È improbabile che Wildfires incida sui dati di produzione 2019 in California

Ai coltivatori di olive è stato in gran parte risparmiato il destino dei produttori di vino, che rischiano di subire battute d'arresto a causa dell'incendio di Kincade che ha imperversato nella contea di Sonoma alla fine dell'anno scorso.

Gennaio 27, 2020
Di Zach Lisabeth

Notizie recenti

La stagione degli incendi del 2019 è giunta al termine California. Nonostante sia la più piccola stagione degli incendi dal 2011 - in termini di acri distrutti - diversi incendi sono stati bruciati in tutte le regioni olivicole dello stato.

Mentre gli incendi hanno distrutto terreni coltivati ​​e proprietà residenziali a Kern, Monterrey, Los Angeles, Riverside, San Luis Obispo, Santa Barbara, Sonoma, Sutter, Tehama, Ventura e Yolo, tutte regioni produttrici di olive, pochi agricoltori hanno riportato danni ai loro raccolti .

Né noi né i nostri partner coltivatori nello stato abbiamo avuto alcuno dei nostri frutteti colpiti dagli incendi lo scorso autunno.- Michael Fox, CEO di California Olive Ranch

I Consiglio dell'Olio d'oliva della California (COOC) aveva precedentemente stimato che il Vendemmia 2019 in California produrrebbe circa 13,800 tonnellate. Mentre alcuni nel settore ritengono che questa cifra sia complessivamente un po 'troppo ottimistica produzione di olio d'oliva non dovrebbe essere influenzato dagli incendi.

"Ho sentito che le interruzioni periodiche dell'alimentazione da parte delle società elettriche nelle aree a rischio di incendi durante i periodi di vento forte hanno influenzato almeno un processore e questo potrebbe aver influito sul loro funzionamento per un periodo limitato ", Dan Flynn, il direttore esecutivo del UC Davis Olive Center, Ha detto Olive Oil Times.

Vedi anche: Novità Harvest 2019

"Non ho sentito che gli incendi siano stati un fattore importante qualità dell'olio d'oliva e quantità, ma non ho nemmeno avuto discussioni approfondite con i coltivatori su questo aspetto ”, ha aggiunto.

pubblicità

Patricia King, la nuovo direttore esecutivo del COOC, Ha detto Olive Oil Times che era ancora troppo presto per dire quale sarebbe stato il raccolto finale e non ha commentato se gli incendi avrebbero avuto un impatto.

"Non conosceremo la produzione finale fino a circa la fine di maggio, poiché attualmente stiamo certificando gli oli ”, ha affermato.

Ai coltivatori di olive è stato in gran parte risparmiato il destino dei produttori di vino, che rischiano di subire battute d'arresto molto più grandi alla luce dell'incendio di Kincade che ha imperversato nella contea di Sonoma.

Le olive sono sopravvissute alla stagione degli incendi virulenti grazie alla loro finestra più ampia per la raccolta. A differenza delle uve da vino, che richiedono la raccolta durante finestre molto specifiche, spesso anche solo una notte, le olive che verranno spremute per ottenere l'olio possono essere raccolte in modo redditizio per diverse settimane o mesi.

Sia l'uva che le olive sono frutti delicati e sono estremamente sensibili ai danni del fumo, rispetto alle colture più forti coltivate nella regione come mandorle e aglio. La minaccia proviene da composti volatili chiamati fenoli trovati nel fumo di legna.

Qualsiasi esposizione significativa durante il ciclo di vita del raccolto provoca una condizione chiamata contaminazione da fumo. I frutti contaminati dal fumo assumono un caratteristico sapore bruciato, cinereo o medicinale che può manifestarsi nei vini o negli oli pressati dal raccolto esposto, secondo l'Australian Wine Research Institute.

Durante il tempo inclemente, il vento può trasportare questi dannosi fenoli a centinaia di miglia da un incendio attivo, minacciando i raccolti in un'area molto più ampia ed esposta.

Molti olivicoltori della California hanno semplicemente raccolto il loro raccolto di olive prima che gli incendi nelle vicinanze minacciassero i loro mezzi di sostentamento con danni da fumo. In un recente sondaggio gestito do olive oil Times, solo due produttori del United States ha affermato che gli incendi hanno influenzato la loro produzione.

"Abbiamo avuto un raccolto molto forte in questa stagione. Abbiamo prodotto un olio extravergine di oliva di altissima qualità nei nostri 20 anni di storia ", Michael Fox, CEO di California Olive Ranch, Ha detto Olive Oil Times. "Né noi né i nostri partner coltivatori nello stato abbiamo avuto alcuno dei nostri frutteti colpiti dagli incendi lo scorso autunno. "





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti