In Spagna, alcuni vedono nuove opportunità per il turismo in Pandemic's Wake

Il 2020 ha dato alle attività all'aperto una nuova importanza. Sono in corso sforzi per garantire che l'industria dell'olio d'oliva sia pronta a capitalizzare il cambiamento.
Hacienda Guzman
Dicembre 1, 2020
William Cohn

Notizie recenti

I prodotti alimentari stanno volando via dagli scaffali quest'anno mentre le persone in tutto il mondo restano a casa per frenare la diffusione del Pandemia di covid-19. Ma poiché elementi essenziali come l'olio d'oliva rimangono necessari per più pasti cucinati in casa, il turismo ha subito un duro colpo in tutto il mondo.

Tuttavia, un settore in espansione potrebbe essere in grado di trarre vantaggio da tutte le incertezze e dai blocchi imposti dal governo: Oleoturismo, o il turismo dell'olio d'oliva.

Stiamo vivendo (attraverso) un'enorme crisi che potrebbe trasformarsi in un'opportunità per l'oleoturismo. Il settore offre ciò che le persone richiedono ora.- Ana Sánchez, coordinatrice generale, Fondazione Juan Ramón Guillén

"Oleoturismo è una parola nuova. Un nuovo concetto ", ha affermato Elide Di-Clemente, che fa parte del personale di ricerca del dipartimento di sociologia e gestione aziendale dell'Università dell'Estremadura. "A parte le persone del settore che sono molto radicate nelle attività turistiche, la maggior parte delle persone non sa cosa sia ".

Ha continuato a discutere lo stato del turismo dell'olio d'oliva nella sua regione rurale e l'appello che è stato riconosciuto da quando i viaggi nazionali sono aumentati quest'estate.

Vedi anche: Il nuovo blocco italiano colpisce ancora il settore dell'olio d'oliva

"Penso che il turismo dell'olio d'oliva, che non ha ancora una struttura principale per l'accoglienza dei turisti che vogliono prendere parte a questo tipo di esperienze, debba approfittare del fatto che molte persone stanno arrivando nei nostri villaggi e zone rurali ", lei disse. "L'olio d'oliva può essere un'opportunità per farli rimanere più di una notte ".

Di-Clemente ha trascorso la metà migliore del 2020 concentrandosi su un progetto specifico chiamato Aovetur Extramadura, una proposta per un modello per lo sviluppo integrale sostenibile delle aree rurali in Extremadura basato sull'olio extravergine di oliva e sul turismo.

affari-europa-in-spagna-alcune-nuove-opportunità-per-turismo-in-pandemie-veglia-i-tempi-dell'olio-d'oliva

Il carico di lavoro è stato diviso con José Manuel Hernández-Mogollón, il principale ricercatore e capogruppo dello studio, tra gli altri del MarkeTUR Research Group on Tourism.

Il team ha cercato di scoprire cosa c'è in serbo per un'industria che cerca di raggiungere un nuovo livello di riconoscimento globale e come l'oleoturismo può andare avanti sulla scia del Covid-19. Il progetto è stato cofinanziato dal Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR) e dalla Junta de Extremadura (Spagna).

Questa industria, che si estende in diverse regioni della Spagna, un paese noto per la sua produzione del superfood, si affida a turisti nazionali provenienti da grandi città e grandi città, oltre a visitatori internazionali, come i turisti del Regno Unito, per rimanere a galla.

Quando i turisti decidono di approfondire l'arte di produzione di olio d'oliva, l'oleoturismo li introduce in un'esperienza sensoriale in cui i tour presso gli stabilimenti di produzione illustrano come viene realizzato il superfood, che sapore hanno i diversi tipi di prodotto e perché il storia di questa pratica è fondamentale per comprendere l'altrettanto ricca eredità della Spagna.

"La Spagna è il principale produttore di olio d'oliva al mondo e l'80% dell'olio d'oliva spagnolo proviene Andalusia;", Ha detto Ana Sánchez del Fondazione Juan Ramón Guillén at Hacienda Guzman, un produttore della regione che partecipa anche all'oleoturismo. "Pertanto, è molto necessario spiegare alle persone l'impatto del settore petrolifero nella nostra società, nella nostra economia, nella nostra storia e nel nostro cultura. "

affari-europa-in-spagna-alcune-nuove-opportunità-per-turismo-in-pandemie-veglia-i-tempi-dell'olio-d'oliva

Hacienda Guzmán offre ai visitatori l'opportunità di conoscere l'importanza culturale dell'olio d'oliva nella regione.

La fondazione, un'organizzazione senza scopo di lucro con l'obiettivo centrale di rafforzare l'oleoturismo in Andalusia, si concentra sullo sviluppo della conoscenza del business dell'olivicoltura a livello nazionale e internazionale mentre coordina i tour dell'olio d'oliva nella proprietà Hacienda Gúzman. Anche Sánchez e i suoi colleghi lo sono sostenendo per l'UNESCO designare la terra degli uliveti andalusi come patrimonio dell'umanità.

Nel frattempo, la stessa hacienda incarna le esperienze che l'oleoturismo può sfruttare per spingere il business nel futuro.

Attraverso un tour del frantoio dove gli oleoturisti possono assistere al processo di produzione che si traduce nell'olio extravergine di oliva di alta qualità del marchio, provare una degustazione di olio d'oliva e immergersi in due musei in loco, uno dei quali ne ospita più di 150 varietà di olive - la proprietà accoglie 5,000 visitatori ogni anno.

Ma la promozione di questo settore del turismo può essere impegnativa nelle zone più rurali e una strategia per gli olivicoltori di queste regioni per prosperare durante la pandemia comporta l'attrazione di più turisti che visitano destinazioni popolari in altre parti del paese.

Di-Clemente ritiene che questo sia un vantaggio per l'Estremadura, che ha già avuto difficoltà a ottenere attenzione.

L'oliva che cresce lì - la Manzanilla Cacereña - è esclusiva della zona, il che rende la regione diversa da qualsiasi altra del paese. Anche così, i visitatori che hanno il potenziale per convertirsi in turisti dell'olio d'oliva potrebbero essere distratti dalla vicinanza delle principali destinazioni ad altre regioni olivicole.

pubblicità

"L'Estremadura ha questo problema perché ha una pessima comunicazione con Madrid, quindi è un'area sconosciuta al mercato internazionale ", ha detto. "Ecco perché il turismo dell'olio d'oliva è così importante. Ci differenzia [Extremadura], ma altri luoghi e aree rurali possono sembrare molto simili che sono probabilmente più accessibili ai turisti a Madrid o Siviglia ".

Un esempio è l'Andalusia, dove si trova l'Hacienda Guzmán, ma Sánchez sostiene che, nonostante ciò che ci aspetta, la pandemia ha frenato tutti i piani dell'azienda per avere un 2020 di successo.

Vedi anche: A Hacienda Guzman, promuovere la cultura dell'olivo celebrando la sua diversità

"Tutti i mulini, le haciendas e i musei del petrolio sono stati chiusi durante il blocco, interrompendo completamente la loro attività ", ha detto. "Nel nostro caso particolare, Hacienda Guzmán è stata chiusa dal 14 marzo, quando il governo spagnolo dichiarato lo stato di allarme, fino al 1 settembre ".

"Significa che abbiamo cancellato molti tour e molte altre prenotazioni sono state posticipate al 2021, causando un calo delle entrate dell'oleoturismo ", ha aggiunto. "È più difficile per noi perché utilizziamo queste risorse per sviluppare i programmi della fondazione ".

Guardando al futuro, l'oleoturismo può realizzare un futuro luminoso se vengono prese le misure giuste per cementare un posto per sé agli occhi dei turisti che non vengono solo dalla Spagna ma da tutto il mondo.

"Riteniamo che, connesso alla tendenza di ottenere souvenir dai viaggi, lo sviluppo del turismo dell'olio d'oliva possa implementare la vendita di questo prodotto come souvenir o come regalo ", ha affermato Di-Clemente.

Sánchez ha fatto eco a questo sentimento, sottolineando i turisti che acquistano prodotti Hacienda Gúzman, che includono quattro diversi tipi di olio d'oliva oltre ai cosmetici. Il negozio in loco è popolare tra gli oleoturisti ei clienti generalmente hanno una buona idea di cosa vogliono acquistare al termine della visita.

I tour degli oliveti e le degustazioni sono attività che possono svolgersi all'esterno, ma queste visite non possono avvenire in un mondo post-pandemia senza le adeguate misure di salute e sicurezza.

È questo comportamento che può favorire i progressi che l'oleoturismo ha già fatto in Spagna e aumenterà la credibilità dei produttori, tra cui Hacienda Guzmán, che comprendono l'importanza della commercializzazione di servizi igienico-sanitari per attirare i turisti.

affari-europa-in-spagna-alcune-nuove-opportunità-per-turismo-in-pandemie-veglia-i-tempi-dell'olio-d'oliva

Piccoli tour e degustazioni socialmente distanti negli uliveti rendono l'oleoturismo un'opzione praticabile nel 2020.

"Facciamo i tour in piccoli gruppi e abbiamo un vantaggio importante perché la visita è principalmente un tour all'aperto ", ha detto Sánchez. "I nostri visitatori devono indossare una maschera e mantenere la distanza di sicurezza interpersonale di due metri, e c'è una soluzione idroalcolica in diversi punti del tour. Abbiamo lavorato duramente in estate per riprendere la nostra attività a settembre offrendo un'esperienza sicura ai nostri clienti e ai nostri dipendenti ".

C'è anche ottimismo per il futuro dell'oleoturismo in Extremadura, dove i leader del settore capiscono che un marketing adeguato e l'attivazione delle comunità rurali è necessario per attirare l'entusiasmo dei visitatori. Questa positività collettiva è stata vista durante una conferenza Zoom per presentare i risultati dello studio su cui Di-Clemente e il suo team hanno lavorato.

"Si tratta di un'attività potenziale che può effettivamente rispondere alle esigenze del consumatore turistico ”, ha affermato. "Vogliono partecipare ed essere agenti attivi, non solo essere presi in gruppo, essere spiegati e vedere musei e paesaggi in modo passivo ".

Il nuovo coronavirus ha sfidato le priorità dei turisti e delle organizzazioni coinvolte nell'attività di trattenerli, ma i vari aspetti dell'oleoturismo ne fanno l'attività ideale in un mondo in cui le distanze sociali e gli incontri intimi all'esterno sono fondamentali.

"Per il momento, il modello turistico tradizionale che conoscevamo è scomparso. Le persone cercheranno esperienze all'aria aperta in gruppi privati ​​e sono molto interessate ad abitudini sane ", ha detto Sánchez. "Stiamo vivendo una crisi enorme che potrebbe trasformarsi in un'opportunità per l'oleoturismo. Il settore offre ciò che le persone richiedono ora ".


Related News

Feedback / suggerimenti