Produttori biologici e DOP al centro dell'ultima iniziativa italiana sull'oleoturismo

Un nuovo consorzio turistico cerca di aiutare i produttori a lavorare più a stretto contatto con le agenzie turistiche per promuovere i loro oli extravergine di oliva.
Giu. 30, 2021
Paolo DeAndreis

Notizie recenti

d'Italia cultura dell'olio d'oliva e il suo legame unico con la terra stanno alimentando diverse novità oleotourism iniziative nella seconda nazione produttrice di olio d'oliva al mondo.

Nuovi pacchetti per il turismo dell'olio d'oliva stanno nascendo come il Covid-19 accelera la campagna di vaccinazione e i turisti nazionali e internazionali cercano nuove mete per le vacanze post-pandemia.

Bisogna pensare all'oliveto come a un museo a cielo aperto il cui custode e custode è l'agricoltore che invita le persone a venire, sperimentare e imparare.- Mariagrazia Bertaroli, fondatrice, Consorzio Turistico del Biologico e dell'OEVO DOP

Questo è stato in parte alimentato dal recente passaggio Legge sull'oleoturismo, che ha aiutato le organizzazioni di nuova costituzione a creare, sviluppare e sostenere attività di oleoturismo.

"Il nostro obiettivo è aiutare i produttori a raccontare la cultura della qualità dei loro prodotti”, Mariagrazia Bertaroli, fondatrice e presidente della Consorzio Turistico di Biologico e DOP (Denominazione d'origine protetta) Oli Extravergini di Oliva, raccontati Olive Oil Times.

Vedi anche: Il turismo dell'olio d'oliva ritorna al Colosseo mentre l'Italia riapre

Il consorzio di Bertaroli imita ciò che sta già accadendo nel settore del vino, collegando agenzie turistiche, istituzioni e turisti ai produttori di olio d'oliva.

Ha aggiunto che l'obiettivo del consorzio è aiutare gli agricoltori a sviluppare un nuovo modo di guadagnare denaro promuovendo al contempo il vero valore del loro olio extra vergine di oliva di alta qualità, che spesso soffre della concorrenza degli oli extra vergini di oliva più economici venduti sugli scaffali dei supermercati .

"Molti consumatori possono spendere un sacco di soldi per l'olio che mettono nelle loro auto, ma non hanno la consapevolezza culturale per concentrarsi sul tipo di olio d'oliva che mangiano ", ha affermato Bertaroli. "Quello di cui abbiamo bisogno è far conoscere la cultura dell'olio d'oliva. Dobbiamo trasformare il consumatore in un amante dell'olio d'oliva, facendogli capire il valore di ciò che acquista. Non è una questione di prezzo; è una questione di valore».

"La tradizione è importante, ma i migliori oli d'oliva di oggi nascono anche dall'innovazione e tecnologia. Sono la passione e la dedizione che fanno davvero la differenza", ha aggiunto. "Il consorzio sta fornendo ai produttori il know-how e la formazione in modo che possano imparare a raccontare la storia del loro prodotto e l'eccezionale qualità del loro olio d'oliva ".

"Aiutiamo i produttori imparando di più sul loro prodotto poiché non tutti hanno un assaggiatore di olio d'oliva e non tutti gli agricoltori possiedono una profonda conoscenza tecnica dei loro prodotti ", ha continuato Bertaroli.

Ad oggi, le aziende olivicole di piccole o medie dimensioni che puntano su prodotti di alta qualità, possiedono e gestiscono i propri uliveti e spesso si prendono cura di alberi secolari in località mozzafiato hanno espresso il maggior interesse ad aderire alle nuove associazioni di oleoturismo.

affari-europa-olive-times

Masseria Trapani, Lecce

"Le visite agli oleifici vanno bene, ma gli oleifici sono aperti solo in determinati periodi dell'anno. Gli uliveti sono aperti tutto l'anno e portano con sé elementi cardine di tutela ambientale e paesaggistica", ha affermato Bertaroli. "Dobbiamo pensare all'oliveto come a un museo a cielo aperto il cui custode e custode è l'agricoltore che invita le persone a venire, sperimentare e imparare”.

"All'interno del consorzio, i produttori apprendono le basi del marketing digitale, come gestire una prenotazione e come trattare con un'agenzia turistica", ha aggiunto, sottolineando che il consorzio è principalmente un'iniziativa turistica.

Vedi anche: Passione e ispirazione guidano il successo alla Fattoria di Marina Colonna

"Il consorzio si prende cura dei turisti, che significa prendersi cura della campagna», ha detto Bertaroli. "Avevamo bisogno di una nuova agenzia, il consorzio perché mentre ci sono molti attori e istituzioni nel settore agricolo, non ce ne sono nel settore turistico dedicato a questo”.

"Siamo una piattaforma di servizi agli operatori turistici, alle istituzioni e ai produttori di olio d'oliva, favorendo quindi connessioni strategiche che possano creare valore per l'intero territorio, coinvolgendo tutti gli attori interessati", ha aggiunto.

Le neonate associazioni di oleoturismo non organizzeranno eventi specifici. L'obiettivo è invece quello di aiutare i produttori ad aderire a un certo format turistico e fare in modo che loro e gli operatori turistici organizzino date e offerte speciali per le vacanze.

"Date le caratteristiche uniche di ogni azienda agricola, i partner del consorzio offriranno esperienze su misura ai propri ospiti seguendo un format fornito”, ha affermato Bertaroli.

Questo creerà un'esperienza simile che può essere replicata da tutti i tipi e dimensioni di produttori in tutto il paese.

Dopo aver aderito al consorzio, gli agricoltori dovranno rispettare i suoi formati e regole. Un responsabile della qualità dell'organizzazione controllerà periodicamente come gli olivicoltori li applicano.

Una parte rilevante delle iniziative formative in arrivo sarà dedicata alle classi digitali e tecnologiche. Secondo Bertaroli, questo potrebbe portare nuove opportunità per il passaggio generazionale necessario in un paese in cui i coltivatori più anziani gestiscono la stragrande maggioranza delle aziende olivicole.

"In una fattoria di famiglia, i più giovani potrebbero imparare a gestire il lato digitale della loro attività", ha affermato Bertarol.

Ristoranti e agriturismi svolgerà un ruolo rilevante anche nelle iniziative della nuova associazione. La loro connessione e dedizione all'olio extra vergine di oliva di alta qualità e alla sua cultura li aiuterà a sviluppare pacchetti specifici per l'oleoturismo con le agenzie turistiche e le aziende agricole partecipanti.

Mentre le nuove organizzazioni prendono forma e le associazioni regionali si uniscono per sviluppare l'oleoturismo, molti nel settore dell'ospitalità e della ristorazione stanno già proponendo eventi incentrati sull'olio d'oliva in tutto il paese.

Degustazioni, passeggiate, picnic e laboratori sono già proposti sporadicamente in molte delle più rinomate zone di produzione dell'olio d'oliva.

"Con il consorzio collaborano ristoranti e agriturismi che coltivano la cultura dell'olio d'oliva e sono quindi destinati a entrare a far parte di una rete strategica destinata a restituire valore al territorio, ai produttori di olio d'oliva e al turismo", ha concluso Bertaroli.





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti