Brač cerca la sesta certificazione DOP della Croazia

L'olio d'oliva ha svolto un ruolo fondamentale nello sviluppo culturale, ecologico ed economico dell'isola dalmata.
Foto: Tija Mlinac
Agosto 10, 2021
Paolo DeAndreis

Notizie recenti

Un'isola croata conosciuta nel corso della storia per essere una fonte di eccellente olio d'oliva vedrà presto il suo olio d'oliva riconosciuto con a Denominazione d'origine protetta (DOP) dall'Unione Europea.

Il rinomato olio extra vergine di oliva prodotto sull'isola di Brač viene estratto principalmente dalla varietà Oblica. Sarà la sesta DOP per la quale i produttori croati hanno richiesto, aggiungendo a Cres, Istria, Korcula, Krk e Solta.

Una tavola familiare senza olio d'oliva è impensabile sull'isola di Brač.- Tija Mlinac, direttore generale, cooperativa Poljoprivredna Zadruga

Situato al largo della costa croata tra Spalato e Makarska, nel cuore di Dalmazia, Brač è la terza isola più grande del mare Adriatico e vanta coste mozzafiato e dolci colline.

A Brač, dove il turismo prospera, la qualità produzione di olio d'oliva fa parte da tempo dell'identità locale. Gli ulivi crescono sull'isola da millenni. Anche il naturalista romano Plinio il Vecchio ha accreditato l'isola come fonte di ottimo olio d'oliva.

"L'olivo è sempre stata la coltura agricola più importante dell'isola di Brač", ha detto Tija Mlinac, agronoma e direttore generale della cooperativa Poljoprivredna Zadruga a Supetar, una delle principali città dell'isola. Olive Oil Times.

"Le prime tracce scritte della coltivazione dell'olivo si trovano nei registri dello scrittore di viaggi greco-romano Strabone del I secolo a.C. e nell'editto dell'imperatore Diocleziano del III secolo d.C., in cui la coltivazione dell'olivo è menzionata come significativa ", ha aggiunto.

La cooperativa PZ Supetar è il principale promotore degli oli extra vergini di oliva dell'isola che ricevono la certificazione DOP. Secondo le specifiche DOP, l'olio d'oliva di Brač è prodotto con almeno l'80 percento di olive autoctone Oblica, che devono provenire tutte da oliveti registrati sull'isola.

business-europe-produzione-olive-times

Foto: Tija Mlinac

"La gente di Brač ha adattato il proprio ambiente alle esigenze dell'olivicoltura e ha scelto Oblica come la varietà più adatta che è diventata dominante su quest'isola ", ha affermato Mlinac. "È completamente adattato alle impegnative condizioni geoclimatiche che hanno definito la riconoscibilità e la qualità dell'olio d'oliva di Brač.

"Questa qualità è stata mantenuta grazie alla produzione continua e al costante miglioramento delle procedure agrotecniche e della tecnologia utilizzata per trasformare le olive in olio ", ha aggiunto.

L'olio extra vergine di oliva di Brač si caratterizza per il suo basso contenuto di acidi grassi liberi e bassi valori di perossidi. L'olio vanta un aroma equilibrato di frutta fresca di oliva, foglie ed erba, con un alto livello di polifenoli.

"Il contenuto totale di composti fenolici nell'olio d'oliva di Brač è superiore a 300 milligrammi per chilogrammo di olio ", ha affermato Mlinac.

Ha anche sottolineato come l'olivicoltura significhi molto di più per i residenti di Brač che solo il suo valore economico. Colpisce le loro tradizioni, la vita spirituale e il modo in cui proteggono il loro paesaggio.

business-europe-produzione-olive-times

I resti del frantoio nel museo di Škrip. Foto: Tija Mlinac

"L'avanzamento e lo sviluppo dell'olivicoltura a Brač nel 16th secolo sono stati incoraggiati dall'amministrazione veneziana, che ha suggerito al duca di Brač che gli ulivi devono essere piantati su aree incolte, aumentando così la produzione di olio d'oliva ", ha affermato.

Secondo i documenti storici citati dalla cooperativa, la continua espansione degli oliveti ha fatto sì che mezzo milione di olivi producessero circa "800 carri di olio d'oliva” entro la fine del 18th secolo. A quel tempo, l'isola produceva più olio d'oliva rispetto al resto della Dalmazia.

Tuttavia, nella seconda metà del 19th secolo, gli agricoltori locali iniziarono ad espandere i loro vigneti e iniziarono a coltivare meno ulivi. Tuttavia, Brač è rimasto uno dei più importanti esportatori di olio d'oliva tra le isole della Dalmazia, con una produzione superiore a 1.4 milioni di litri ogni anno.

"Il grande sviluppo dell'olivicoltura sull'isola ha portato alla fondazione della prima cooperativa olearia dalmata nel 1899 a Povlja, e poi della cooperativa olearia a Pučišća nel 1909 ", ha affermato Mlinac.

business-europe-produzione-olive-times

Interno del Museo dell'olio d'oliva a Škrip. Foto: Tija Mlinac

Secondo la cooperativa PZ Supetar, gli oliveti dell'isola si estendono ora su oltre 1,883 ettari, il che significa che coprono all'incirca un terzo di tutte le colture a Brač.

L'isola vanta inoltre otto moderni stabilimenti di lavorazione dislocati nei principali centri abitati. Inoltre, alcuni agricoltori gestiscono mulini e di solito vendono i loro prodotti attraverso il passaparola e tra conoscenti.

La cooperativa stima che la produzione di olio d'oliva dell'isola, soggetta a stagioni di produzione alternate, raggiunga tra le 800 e le 1,000 tonnellate all'anno.

"Solo un piccolo numero di produttori marchia i propri oli d'oliva e li vende attraverso catene di vendita al dettaglio o in quantità maggiori al di fuori dell'isola ", ha affermato Mlinac. "Un gran numero di piccoli produttori è impegnato nell'olivicoltura come occupazione complementare e solo un piccolo numero vive esclusivamente della vendita di olio d'oliva".

"A causa del terreno specifico con poco seminativo, l'olivicoltura è praticata da metodi tradizionali senza l'aiuto di macchine", ha aggiunto. "La potatura è fatta a mano così come la raccolta, che garantisce una qualità speciale delle olive”.

Secondo Mlinac, le condizioni climatiche uniche fanno sì che gli agricoltori locali raccolgano solitamente le loro olive tra la fine di settembre e le prime settimane di ottobre, "quando i frutti delle olive sono appena striati di colore più scuro e sono di consistenza soda, e tollerano bene il trasporto al frantoio”.

business-europe-produzione-olive-times

Foto: Tija Mlinac

Una raccolta così anticipata riduce la resa dell'olio d'oliva ma "garantisce l'alta qualità dell'olio d'oliva di Brač ", ha aggiunto.

Dopo che le olive sono state raccolte, vengono trasportate con cura ai frantoi e lavorate, assicurando che la temperatura non superi mai i 27 ºC, che secondo Mlinac contribuisce alle proprietà chimiche e sensoriali specifiche dell'olio d'oliva di Brač.

"La ricerca ha dimostrato che questo approccio alla produzione di olio d'oliva garantisce le specificità dell'olio d'oliva di Brač come bassi valori di acidi grassi liberi e numero di perossido, alti valori di composti fenolici totali, amaro e piccante equilibrati e fruttato pronunciato ", ha affermato.

Oltre alla loro dedizione alla produzione, anche gli abitanti di Brač sono entusiasti consumatori di olio d'oliva, secondo Mlinac. Gli abitanti di Brač mangiano spesso olive verdi e mature come contorno, oltre a usare l'olio d'oliva in una varietà di specialità locali, dalle insalate al pesce.

"Una tavolata familiare senza olio d'oliva è impensabile sull'isola di Brač ", ha affermato Mlinac. "Almeno 2,000 anni di presenza delle olive e della lavorazione dell'olio a Brač hanno lasciato un segno profondo sull'olivicoltura di oggi e sulla qualità del suo olio d'oliva, che gode di una grande reputazione nel mercato moderno.





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti