5.5 milioni di ettari di oliveti tradizionali a rischio di abbandono

Un nuovo rapporto evidenzia la grande trasformazione che sta subendo il settore olivicolo, con i moderni uliveti destinati a sostituire molti di quelli tradizionali.

Settembre 28, 2021
Di Paolo DeAndreis

Notizie recenti

Un numero considerevole di oliveti tradizionali sono trascurati dai proprietari o del tutto abbandonati, secondo le ultime rapporto dall'Associazione Spagnola dei Boschi Tradizionali (Asolite).

Già 1.3 milioni di ettari di boschi tradizionali sono considerati a rischio di abbandono in Spagna. La cifra sale a 5.5 milioni di ettari a livello globale e si prevede che cresca nel tempo.

Il motivo principale dell'abbandono deriva dalla perdita di reddito associata al frutteto tradizionale. Man mano che i frutteti moderni si espandono, molti uliveti tradizionali vengono sostituiti.- Juan Vilar, consulente strategico

Il rapporto, al quale ha contribuito Juan Vilar Strategic Consultants, fornisce dati e considerazioni sulle caratteristiche di un cambiamento decisivo e in corso nell'intero settore.

Vedi anche: Riabilitazione degli ulivi in ​​Aragona per arginare l'esodo rurale della Spagna

I boschetti tradizionali sono in rapida sostituzione da alta densità e super-alta densità boschetti (noti come boschetti intensivi e superintensivi in ​​Spagna), che sono più redditizi a causa dei costi operativi sostanzialmente inferiori.

"Il motivo principale dell'abbandono deriva dalla perdita di reddito associata al frutteto tradizionale", ha detto Juan Vilar Olive Oil Times. "Man mano che i frutteti moderni si espandono, molti frutteti tradizionali vengono sostituiti”.

"Tuttavia, molti di loro si trovano dove la meccanizzazione non è fattibile, come in molte colline o in montagna", ha aggiunto. "Quelli sentiranno sempre più la pressione competitiva proveniente dagli oli extra vergini di oliva prodotti con tecniche moderne.

A livello globale, gli uliveti coprono 11.5 milioni di ettari, occupando più dell'uno per cento della terra coltivabile e rendendola la singola coltura permanente più diffusa al mondo. Di conseguenza, gli autori hanno scritto che gli oliveti impatto sulla biodiversità e l'ambiente non può essere sottovalutato.

Sebbene la definizione vari, i boschetti tradizionali di solito comprendono tra 70 e 120 alberi per ettaro, con una distanza di 10 o 12 metri tra gli alberi. Circa l'84 percento di tutti i boschi tradizionali non è irrigato, gli alberi di solito diventano produttivi cinque o 10 anni dopo la semina e molti hanno più di un secolo.

"Ciò significa che qualunque strategia si possa concepire per stare al passo con il tradizionale frutteto, sarà totalmente diversa dalla portata e dagli investimenti dei frutteti moderni", ha affermato Vilar.

Le piante ad altissima densità possono contenere fino a 3,000 alberi per ettaro, piantate in filari e interamente irrigate.

Mentre i boschetti tradizionali devono essere curati a mano o al massimo con l'ausilio di semplici attrezzi elettrici, i boschetti moderni sono interamente meccanizzati in modo da ridurre drasticamente forza lavoro, ore di lavoro e costi complessivi.

Secondo il rapporto, la produzione globale di olive è compresa tra 17 e 22 milioni di tonnellate, di cui l'86 percento è utilizzato per produzione di olio d'oliva. Negli ultimi 30 anni, la produzione di olio d'oliva è aumentata del 220 percento, passando da 1.46 milioni di tonnellate agli attuali 3.19 milioni.

Negli ultimi 15 anni sono stati impiantati 1.65 milioni di ettari di nuovi uliveti e il numero dei paesi in cui si coltiva l'olivo è passato da 46 a 66. Tutto questo genera oltre 12.5 miliardi di euro e impiega direttamente più di 28.6 milioni di persone.

Mentre circa il 70 percento di tutti gli uliveti del mondo è tradizionale, il cinque percento è stato abbandonato negli ultimi anni. Nel frattempo, il 32% si trova in aree considerate "non meccanizzabile”.

Negli ultimi anni, la quantità di boschi ad alta e altissima densità è cresciuta del 7.4%.

Poiché oggi i frutteti tradizionali rappresentano ancora dal 55 al 60 percento della produzione complessiva di olio d'oliva, i cambiamenti in corso hanno un impatto drammatico sul settore.

Secondo le proiezioni del rapporto, alcuni boschi tradizionali che non possono essere meccanizzati saranno sostituiti da colture più redditizie. Questa tendenza è destinata a crescere e potrebbe portare un equilibrio naturale all'interno del settore, contribuendo anche a un possibile prezzo dell'olio d'oliva recupero.

Vedi anche: Gli olivicoltori intensivi contribuiscono alla desertificazione in Spagna, avvertono gli esperti

Eppure, nella regione spagnola devota all'oliva di Andalusia;, l'80 per cento della forza lavoro nel settore olivicolo lavora con uliveti tradizionali, il che dimostra quanto sia significativo l'impatto che le trasformazioni in corso sono destinate ad avere.

"Molte piccole comunità situate in collina o in montagna hanno prosperato grazie ai frutteti tradizionali", ha affermato Vilar. "Non solo hanno fornito cibo alla gente del posto, ma sono state una fonte di reddito e di attività sociali e culturali”.

"Sono responsabili di un legame speciale tra le persone e la terra e hanno mantenuto le popolazioni locali in terre che altrimenti avrebbero rischiato di essere abbandonate", ha aggiunto.

Il rapporto ha inoltre evidenziato l'importanza dell'erosione genetica degli olivi connessa alle trasformazioni in atto. Il fenomeno della ridotta diversità genetica è associato al numero limitato di cultivar che possono essere coltivate in boschetti ad alta e altissima densità – Sikitita, Arbequina, Arbosana, Koroneiki, Oleana e Leziana.

D'altra parte, i boschetti tradizionali sono piantati con centinaia di cultivar diverse, alcune delle quali endemiche di regioni specifiche. Di conseguenza, questi boschetti dimostrano la diversità genetica della coltura e il ruolo in dozzine di culture locali.

Sono anche la fonte di diversi tipi di olio extra vergine di oliva dal sapore e dalle caratteristiche organolettiche uniche.

"Gli oliveti moderni producono un olio extra vergine di oliva di altissima qualità grazie alla meccanizzazione che consente di raccogliere le olive senza toccare il suolo e trasformarle immediatamente dopo la raccolta ", ha affermato Vilar.

Eppure, l'olio extra vergine di oliva di produzione tradizionale spesso vanta di più polifenoli – potenti antiossidanti in gran parte associati ai molti benefici alla salute di olio extra vergine di oliva – e qualità uniche fortemente legate alle specifiche cultivar.

In diversi paesi europei, la maggior parte dei boschetti tradizionali si trova su piccole proprietà. Molti oli extra vergini di oliva tutelati dagli indicatori geografici provengono da aree relativamente piccole dove crescono specifiche cultivar.

Il rapporto suggerisce la necessità di un nuovo ruolo per i boschi tradizionali, che combattono la desertificazione nelle regioni aride, sequestrano efficacemente l'anidride carbonica e sostengono la biodiversità nell'ambiente circostante.

Inoltre, i boschetti tradizionali richiedono molti meno interventi con pesticidi e fungicidi. Inoltre prevengono l'erosione poiché non vengono utilizzati macchinari pesanti per raccoglierli e promuovono un ricco legame sociale e culturale tra la popolazione e il territorio.

Dato il profilo unico del frutteto tradizionale e il suo ruolo ambientale, scrivono gli autori del rapporto, le sue operazioni dovrebbero essere promosse e sostenute dai governi.

"Il nuovo in arrivo piano nazionale in Spagna e il nuovo europeo Politica agricola comune stanno entrambi facendo un passo avanti in questa direzione, riconoscendo l'importanza dei frutteti tradizionali e stanziando fondi e politiche specifiche per favorire gli agricoltori”, ha affermato Vilar.

La relazione conclude che il finanziamento pubblico dovrebbe essere accompagnato dalla promozione delle qualità degli oli extra vergini di oliva tradizionali, dall'aumento della densità di alberi per ettaro nelle aree in cui l'acqua potrebbe essere disponibile per l'irrigazione e dalla promozione di iniziative come oleotourism.





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti