Foto per gentile concessione di Phil Asquith.

Produttori e funzionari in tutto California si aspettano un ritorno alla normalità quest'anno dopo una serie di eventi meteorologici insoliti che hanno portato a un forte calo della produzione nel 2018/​19 crop year.

"La mia stima per quest'anno sarà probabilmente vicina a 4.0 milioni di galloni [circa 13,800 tonnellate]", Patricia Darragh, direttore esecutivo del California Olive Oil Council (COOC), ha detto Olive Oil Times. “In 2018, la produzione era in calo a causa di problemi meteorologici nel primo trimestre. L'anno scorso abbiamo prodotto da 1.6 a 1.8 milioni di galloni prodotti. Una riduzione significativa. "

Stiamo bene per il raccolto di quest'anno. L'anno scorso è stato un raccolto storicamente negativo per tutta la California e riteniamo di tornare a volumi più tradizionali.- Michael Fox, CEO di California Olive Ranch

L'anno scorso, una serie di eventi meteorologici insoliti tra cui una fioritura precoce e il gelo tardivo hanno portato a 57-per­cent decrease in olive oil pro­duc­tion, che era molto più basso di quanto inizialmente previsto. Molti agricoltori hanno perso la maggior parte o la totalità delle loro colture di olive e diversi produttori non avevano olio da vendere ai loro clienti abituali.

"L'anno scorso è stato molto difficile con molti dei nostri boschi che hanno registrato una produzione scadente", ha affermato Cliff Little, presidente di Corto Olive, Ha detto Olive Oil Times. "In alcuni casi il raccolto era così scarso che non abbiamo nemmeno raccolto. Non mi aspetto che sia così quest'anno. ”

Guarda anche: 2019 Harvest News

Poco ha aggiunto che si aspettava un anno molto grande in termini di produzione, ma le piogge primaverili hanno leggermente attenuato queste prospettive.

"Non credo che sarà l'anno del raccolto migliore che abbiamo visto in California, per quanto riguarda il volume", ha detto. "Tuttavia, prevediamo aumenti significativi rispetto allo scorso anno."

Corto Olive non sono gli unici ad aspettarsi un grande rimbalzo della produzione quest'anno. A California Olive Ranch, il più grande produttore di olio d'oliva dello stato, ha dichiarato il nuovo CEO Michael Fox Olive Oil Times che si aspettava un ritorno alla normalità.

"Stiamo bene per il raccolto di quest'anno", ha detto. "L'anno scorso è stato un raccolto storicamente negativo per tutta la California e riteniamo che stiamo tornando a volumi più tradizionali".

Mentre il COOC e i produttori dovranno alla fine attendere l'inizio del raccolto in ottobre e novembre per vedere quanto siano accurate le loro previsioni, i produttori di tutto lo stato sperano di recuperare alcune perdite finanziarie subite dal cattivo raccolto della scorsa stagione.

"L'anno scorso non avevamo quasi nulla, ma siamo riusciti a spremere abbastanza petrolio per farci andare avanti", Richard Meisler, il comproprietario di San Miguel Olive Farm, Ha detto Olive Oil Times. “Quest'anno la produzione sarà abbondante. Saremo in un'ottima posizione e potremmo benissimo compensare la perdita ".

Poco è anche fiducioso che la raccolta di quest'anno contribuirà a compensare l'anno scorso, in cui Corto Olive non ha potuto soddisfare la piena domanda di olio d'oliva dei propri clienti e ha dovuto assegnarli tutti allo stanziamento.

"Siamo fiduciosi che l'aumento della produzione quest'anno contribuirà a compensare alcune delle difficoltà finanziarie che i nostri boschetti hanno dovuto affrontare l'anno scorso", ha detto. "[Siamo] fiduciosi che avremo abbastanza petrolio per soddisfare la domanda dei nostri mercati per andare avanti".

Tutti i produttori intervistati per questa storia di Olive Oil Times hanno affermato che quest'anno prevedevano una buona qualità dei loro oli, come quasi ogni anno.

La sfida per l'intero settore della produzione di olio d'oliva della California sarà garantire una produzione sufficiente. I produttori dello stato hanno imparato molto tempo fa come gestire il naturale in e off-anni vissuto dagli ulivi, ma ora dovranno adattarsi anche a un clima più turbolento.

Phil Asquith, il proprietario di Ojai Olive Oil, Ha detto Olive Oil Times che l'anno scorso ha subito una significativa riduzione della produzione dai propri oliveti, ma è stato in grado di acquistare abbastanza olive per mantenere stabile la sua produzione.

"La nostra produzione è la stessa ogni anno, poiché miriamo specificamente ad acquistare abbastanza olive oltre la nostra per raggiungere esattamente ciò di cui abbiamo bisogno", ha detto.

Come risultato di questa strategia, Asquith ha affermato di non aver bisogno di guadagni dalla raccolta di quest'anno alla composizione per la precedente.

"In realtà non funziona così per noi, ma quest'anno sarà sicuramente migliore rispetto allo scorso anno e migliore per i coltivatori", ha detto. "Detto questo, le persone sono abituate alla natura ciclica dei raccolti e alle altalene particolarmente grandi in questi giorni, quindi nulla è inaspettato."



Commenti

Altri articoli su: , , ,