Gli olivicoltori italiani soffrono durante la lunga estate di siccità, incendi

Coldiretti stima che gli incendi siano costati al settore agricolo italiano almeno 1 miliardo di euro di danni. Gli olivicoltori danno la colpa al cambiamento climatico per estati più lunghe, più calde e più secche.

Settembre 1, 2021
Di Paolo DeAndreis

Notizie recenti

Le temperature più basse abbinate alle precipitazioni tanto necessarie la scorsa settimana hanno finalmente ridotto il numero di incendi in Italia dopo un'estate calda e secca ha visto numerosi incendi inghiottire il paese.

Da nord a sud, comuni, vigili del fuoco, volontari, agricoltori e olivicoltori hanno lavorato per ridurre i danni arrecati alle colture e alle infrastrutture a causa degli incendi. Diverse persone hanno hanno perso la vita agli incendi.

La vita dipende dall'acqua e non possiamo aspettarci che i nostri ulivi mantengano la loro produzione un tempo abbondante.- Angelo Del Cima, olivicoltore viterbese

La prima associazione di agricoltori in Italia, Coldiretti, ha stimato che gli agricoltori italiani hanno sofferto almeno 1 miliardo di euro nelle perdite dovute agli incendi.

L'associazione ha anche chiesto un risarcimento immediato dopo "decine di migliaia di ettari di boschi e macchia mediterranea ridotti in cenere, con uliveti e alberi carbonizzati, animali morti e pascoli distrutti”.

Vedi anche: Agricoltori algerini in stato di shock dopo una settimana di incendi mortali

Le ripetute ondate di calore nel paese hanno anche aggravato gli effetti della siccità sui raccolti e sui raccolti.

"Per le nostre olive, i problemi sono anche maggiori delle sole alte temperature ", ha detto Angelo Del Cima, perito agrario e agricoltore della provincia di Viterbo, nell'Italia centrale. Olive Oil Times.

"La fioritura degli ulivi in ​​primavera è ora sempre più spesso seguita da alcuni rapidissimi aumenti di temperatura ", ha aggiunto. "Mentre l'olivo è forte e resistente e può resistere a tali eventi, la sua capacità di produzione è pesantemente influenzata da tali bruschi cambiamenti climatici ".

Simile Commenti provengono dagli olivicoltori della regione del Lago d'Iseo in Lombardia, dove i cambiamenti climatici hanno influenzato la fioritura e la maturazione delle olive al punto che molti agricoltori segnalano cadute di frutta.

I coltivatori locali incolpano anche la presenza onnipresente della cimice asiatica marmorata, la cui diffusione è sempre più connesso alla ridotta produzione di olive.

Secondo l'associazione dei produttori, Italia Olivicola, lo stress idrico esercita i suoi effetti non solo sulla maturazione del frutto per il Vendemmia 2021 ma può influire negativamente anche sulla stagione successiva.

Del Cima è tra quei contadini che affiancano l'olivo ad altre colture, come i legumi.

"Ricordo molto bene quando la terra è stata bagnata per 25 giorni a marzo", ha detto. "Ora, negli ultimi anni, i terreni agricoli a marzo sembrano asciutti come lo erano ad agosto”.

Nei giorni più caldi dell'anno, le ondate di calore nelle regioni meridionali come la Sicilia hanno provocato temperature inaudite, fino a 48.8 ºC, una temperatura record in Europa.

Vedi anche: Migliaia di ettari di ulivi ridotti in cenere nel sud della Turchia

Mentre gli esperti concordano sul fatto che temperature così elevate aumentano il rischio di incendi, la Coldiretti ha avvertito che non tutti gli incendi hanno un'origine naturale, a maggior ragione quando si verificano nei boschi.

L'associazione ritiene che molti incendi siano stati accesi intenzionalmente per svalutare i terreni e alimentare la speculazione sul futuro della proprietà.

"Se si considera che sei incendi su dieci sono di origine criminale, la Coldiretti ritiene che... il periodo durante il quale i territori colpiti non possono cambiare la loro destinazione d'uso debba essere aumentato da 10 a 15 anni", ha affermato l'associazione.

La Coldiretti ha chiesto che l'attuale legge contro tali speculazioni includa tutti i pascoli e le terre coltivabili.

Anche il rafforzamento delle misure per prevenire gli incendi boschivi è diventato una priorità assoluta per le amministrazioni locali.

In Toscana, il governo regionale ha vietato di bruciare sterpaglie e resti di ortaggi dalle attività agricole fino al 19 settembre e si prevede che alcune altre regioni seguiranno l'esempio.

Secondo il Segretario Agroalimentare Toscano Stefania Saccardi "un comportamento scorretto, imprudente o superficiale potrebbe comportare gravi danni ambientali sia alle foreste che alla sicurezza dei cittadini e all'economia di tutte quelle attività agricole e turistico-ricettive che vivono nell'ambiente agricolo e forestale. Invitiamo quindi agricoltori e privati ​​a comportarsi con prudenza».

Secondo Coldiretti è arrivato il momento di lavorarci "condizioni economiche e sociali per contrastare l'abbandono della campagna e valorizzare quelle attività di sorveglianza, manutenzione e gestione del territorio svolte dai contadini”.

"Dovremmo anche concentrarci su buone pratiche agricole per prevenire gli incendi ", ha aggiunto Del Cima, riferendosi ai numerosi incendi che sono stati alimentati dall'erba tagliata lasciata dagli agricoltori negli uliveti e in altri terreni agricoli.

"Oggigiorno, molti tagliano l'erba sui loro campi e poi la lasciano lì per diversi buoni motivi, come mantenere l'umidità sul suolo o ridurre l'erosione", ha aggiunto. "Forse è ora che gli agricoltori alternino il manto erboso tagliato, lasciandolo un anno su una porzione del loro territorio e l'anno dopo lasciandolo su una porzione diversa”.

Vedi anche: Ondata di caldo, incendi mortali minacciano l'imminente raccolta delle olive in Grecia

Secondo Marco di Fonzo, capo della divisione speciale dei Carabinieri dedicata alla lotta agli incendi, la sua unità ha individuato 40 cause diverse per questi roghi proprio quest'anno.

"Si va dall'incendio di resti vegetali ai rovi che vengono dati alle fiamme, fino all'atto consapevole degli incendiari, anche se sono solo pochi, e al vandalismo». "È persino successo che alcuni giovani abbiano acceso un fuoco per assistere alle seguenti azioni dei vigili del fuoco”.

Di Fonzo ha aggiunto che il numero degli incendi in Italia "crebbe sostanzialmente, non in maniera estrema. Tuttavia, per numero e dimensioni degli incendi, le regioni più colpite sono la Sicilia e Sardegna. In questo periodo dell'anno, Puglia e anche la Calabria sono piuttosto a rischio”.

E mentre il risarcimento dei danni raggiungerà presto agricoltori e agroalimentari, piogge rare e qualche temporale potente non hanno porre fine all'emergenza siccità, con la terraferma che rimane un facile innesco di incendi.

"Questa è la preoccupazione numero uno. La vita dipende dall'acqua e non possiamo aspettarci che i nostri ulivi mantengano la loro produzione un tempo abbondante ", ha affermato del Cima. "Oggi la siccità è molto peggiore di quella di 20 o 30 anni fa”.

"Nella nostra zona, la scarsità di precipitazioni è la prima linea di evidenza degli effetti di cambiamento climatico", Ha aggiunto. "Mentre qualità dell'olio d'oliva rimane forte, i raccolti di olive diminuiscono di anno in anno".

Sia Coldiretti che la Confederazione Italiana Agricoltori (CIA) sottolineano l'importanza di politiche di gestione dell'acqua più sostenibili e di nuove infrastrutture per la raccolta dell'acqua e delle precipitazioni in tutto il Paese.

Secondo Danilo Misirocchi, presidente della sezione romagnola della CIA, si può fare di più per "attivare nuove aree di raccolta [dell'acqua e delle precipitazioni]” dopo due decenni, in cui molti sforzi hanno messo in chiaro la necessità di infrastrutture migliorate nella regione.

"Le colline sono la parte [della regione Emilia-Romagna] che soffre di più la scarsità d'acqua”, ha disse. "Niente acqua significa niente produzione”.

Coldiretti ha avvertito che gran parte delle colture estive è a rischio anche nel nord Piemonte.

"Siamo passati dal maltempo con acquazzoni disastrosi e tornado a periodi di siccità, tanto che oggi è a rischio il 40 per cento della produzione estiva totale”, ha affermato Roberto Moncalvo, socio Coldiretti della filiale di Cuneo. "Nei primi sei mesi dell'anno nella provincia nord-occidentale di Cuneo sono caduti in media 320 millimetri d'acqua rispetto ai 650 normalmente registrati».

"Una cosa che noto è che le persone che vivono nelle città non sembrano cogliere la gravità del cambiamento climatico", ha concluso del Cima. "Dobbiamo unire le nostre azioni se vogliamo limitare i danni che sono già stati causati".





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti