Studio collega obesità e demenza, raccomanda MedDiet

Seguire la dieta mediterranea e altre sane abitudini di vita aiuta le persone a mantenere un normale indice di massa corporea e, a sua volta, riduce i rischi di sviluppare la demenza più avanti nella vita, i ricercatori hanno scoperto.
Giu. 22, 2020
Lisa Anderson

Notizie recenti

Una nuova ricerca dell'University College of London (UCL) ha scoperto che la gestione del peso potrebbe svolgere un ruolo importante nella riduzione del rischio di sviluppare demenza.

Aderire a un programma alimentare sano ed equilibrato, come il Dieta mediterranea, è uno dei modi migliori per mantenere un livello di peso ottimale e mitigare i rischi di sviluppare la malattia del cervello, ha affermato uno dei principali autori dello studio.

Il fatto che i comportamenti dello stile di vita siano modificabili implica che incoraggiare uno stile di vita sano possa prevenire o migliorare i fattori di rischio cerebrovascolari e cardiovascolari sottostanti che potrebbero anche presentare un rischio di demenza.- Dorina Cadar, ricercatrice senior, UCL

"Negli ultimi anni l'adesione ad una dieta in stile mediterraneo ha riscosso notevole interesse nel valutare il suo potenziale ruolo nell'abbassare malattia del cuore, colesterolo alto, obesità, diabete di tipo 2, ipertensione, cancro e malattie cerebrovascolari, inclusa la demenza ", ha detto Dorina Cadar, ricercatrice senior specializzata in demenza presso l'UCL Olive Oil Times.

"Abbiamo scoperto che le persone che avevano un indice di massa corporea (BMI) nella fascia obesa avevano un rischio di demenza superiore del 31% rispetto a quelle con un BMI nella gamma normale, indipendentemente dalla loro età, stato di istruzione, stato civile, fumo, diabete, ipertensione e stato di portatore di apolipoproteina E4 ", ha aggiunto.

Vedi anche: Health News

L'apolipoproteina E è una proteina che aiuta il metabolismo dei grassi nel corpo, con la versione E4 che è il più importante fattore di rischio genetico noto per la malattia di Alzheimer sporadica ad esordio tardivo.

Cadar ha condotto lo studio osservazionale, iniziato nel 2002 e che include dati di 6,582 persone di età pari o superiore a 50 anni. I partecipanti allo studio sono stati monitorati biennalmente e sono ancora osservati.

La ricerca dell'UCL è stata condotta in associazione con il Studio longitudinale inglese dell'invecchiamento.

"Una dieta ben bilanciata è un elemento essenziale di uno stile di vita sano che può essere un fattore di facilitazione nel mantenere un peso ottimale e di successo, invecchiamento sano per la mente, corpo e anima ", ha detto Cadar.

"La dieta mediterranea tende a evitare la carne rossa e prodotti lattiero-caseari che sono la fonte dei grassi più saturi nella tipica dieta occidentale e per abbracciare un consumo modesto di alcol - soprattutto vino - generalmente durante i pasti ”, ha aggiunto.

Oltre a una dieta ben bilanciata, il recente studio ha riscontrato anche altri componenti chiave per il raggiungimento di un normale indice di massa corporea (BMI) esercizio fisico e ridotto consumo di alcol.

"Penso che sia essenziale considerare tutti i comportamenti di uno stile di vita sano in modo olistico. Una dieta sana non è sufficiente se l'esercizio fisico manca nella vita di qualcuno ", ha detto Cadar. "La mia ipotesi è che comportamenti positivi nello stile di vita come il non-fumo, essere fisicamente attivi, scegliere diete più sane, bere con moderazione e ridurre lo stress possano proteggere i nostri cuori e rallentare il declino cognitivo nella vita futura ".

"Il fatto che i comportamenti dello stile di vita siano modificabili implica che incoraggiare uno stile di vita sano possa prevenire o migliorare le condizioni cerebrovascolari e fattori di rischio cardiovascolare che potrebbe anche presentare un rischio di demenza ", ha aggiunto.

Cadar ha detto che è anche possibile che l'associazione tra obesità e demenza possa essere indirettamente causata da altre condizioni, come ipertensione e trattamenti anticolinergici.

Gli anticolinergici bloccano l'azione dell'acetilcolina, una sostanza che trasmette messaggi al sistema nervoso.

Tuttavia, alcuni studi recenti hanno scoperto che l'obesità potrebbe essere considerata un fattore di protezione della salute nelle persone anziane.

"Sebbene sia diventato evidente che l'eccesso di grasso corporeo aumenta il rischio di demenza attraverso le vie metaboliche e vascolari, come presentato nel nostro studio, dobbiamo anche riconoscere che ci sono alcune informazioni contrastanti da studi precedenti che suggeriscono che l'associazione tra obesità e demenza rimane poco chiara o che l'obesità può anche essere un fattore protettivo per la demenza tra gli anziani ", ha detto Cadar.

Ha aggiunto che potrebbero esserci una serie di spiegazioni per questo, con più ricerca attraverso le fasi della vita necessarie.

pubblicità

Cadar ha spiegato che quando l'obesità è vista come protettiva nelle persone anziane, è generalmente perché le persone con diagnosi di demenza hanno perso peso prima della diagnosi.

"Mangiare e bere bene sono importanti per rimanere in buona salute a qualsiasi età ", ha detto. "È probabile che una dieta sana migliori la qualità della vita di una persona ".

Significativamente, lo studio UCL ha rilevato una differenza di genere nel rischio di demenza associato all'obesità.

"È interessante notare che le donne con obesità addominale (una circonferenza della vita alta) avevano un aumento del 39% del rischio di demenza rispetto alle donne senza obesità addominale, ma questa particolare associazione non è stata trovata tra gli uomini ", ha detto Cadar.

I risultati dello studio sono stati pubblicati sull'International Journal of Epidemiology.

A quel tempo, Andrew Steptoe, un coautore dello studio, ha detto che la demenza è una delle principali sfide per la salute dei 21st secolo che potrebbe minacciare il successo dell'invecchiamento. Ha aggiunto che i loro risultati suggeriscono aumento dei tassi di obesità aggraverà il problema.





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti