` Oleum sviluppa nuovi strumenti per l'analisi EVOO, l'autenticazione - Olive Oil Times

Oleum sviluppa nuovi strumenti per l'analisi EVOO, l'autenticazione

Marzo 9, 2021
Paolo DeAndreis

Notizie recenti

Il progetto Progetto Oleum ha sviluppato una nuova serie di strumenti per l'analisi e l'autenticazione dell'olio extravergine di oliva.

Lo hanno detto gli esperti dell'organizzazione finanziata dall'Unione europea Olive Oil Times si aspettano che il progetto stabilisca nuovi standard nella lotta frodi di olio d'oliva e valutare la qualità, tra gli altri obiettivi.

Questa è una piattaforma adeguata da implementare insieme al pannello sensoriale nelle operazioni di classificazione dell'olio d'oliva.- Anna Cane, presidente, Assitol

Secondo i coordinatori del progetto, il gruppo ha già riferito i propri risultati al Consiglio oleicolo internazionale e sta discutendo i loro potenziali impatti sulla certificazione dell'olio extravergine di oliva e sulla valutazione del prodotto.

"Oleum ha sviluppato soluzioni innovative e perfezionato le tecniche esistenti per verificare meglio che la qualità dell'olio d'oliva sia coerente con quanto dichiarato dai produttori, smascherando così miscele illegali e altre pratiche fraudolente ", ha affermato Tullia Gallina Toschi, professoressa di scienze alimentari e tecnologia presso l'Università di Bologna e coordinatore del gruppo di ricerca. "[Il progetto sta] fornendo anche strumenti innovativi per la verifica dell'origine geografica."

Vedi anche: Anche le bottiglie di vetro scuro lasciano EVOO suscettibile all'ossidazione, risultati dello studio

Tra le tecniche più promettenti c'era un metodo cromatografico, che identifica i composti volatili nella parte superiore di un campione di olio d'oliva.

Il metodo restituisce un valore statistico basato sui composti volatili e determina se l'olio d'oliva soddisfa gli standard fissati per extravergine, vergine o lampante.

Il rilevamento identifica i composti volatili e determina la loro massa. Non richiede tecnologie speciali ad alta risoluzione, il che significa che ha un basso costo ed è un'opzione promettente per l'adozione diffusa tra le aziende olearie.

"Questo metodo restituisce una mappa termica specifica che in futuro potremmo sviluppare come immagine ", ha detto Gallina Toschi Olive Oil Times. "È un profilo bidimensionale che rappresenta la complessità dei composti volatili nel campione. L'elaborazione di tali mappe può portare alla classificazione dell'olio d'oliva nelle tre diverse categorie ".

Insieme a determinare con precisione qualità dell'olio d'oliva, Gallina Toschi ritiene che gli strumenti sviluppati dal progetto Oleum potrebbero anche aiutare i produttori a creare costantemente una miscela uniforme di diversi oli d'oliva.

"Quando mescoliamo l'olio d'oliva, annusiamo e valutiamo il bouquet dei composti volatili ", ha detto. "Un'analisi della frazione volatile o il suo screening possono fornire una caratterizzazione inequivocabile di un prodotto specifico. "

"Con strumenti dedicati, il produttore potrebbe scegliere di produrre un olio extravergine d'oliva miscelato con caratteristiche specifiche e allo stesso tempo essere in grado di replicarlo nel tempo ", ha aggiunto Gallina Toschi.

Oltre ad aiutare i produttori, Gallina Toschi ha affermato che i nuovi strumenti potrebbero anche avere un impatto sulla spedizione di olio extravergine di oliva e sui prodotti '' data di scadenza.

Se un olio d'oliva arriva a destinazione e non soddisfa più gli standard di "extravergine ", ha affermato Gallina Toschi, la tecnologia potrebbe essere utilizzata per determinare cosa è andato storto durante il processo di spedizione.

"Attraverso l'analisi della frazione volatile del prodotto, è possibile capire cosa è andato storto, cosa nello specifico ha causato il difetto ”, ha affermato. "Confrontando i campioni prima e dopo la spedizione, potremmo ritrovarci con uno strumento per garantire la qualità del prodotto quando arriva al supermercato e uno strumento per tracciarlo nel tempo ".

Vedi anche: I controlli di qualità in Europa necessitano di miglioramenti, risultati di studi

Secondo ASSITOL, l'associazione italiana dei produttori di olio d'oliva, gli strumenti del Progetto Oleum per analizzare i composti volatili hanno già mostrato ottimi risultati. L'associazione ei suoi partner industriali hanno formato una task force dedicata per testare l'efficienza dei rilevatori.

"Abbiamo provato ad applicare questo strumento all'attività quotidiana del settore e ora non abbiamo dubbi: al momento si tratta di una piattaforma adeguata da implementare a fianco del pannello sensoriale nelle operazioni di classificazione dell'olio d'oliva ", ha affermato Anna Cane, presidente di Assitol. "Ora dobbiamo accelerare il processo per far convalidare e approvare quel metodo ".

"Questo strumento si è dimostrato molto utile perché è in grado di identificare centinaia di molecole responsabili del profilo sensoriale dell'olio d'oliva ", ha aggiunto. "Il pannello sensoriale rimane essenziale, ma con questo nuovo alleato può diventare ancora più forte ed efficiente per il controllo della qualità dell'olio extravergine di oliva ".

Un altro dei principali risultati del progetto quadriennale è Oleum Databank, che include i risultati della ricerca sui metodi convalidati da Oleum e funge da riferimento affidabile per le parti interessate del settore dell'olio d'oliva e per il pubblico in generale.

Gli scienziati del progetto Oleum hanno dichiarato in una recente conferenza che la necessità di nuovi metodi per identificare le frodi promuovendo la qualità e l'autenticità dell'olio extravergine di oliva sta crescendo all'interno dell'Unione europea.

I membri dell'UE rappresentano il 70 per cento del mondo produzione di olio d'oliva, ma cresce la concorrenza extra-UE, uno scenario che rende cruciale per tutte le parti interessate e per i consumatori la valutazione della qualità e la certificazione dei prodotti extravergine di oliva.

"L'alto prezzo dell'olio d'oliva, il suo profilo sensoriale distintivo e la reputazione di fonte sana di grassi alimentari lo rendono un obiettivo per l'adulterazione, la miscelazione illegale con altri oli vegetali o l'etichettatura deliberata di classi meno costose di olio d'oliva ", hanno affermato i ricercatori del progetto Oleum. "Di conseguenza, l'adulterazione dell'olio d'oliva a scopo di lucro è diventata una delle maggiori fonti di frode agricola nell'UE "

"Ci aspettiamo che i nuovi metodi avranno un impatto sulle tecniche di controllo della qualità nei prossimi 10-15 anni ", ha affermato Gallina Toschi. "Ci aspettiamo un impatto globale in pochi anni. L'intera industria sta guardando al progetto europeo Oleum ".





Related News

Feedback / suggerimenti