e amalfitane, accanto ad altre zone vicino al mare. Nelle zone interne, le prime olive verranno raccolte all'inizio di novembre.

In Irpinia, nelle aree interne del Cilento e nella maggior parte delle aree produttive di Salerno e Caserta, sono previste le prime operazioni negli uliveti per la seconda settimana di ottobre. I produttori nell'area di Benevento sono pronti a iniziare anche tra la prima e la seconda settimana di ottobre.

I frutti vengono raccolti in base a una serie di fattori tra cui varietà, terreno e clima, l'ultimo dei quali è diventato sempre più variabile e sarà attentamente valutato dai produttori fino al raccolto.





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti