Affari

La produzione italiana raggiunge il record basso

I dati definitivi sulla produzione italiana di olio d'oliva per la stagione 2018-19 sono stati pubblicati dall'Istituto dei servizi per il mercato agricolo e alimentare.

Può. 29, 2019
Di Ylenia Granitto

Notizie recenti

L'Istituto di servizi per il mercato agricolo e alimentare (ISMEA) ha pubblicato i dati finali sulla produzione di olio d'oliva Italia, che ha stimato che nella stagione di raccolta 175,000/2018 sono state prodotte 19 tonnellate, la produzione più bassa dal 1990.

Con un calo del 59.2 per cento rispetto allo scorso anno, la produzione italiana di olio d'oliva ha toccato un minimo storico. La stima iniziale di Ismea è stato rivisto di 10,000 tonnellate dopo che la stagione del raccolto era terminata ufficialmente e tutte le dichiarazioni di produzione sono state raccolte dall'Agenzia italiana per i pagamenti agricoli.

Il calo della produzione è dovuto principalmente agli eventi meteorologici estremi, che sono diventati sempre più frequente in tutto il mondo. Di conseguenza, l'Italia ha sofferto di numerosi raccolti poveri nell'ultimo decennio e ne ha visti diversi grandi fluttuazioni nella produzione da poco tempo.

Guarda anche: Notizie sulla produzione di olio d'oliva

Queste fluttuazioni sono abbastanza evidenti se si osservano le variazioni percentuali dei volumi tra quest'anno e l'anno scorso. Secondo il rapporto di Ismea, le aree meridionali del paese hanno sofferto di più. La Basilicata ha registrato un calo record dell'81% in volume rispetto alla campagna precedente. Nel frattempo, la Calabria ha registrato un calo del 76.6 per cento, la Sicilia ha subito un calo del 66.2 per cento e la Puglia ha registrato un calo del 64.8 per cento.

La situazione era leggermente diversa nelle aree centrali del paese, come la Liguria, che ha visto aumentare la produzione del 17.5 per cento. Anche la Toscana e l'Umbria hanno registrato aumenti della produzione rispettivamente del 31.3 e del 40.4 per cento.

pubblicità

Nel frattempo, il nord del paese ha registrato una crescita notevole, con cifre di produzione più che raddoppiate in alcuni luoghi. La Lombardia ha registrato un aumento della produzione del 153 percento, mentre il Piemonte ha visto aumentare la sua produzione del 155 percento. La produzione veneta è aumentata di oltre tre volte, aumentando di un incredibile 221 percento rispetto allo scorso anno.

Nelle zone più colpite, la riduzione della produzione ha comportato la chiusura di alcuni frantoi già a dicembre, mentre altri non ha nemmeno aperto. Coldiretti, l'associazione degli agricoltori, e Italia Olivicola hanno attirato l'attenzione sulla perdita di giorni lavorativi tenendo raduni a Roma per chiedere un risarcimento per quelli colpiti dalla recessione del settore.


Tuttavia, il forte calo del volume non ha influito sulla qualità, come si è visto nei risultati di 2019 NYIOOC Concorso mondiale dell'olio d'oliva in quale I produttori italiani hanno vinto 152 premi, il più di ogni paese.

Guarda anche: I migliori oli d'oliva italiani

Il rapporto di Ismea ha anche mostrato come i prezzi dell'olio extra vergine di oliva sono stati influenzati dal cattivo raccolto. A partire dall'estate, i prezzi dell'olio d'oliva sono aumentati da € 4.04 ($ 4.52) per chilogrammo a € 5.60 ($ 6.27) prima di diminuire leggermente a febbraio. Tuttavia, ad aprile, i prezzi sono aumentati di nuovo, raggiungendo una media di 5.65 € (6.33 $) per chilogrammo dovuto abbondante produzione spagnola e il progressivo esaurimento delle scorte del prodotto di qualità superiore.

Prezzi di lampante il petrolio, che è tradizionalmente guidato dal mercato iberico, ha seguito una tendenza in calo fino a raggiungere i livelli più bassi negli ultimi anni.

Il calo della produzione ha inoltre stimolato la domanda di importazioni estere di olio d'oliva e lampante olio. Alla fine di 2018, l'Italia ha importato tonnellate 512,000 di olio d'oliva e altre 38,000 tonnellate di lampante.

Anche l 'Italia ha mantenuto il suo ruolo nel mercato di esportazione dell'olio d'oliva, al secondo posto dopo Spagnae guadagnando un fatturato annuo di € 1.48 milioni ($ 1.66 milioni) da 333,000 tonnellate di esportazioni. Nonostante lo scarso anno di produzione, le esportazioni italiane sono rimaste stabili rispetto all'anno precedente e le esportazioni di olio d'oliva verso Australia, Canada, Brasile, Taiwan, Corea del Sud, Austria, Paesi Bassi, Regno Unito, Russia, Svezia, Svizzera e Giappone è aumentato.





Commenti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. bananapeal dice:

    1 milione di utili per lo spostamento di 300 tonnellate di olio d'oliva ?? Yikes ...

Related News