L'indebolimento della Corrente del Golfo avrà un impatto importante sull'agricoltura europea, prevedono gli scienziati

L'indebolimento delle correnti oceaniche probabilmente aumenterà l'incidenza di eventi meteorologici estremi, avvertono i ricercatori, in particolare nel bacino del Mediterraneo.

Settembre 2, 2021
Di Paolo DeAndreis

Notizie recenti

I "motore” dietro la stabilità delle condizioni che hanno aiutato gli agricoltori mediterranei a coltivare i loro raccolti per secoli sta subendo un grande cambiamento.

Spagna e Italia sono tra i primi paesi a sperimentare un fenomeno climatico nuovo e imprevedibile che si sta rapidamente estendendo a tutto il bacino del Mediterraneo.

Ciò che sta accadendo è legato al continuo indebolimento delle potenti correnti oceaniche nell'Atlantico, che portano enormi quantità di acqua calda dalle latitudini meridionali e medie alle coste europee.

Si sta indebolendo. È quasi passato, e questo fa sì che le due masse, fresca e calda, si scontrino sull'Europa meridionale con i conseguenti eventi meteorologici estremi a cui assistiamo sempre più spesso.- Gianmaria Sannino, oceanografo, ENEA

Secondo una nuova ricerca, gli effetti dell'indebolimento Circolazione di capovolgimento meridiano atlantico (AMOC) sul clima mondiale sono enormi e avranno un impatto su almeno tre continenti.

I studio scritto dal climatologo tedesco Niklas Boers e pubblicato su Nature avverte che l'AMOC sta raggiungendo una transizione critica, un punto di svolta oltre il quale ci si possono aspettare effetti climatici ancora più forti.

Vedi anche: I ricercatori lavorano per identificare le varietà di olive che meglio si adattano alle temperature più elevate

"Guardare le prove dell'indebolimento dell'AMOC è rilevante perché ci dice che ci troviamo di fronte a una differenza che si sta riducendo tra le temperature tra le acque delle aree tropicali e quelle della regione polare settentrionale", Gianmaria Sannino, oceanografo e direttore della modellazione climatica. e laboratorio di impatto presso l'Agenzia Nazionale Italiana per le Nuove Tecnologie, l'Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile (ENEA), raccontato Olive Oil Times.

AMOC è guidato dalla temperatura. La fredda regione settentrionale dell'oceano attrae le acque più calde, creando un flusso che ha svolto un ruolo fondamentale nella regolazione del clima della Terra per millenni.

"È il motore del clima sulla Terra poiché gli oceani sono il regolatore climatico più rilevante", ha affermato Sannino. "Il -% del calore prodotto dal riscaldamento globale si trova negli oceani».

"Mentre i cambiamenti nell'atmosfera spesso avvengono improvvisamente e hanno un impatto sulle popolazioni e sui raccolti e sono facilmente visibili, quelli negli oceani sono più difficili da vedere, si accumulano lentamente e portano enormi conseguenze all'intero sistema per periodi di tempo molto più lunghi", ha aggiunto.

Il nuovo studio ha confermato i risultati di diversi precedenti su come importanti cambiamenti nell'AMOC potrebbero portare a un più rapido innalzamento del livello del mare sulla costa orientale degli Stati Uniti, siccità persistenti nell'Africa occidentale e un sostanziale raffreddamento dell'Europa settentrionale.

NASA

Mentre ci si possono aspettare molti altri effetti, la prima regione a sentire il cambiamento sarà il bacino del Mediterraneo.

"Ciò che i climatologi hanno scoperto è che l'Europa meridionale è un hotspot climatico molto specifico, dove cambiamento climatico gli effetti sono particolarmente evidenti e si verificano prima che altrove", ha detto Sannino.

Il bacino e la sua agricoltura godono da tempo della moderata presenza del Mar Mediterraneo.

"Roma ha la stessa latitudine di Boston, ma il clima è nettamente diverso perché Roma è nel mezzo di un lago molto grande", ha detto Sannino. "Questa differenza andrà persa a causa di tutta l'energia che abbiamo rilasciato nell'atmosfera e negli oceani sin dall'era preindustriale”.

I dati climatici regionali, che hanno informato le Nazioni Unite' Rapporto del gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici (IPCC), mostra che il Azzorre alto, un sistema meteorologico ad alta pressione che influenza il clima dell'Europa e del Nord Africa, è quasi scomparso a causa dell'indebolimento dell'AMOC.

Durante l'estate, l'Alto delle Azzorre mantiene separate le masse d'aria settentrionali più fresche dalla calda circolazione africana, creando stagioni moderatamente calde che favoriscono l'agricoltura e l'allevamento.

"Si sta indebolendo. È quasi sparito, e questo fa sì che le due masse, fresca e calda, si scontrino sull'Europa meridionale con i conseguenti eventi meteorologici estremi a cui assistiamo sempre più spesso”, ha detto Sannino.

Se non verrà fatto nulla per ridurre le emissioni globali e limitare gli effetti del cambiamento climatico, i climatologi prevedono che le temperature nel bacino del Mediterraneo aumenteranno fino a 5 ºC entro la fine del secolo, ben al di sopra delle proiezioni globali previste.

Spagna e Italia, i due maggiori produttori mondiali di olio d'oliva, sono in prima linea in questo cambiamento. Siccità e desertificazione minacciano già i loro settori agricoli e si prevede che peggioreranno ulteriormente.

europa-mondo-indebolito-il-flusso-del-golfo-avrà-un-grande-impatto-su-gli-scienziati-dell'agricoltura-europea-predicono-i-tempi-dell'olio-d'oliva

NASA

"Le ondate di caldo che abbiamo avuto quest'estate sono solo l'inizio", ha detto Sannino. "Se attualmente consideriamo queste ondate di calore anormali poiché si verificano ogni pochi anni, entro la fine del secolo avremo ondate di calore che non dureranno pochi giorni, ma per diverse settimane. Faranno più caldo e si verificheranno in un'estate che avrà un inizio anticipato e una fine tardiva".

Le estati più lunghe, più calde e più secche avranno un profondo impatto sull'olivicoltura. Già, primavere più calde e più secche in Andalusia;, la più grande regione produttrice di olio d'oliva del mondo con un ampio margine, sono portando a una fioritura anticipata negli olivi e aumento dei danni da eventi di stress termico.

Inoltre, a 2020 studio condotto da ricercatori in Israele ha dimostrato che le temperature più alte del solito hanno influenzato la crescita e il peso del frutto dell'olivo, l'accumulo di olio nel frutto e la sua composizione chimica.

Uno studio separato in Andalusia ha mostrato che le condizioni più calde e più secche nella regione meridionale della Spagna potrebbe diminuire notevolmente la capacità di sette varietà endemiche, tra cui il Picual prodigioso, per crescere naturalmente lì.

Francesco Muschitiello, geografo specializzato in paleoclimatologia presso l'Università di Cambridge, ha dichiarato a Business Insider che "un arresto dell'AMOC è il modo più semplice ed efficiente per interrompere il sistema climatico".

"Il novantacinque percento delle volte, quando parliamo di rapidi cambiamenti climatici, è associato all'AMOC", ha aggiunto.

Secondo Boers, come citato da Business Insider, "in genere ci volevano da poche centinaia a qualche migliaio di anni prima che l'AMOC tornasse alla modalità forte".

"Se l'AMOC dovesse crollare alla modalità debole ad un certo punto in futuro, sarebbe davvero molto difficile riportarlo alla modalità forte", ha aggiunto.

Le condizioni climatiche continueranno a cambiare nei prossimi decenni e ciò richiederà agli agricoltori di adottare nuovi sforzi per garantire i loro raccolti e reddito.

"L'agricoltura di precisione e tecnologica significa che servirà sempre di più”, ha detto Sannino. "Dovremo concentrarci sulla gestione sostenibile delle risorse idriche, sull'irrigazione e così via”.

"Più di ogni altro settore, l'agricoltura è colpita dal cambiamento climatico e, allo stesso tempo, è uno dei contributori più rilevanti alle cause del cambiamento stesso", ha aggiunto. "Il mondo ha bisogno di un'agricoltura più intelligente e sostenibile per affrontare un clima sempre più imprevedibile».





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti