Il tempo inclemente smorza la raccolta delle olive in Argentina, ma la qualità rimane alta

Le stime per il raccolto 2021 vedono la produzione in calo o rimanere stabile. I produttori si dicono più preoccupati per esportazioni e prezzi.

Foto: Maria Gabriela Panelli
Giu. 7, 2021
di Michael Mackey
Foto: Maria Gabriela Panelli

Notizie recenti

Si prevede che la raccolta delle olive in Argentina sarà leggermente inferiore rispetto agli anni precedenti a causa del maltempo che ha colpito il settore.

Episodi intermittenti di gelo, grandine, piogge intense e inondazioni hanno portato il Ministero dell'Agricoltura a dichiarare lo stato di emergenza e un disastro agricolo in tutta la provincia di San Juan, ricca di uliveti.

Nella campagna 2020/21 si prevede di raggiungere le 80,000 tonnellate per le olive da tavola e le 27,000 tonnellate per gli oli di oliva, entrambe con un calo rispetto alla campagna precedente.- Andrés Boscovich, analista, IES Consultores

In un dichiarazione, il ministero citando specificamente i danni arrecati agli olivicoltori, insieme a vigneti e altri frutteti.

Queste dichiarazioni seguirono un 17 maggioth dichiarazione in cui è stato dichiarato lo stato di emergenza e disastro agricolo di 180 giorni, "per ragioni di gelate tardive e temperature estreme per l'attività olivicola di Catamarca.

Vedi anche: Aggiornamento del raccolto 2021

L'impatto sull'industria e sulla produzione di quest'anno sarà probabilmente grave, con un esperto che prevede un calo a due cifre.

Lo ha detto Andrés Boscovich, analista di IES Consultores Olive Oil Times che la raccolta totale delle olive dovrebbe essere inferiore di circa il 16% rispetto alla campagna precedente.

"Nella campagna 2020/21 si prevede di raggiungere le 80,000 tonnellate per olive da tavola e 27,000 tonnellate per gli oli d'oliva, entrambi con una diminuzione rispetto alla campagna precedente ", ha affermato.

La Federazione olivicola argentina prevede che il raccolto sarà più vicino a 30,000 tonnellate di olio d'oliva, all'incirca lo stesso quantità prodotta nel 2020.

Mentre la produzione in Argentina rimane più o meno stabile e sembra lontana dal superare la record del 2018, il miglioramento dell'economia è una grande consolazione per i produttori.

Mentre i volumi sono bassi, prezzi dell'olio d'oliva sono quantomeno stabili con un leggero rialzo – aiutato dalla decisione del governo argentino di ridurre le tasse di esportazione che ha contribuito a rendere il prodotto conveniente.

"Il prezzo all'esportazione del 2020 è stato basso, ma nell'anno in corso è aumentato del -% nel primo trimestre", ha affermato Boscovich.

Secondo la Federazione Olivicola Argentina, alti dazi all'esportazione e altri costi di produzione limitare fortemente il potenziale del settore. Se questi oneri fossero ridotti, l'Argentina potrebbe produrre il doppio dell'olio d'oliva, ritiene la federazione.

I produttori sul campo hanno ampiamente sostenuto la visione più ampia del settore presa dagli analisti, con un coltivatore che racconta Olive Oil Times quella quantità era diminuita, ma la qualità era "molto buona."

Ciò è stato confermato da un altro produttore che ha reso omaggio alla capacità dell'industria di ottenere il raccolto nonostante le complicazioni create dal Pandemia di covid-19.

"È stata indubbiamente una vendemmia difficile a causa degli effetti del Covid-19”, Maria Gabriela Panelli, responsabile commerciale di Olivum, Ha detto Olive Oil Times. "Tuttavia, siamo già negli ultimi giorni, orgogliosi di averlo vissuto prendendoci cura delle nostre persone. L'Argentina si aspetta un buon raccolto e l'ottima qualità generale dei suoi oli ci caratterizza già".

"Abbiamo dovuto adattarci rapidamente a nuovi e vari protocolli per andare avanti con la raccolta e la produzione degli oli, nonché stabilire protocolli per la circolazione dei camion con frutta, prodotti trasformati e continuare a esportare ", ha aggiunto Panelli.

I raccolti sono stati volatili negli ultimi anni, con una media di 91,000 tonnellate di olive raccolte dal 2016 al 2021, ha sottolineato Boscovich. Le condizioni climatiche, che determinano pesantemente il risultato del raccolto, sono la ragione principale della volatilità, insieme ai prezzi.

"È probabile che l'attuale raccolto finisca a settembre 2021", ha detto Boscovich, aggiungendo che sarebbe "difficile", ma parte di un modello globale di calo della produzione mondiale dall'anno precedente.

Nonostante i raccolti scarsi in gran parte del Mediterraneo, a anno relativamente buono in Spagna nel 2020 potrebbe anche smorzare le prospettive per i produttori argentini che cercano di vendere i loro oli all'estero.

"Nel 2020, la Spagna ha acquistato molti prodotti olivicoli a causa della crisi che il settore olivicolo ha vissuto in quel paese ", ha affermato Boscovich. "Nella campagna in corso, [noi] non ci aspettiamo vendite in Spagna ed è difficile aprire nuovi mercati commerciali quest'anno".

Come risultato di questa stasi, i mercati di esportazione dell'Argentina sia per le olive da tavola che per l'olio d'oliva sono probabile che rimanga invariato e andare nei paesi vicini, come Brasile, Cile, Paraguay e Uruguay, insieme agli Stati Uniti.

Tra le sfide che i produttori che cercano di esportare i loro prodotti devono affrontare quest'anno c'è la continua necessità di investire in infrastrutture di trasporto, che la pandemia ha aggravato.

"I problemi globali del trasporto marittimo e aereo riguardano sia l'importazione di merci e pezzi di ricambio che l'esportazione di petrolio”, ha affermato Panelli. "Speriamo che la fine della pandemia si avvicini».

Boscovich ha aggiunto che un'altra preoccupazione per i produttori è l'aumento della concorrenza dal Cile, che continua ad avere raccolti costanti e di alta qualità negli ultimi anni e sta ottenendo sempre più riconoscimenti sulla scena mondiale.


pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti