Produttori del Sud Italia in crisi mentre aumentano le sfide

Dall'estate calda e secca alla carenza di manodopera alimentata dal Covid e alla diffusione incessante della Xylella fastidiosa, molti agricoltori pugliesi si trovano in una situazione di emergenza.

10 nov 2021 10:13 EST
Di Paolo DeAndreis

Notizie recenti

La più grande regione italiana produttrice di olio d'oliva sta attraversando una crisi senza precedenti, che abbraccia scarsità di acqua e manodopera alla diffusione del micidiale patogeno dell'olivo, Xylella fastidiosa.

Oltre a tutto ciò, le associazioni locali hanno denunciato una burocrazia farraginosa attribuita a rallentamenti istituzionali che incidono su compensi e interventi da tempo necessari in Puglia.

Abbiamo sempre affrontato sfide legate alla nostra agricoltura, ma oggi siamo in una cosiddetta tempesta perfetta in cui una serie di eventi sfavorevoli sta abbattendo l'intero settore.- Onofrio Spagnoletti Zeuli, produttore pugliese

"Il stagione di raccolta 2021 sarà ricordata come Via Crucis [faticosamente difficile]”, ha affermato Raffaele Carrabba, presidente della sezione locale della Confederazione italiana agricola (CIA).

Vedi anche: Si stima che siano stati persi 33,000 posti di lavoro per Xylella Fastidiosa in Puglia

Carrabba ha sottolineato come le rese siano ben al di sotto della media, insieme a quelle locali prezzi dell'olio d'oliva. Questi fattori si sono aggiunti alla tensione che molti produttori devono affrontare. Per alcuni, la situazione è stata anche peggiore, con diverse segnalazioni di furti di olive a Bari e Foggia che hanno ulteriormente sottolineato le aziende olivicole locali.

La CIA ha chiesto al governo di consentire agli olivicoltori di assumere cittadini locali che ricevono sussidi di disoccupazione e altre forme di sostegno economico pubblico per aiutare a completare la raccolta.

pubblicità

Gli agricoltori attribuiscono l'attuale carenza di forza lavoro alla lenta risposta delle istituzioni locali alle richieste di intervento inviate dagli agricoltori.

I contadini avvertono anche che a causa del Pandemia di covid-19, molti lavoratori stagionali dell'Est Europa non hanno potuto recarsi nel sud Italia e partecipare alla vendemmia.

Le associazioni locali avvertono che viste le crescenti difficoltà, molti agricoltori stanno abbandonando i propri ulivi.

business-europe-produzione-produttori-nel-sud-italia-in-crisi-come-sfide-mount-olive-times

"Mentre il batterio Xylella fastidiosa è diffondendo in una vasta area in tutta la Puglia meridionale e ora si presenta nella provincia di Bari, molti operai non hanno guadagnato alcun reddito per anni", ha affermato Luigi Visconti, segretario generale del sindacato dei lavoratori di Lecce.

"Considerando solo gli ultimi 12 mesi, gli elenchi ufficiali dei lavoratori agricoli nel territorio leccese [al sud] mostrano una diminuzione di oltre 1,000 lavoratori agricoli registrati”, ha aggiunto.

Più della metà degli italiani olive oil produzione viene dalla Puglia e, visti gli alti costi di produzione, la maggior parte degli agricoltori finisce per vendere il proprio olio d'oliva il prima possibile, qualunque sia il prezzo.

Secondo un'immissione errata dei dati dell'Istituto dei Servizi per il Mercato Agroalimentare (Ismea), l'olio extra vergine di oliva è attualmente in vendita a 5 o 6 euro al litro nei principali mercati. Tuttavia, fonti locali hanno detto Olive Oil Times che un po' di petrolio si vende al di sotto di quel prezzo.

GoFasano, quotidiano locale pugliese, segnalati che i prezzi fissati in molte vendite oscillano attualmente tra i 35 ei 40 euro per 100 chilogrammi, ben al di sotto dei prezzi di quotazione ufficiali.

"Non accetteremo nessuna speculazione sui prezzi dell'olio d'oliva, che è di straordinaria qualità", ha affermato Savino Muraglia, presidente dell'associazione agricola Coldiretti Puglia e un pluripremiato produttore locale.

Vedi anche: La Puglia avverte gli agricoltori delle cure inefficaci della Xylella Fastidiosa

Ha sottolineato ancora una volta come i costi di produzione siano più che raddoppiati nell'ultimo anno "con conseguenze significative sulla filiera produttiva, compresi i coltivatori e i frantoiani, che hanno bisogno di vedere correttamente remunerato il proprio lavoro”.

Muraglia ha aggiunto che è necessario un attento esame del mercato per prevenire la speculazione e proteggere i prezzi all'origine.

pubblicità

Anche alcune delle aree produttive più importanti della Puglia stanno vivendo una significativa riduzione delle rese, indicando che la quantità di olio d'oliva ottenuta dalle olive è inferiore alla media.

Nel Bari e nell'Andria, olive oil proproduzione ha raggiunto una media di 12 o 13 chilogrammi di olio per 100 chilogrammi di olive, molto al di sotto della media di 15 o 16 chilogrammi ottenuti negli ultimi anni.

Gli olivicoltori di Terlizzi, leggermente a nord di Bari, hanno avvertito che i costi di produzione alle stelle, i bassi prezzi dell'olio d'oliva, l'impatto della Xyella fastidiosa e la carenza di forza lavoro stanno portando a molti ritardi nel raccolto.

business-europe-produzione-produttori-nel-sud-italia-in-crisi-come-sfide-mount-olive-times

"Al momento, l'unica soluzione per ridurre e affrontare queste sfide è ritardare la raccolta, con la speranza di ottenere raccolti migliori e prezzi migliori dalle olive ", hanno scritto i Free Farmers di Terlizzi in un comunicato stampa.

"Ma una tale procedura metterebbe a repentaglio la prossima stagione perché le piante subirebbero uno stress vegetativo che potrebbe compromettere la produzione di nuove olive", ha aggiunto il comitato locale.

Secondo Coldiretti, la siccità e i bruschi cambiamenti climatici in molti boschi hanno portato a una diminuzione della produzione del 30%, rispetto alla media del decennio precedente.

Mentre Coldiretti ha aggiunto che qualità dell'olio d'oliva rimane eccezionalmente elevato, ulteriori danni sono causati dalla continua diffusione di Xylella fastidiosa, che sta lasciando una scia di olivi essiccati in sempre più boschetti.

"Quello che stiamo vedendo qui è un numero crescente di alberi che perdono i loro tratti tipici, il loro colore e la vitalità dei loro rami ", ha detto il coltivatore locale Daniel Maiellaro Olive Oil Times. "Molti agricoltori sono tornati anni fa alle migliori pratiche di potatura, ma questo non sembra essere sufficiente per fermare Xyella".

Vedi anche: L'Italia dona 30 milioni di euro ai piccoli e medi produttori

A Brindisi, nel sud-est della Puglia, gli agricoltori avvertono che "il fenomeno interessa ormai tutti gli oliveti, con conseguenze sulla loro produttività e una resa al collasso che in alcune zone può raggiungere il 50 per cento in meno rispetto agli anni precedenti”.

pubblicità

A Lecce, che è leggermente a sud di Brindisi, ha detto Coldiretti, "Xylella fastidiosa ha portato alla perdita di tre olive su quattro e a un crollo del 70% nel 2021 olive oil produzione.”

Ad Ostuni, tra Brindisi e Bari, saranno distrutti altri 1,000 ulivi perché a rischio di essere infettati da Xylella fastidiosa.

Sono stati trovati quasi 100 alberi infetti nel Piana degli Ulivi Monumentali nell'ultima settimana, 86 dei quali ad Ostuni.

La maggior parte degli alberi infetti è stata trovata all'interno delle zone rosse, zone dove il pericolo di contagio è significativamente maggiore. Dal 2013, circa 150,000 ettari di oliveti pugliesi sono stati infettati da Xyella fastidiosa.

Secondo il Sistema Informativo Nazionale Agricolo (SIAN), olive oil produzione in Puglia è diminuita da allora, con diminuzioni fino all'80 per cento a Lecce e altri cali significativi a Taranto e Brindisi.

Si stima che 21 milioni di alberi che si estendono su 8,000 chilometri quadrati, almeno il 40% della regione, siano stati infettati da Xylella fastidiosa.

Secondo Coldiretti Puglia, sono stati piantati nuovi uliveti solo nel 17% delle aree colpite. In quei casi sono state piantate cultivar di olivo resistenti alla Xylella fastidiosa, come Fs- o Leccino.

Complessivamente, sono stati piantati 386,000 olivi resistenti alla Xylella su 3,400 ettari. Tuttavia, gli agricoltori hanno affermato che questi progetti di bonifica non sono sufficienti per rivitalizzare la produzione nel prossimo futuro.

"Il settore olivicolo è ora in una situazione di emergenza", il produttore locale Onofrio Spagnoletti Zeuli raccontato alla rivista AndriaViva. "Molti ora potrebbero dire che abbandoneranno le loro terre, le loro produzioni. Abbiamo sempre affrontato sfide legate alla nostra agricoltura, ma oggi siamo in una cosiddetta tempesta perfetta in cui una serie di eventi sfavorevoli sta abbattendo l'intero settore”.

Nei prossimi giorni si svolgeranno in Puglia e a Roma una serie di incontri di lavoro tra gli stakeholders e le autorità locali e nazionali, focalizzati sulle strategie di recupero del territorio pugliese olive oil procapacità di induzione e limitare la diffusione di Xyella fastidiosa.





Olive Oil Times Video Serie
pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti