`La nuova proposta di valutazione dell'indice Med cerca di superare il punteggio Nutri-Score e Nutrinform - Olive Oil Times

La nuova proposta di valutazione dell'indice Med cerca di superare il punteggio Nutri e Nutrinform

Settembre 27, 2021
Paolo DeAndreis

Notizie recenti

Un team di ricercatori italiani ha ideato un nuovo sistema di etichettatura per includere un unico logo sulla parte anteriore della confezione che comprenda le qualità nutrizionali dell'alimento e l'impatto ambientale.

Gli autori del nuovo Med Index hanno affermato che è stato creato per consentire ai consumatori di scegliere il proprio cibo a colpo d'occhio, spingendo anche i produttori a migliorare la qualità e la sostenibilità dei loro prodotti.

Mi sembra una buona soluzione da introdurre in un momento in cui il settore dell'olio d'oliva sta dando tanto in termini di tentativo di educare i consumatori sulle sue qualità.- Elia Pellegrino, presidente Associazione Italiana Frantoi Olivicoli

Il focus del sistema di etichettatura è l'olio extra vergine di oliva e gli alimenti tradizionalmente associati alla Dieta mediterranea.

I ricercatori dell'Università di Bari, in Puglia, ha detto come le attuali piattaforme di etichettatura come punteggio Nutri o l'alternativa italiana Batteria Nutrinform non considerare l'impatto ambientale della produzione alimentare. Hanno anche messo in dubbio i criteri utilizzati da entrambi i sistemi per qualificare il cibo come sano o malsano.

Vedi anche: Centinaia di scienziati sostengono l'adozione del sistema di etichettatura Nutri-Score

"Il team di ricerca multidisciplinare che ha sviluppato Med Index ha evidenziato diverse carenze del Nutri-Score", ha detto Maria Lisa Clodoveo, professore associato presso la scuola interdisciplinare di medicina dell'Università di Bari. Olive Oil Times.

"Nutri-Score valuta il cibo per una dieta ben bilanciata sulla base di campioni da 100 grammi o 100 millilitri. Tuttavia, sappiamo tutti che non tutto il cibo viene consumato nelle stesse quantità", ha aggiunto. "Pertanto, si genera un paradosso per molti prodotti diversi, il cui ruolo in una dieta sana non può essere giudicato sulla base di 100 grammi. Ad esempio, nessuno mangerebbe 100 millilitri di olio extra vergine di oliva o 100 grammi di Parmigiano Reggiano. "

Clodoveo ha affermato che molto è cambiato dalla prima introduzione di Nutri-Score in Francia.

"Negli ultimi anni abbiamo assistito a una significativa accelerazione della conoscenza", ha affermato. "Non si parla più di calorie ma si parla di nutrigenomica e nutrigenetica”.

Il nuovo Med Index colloca l'olio extra vergine di oliva tra gli ingredienti più rilevanti in una dieta sana. In confronto, Nutri-Score valuta l'olio extra vergine di oliva con a "Do giallo” su una scala da "Verde A" per "Rosso E."

La nuova-proposta-valutazione-dell'indice-medico-europeo-mondo-cerca-di-superare-i-tempi-di-nutriscore-e-di-olio-di-oliva-nutrinform

"Stesso giudizio per l'olio di oliva, l'olio di semi e molti altri grassi che non condividono in alcun modo il profilo salutare e unico dell'olio extravergine di oliva e dei suoi polifenoli, attraverso il quale svolge un ruolo nutrigenomico fondamentale", ha affermato Clodoveo.

"Nutri-Score non è quindi scientificamente aggiornato e non tiene in debito conto le ultime ricerche", ha aggiunto.

Agli scienziati italiani il C-rating per l'olio extra vergine di oliva "è sinonimo di mediocrità", ha detto Clodoveo. "Nutri-Score non può dire ai grassi vegetali che contengono polifenoli e quelli che non li contengono.

Tuttavia, Serge Hercberg, lo sviluppatore di Nutri-Score, ha detto Olive Oil Times in una Intervista a luglio 2020 che il punto di Nutri-Score è confrontare elementi nello stesso gruppo di alimenti e non tra gruppi di alimenti.

"[La C per l'olio d'oliva è] il miglior punteggio possibile per i grassi aggiunti e anche per gli oli vegetali", ha detto. "Le raccomandazioni sulla salute pubblica non suggeriscono di consumare olio d'oliva senza limiti, ma incoraggiano i consumatori a favorirlo rispetto ad altri oli vegetali e soprattutto ai grassi animali ".

Anche lo standard italiano, che nasce in alternativa al Nutri-Score, Nutrinform Battery, non convince i ricercatori di Med Index.

È una piattaforma di etichettatura alimentare che ha attraversato un rapido processo di sviluppo che ha coinvolto le istituzioni accademiche competenti. Eppure, disse Clodoveo, "non ha coinvolto il mondo scientifico italiano nel suo insieme”.

"[Nutrinform Battery] utilizza una rappresentazione iconografica, la batteria, al contrario di quanto ci dice il buon senso", ha aggiunto. "Quando pensiamo a una batteria, possiamo associarla completamente carica a piena salute, come fanno molti integratori alimentari nella loro grafica. Nutrinform Battery va nella direzione opposta.”

La nuova-proposta-valutazione-dell'indice-medico-europeo-mondo-cerca-di-superare-i-tempi-di-nutriscore-e-di-olio-di-oliva-nutrinform

Batteria Nutrinform

Il Med Index non parla solo di nutrizione.

"A ricercatori medici, scienziati di chimica degli alimenti, economisti, medici, psicologi e nutrizionisti è stato chiesto di collaborare allo sviluppo di Med Index", ha affermato Clodoveo. "Il risultato è una scala di valutazione colorata che viene distribuita solo 'Buona,' 'meglio' e 'migliori', concentrandosi in particolare sull'olio extra vergine di oliva e sulle altre specialità della dieta mediterranea”.

Il sistema di etichettatura ideato a Bari utilizza una piramide per mostrare quante porzioni sono incluse nella confezione etichettata, quanta attività fisica è necessaria per compensare l'energia fornita dall'alimento e che punteggio ha in termini nutrizionali, ambientali e sociali sostenibilità.

La nuova-proposta-valutazione-dell'indice-medico-europeo-mondo-cerca-di-superare-i-tempi-di-nutriscore-e-di-olio-di-oliva-nutrinform

Foto: Indice Med

Tuttavia, ci sono alcune limitazioni al nuovo sistema di etichettatura. L'Indice Med non include gli alimenti trasformati e ultralavorati, nonché quelli con additivi o coadiuvanti specifici.

"Si ispira ai principi di MedDiet, come il consumo di diversi tipi di alimenti stagionali e di alimenti sottoposti a una lavorazione bassa o nulla", ha affermato Clodoveo. "Abbiamo stabilito una serie di criteri complessi che consentono al consumatore di fare una scelta consapevole in pochi secondi”.

Tra questi criteri vi sono il modo in cui il reddito generato dall'acquisto del cibo è distribuito lungo tutta la filiera produttiva e il livello di parità di genere nella filiera.

La prospettiva di etichettare l'olio extra vergine di oliva all'interno del sistema di rating Med Index è stata accolta con favore dai produttori in Italia.

"Sembra una buona soluzione da introdurre in un momento in cui il settore dell'olio d'oliva sta dando così tanto in termini di tentativo di educare i consumatori sulle sue qualità ", ha detto Elia Pellegrino, presidente dell'Associazione italiana frantoi. Olive Oil Times.

"Finora i consumatori non hanno mostrato un profondo interesse per l'extravergine etichettatura dell'olio d'oliva. Stanno invece facendo la maggior parte delle loro scelte sulla base del prezzo del prodotto", ha aggiunto. "Le nostre speranze sono per un'etichetta semplice, che i consumatori possano facilmente capire".

Secondo Pellegrino, la questione più rilevante per i produttori "è che l'etichetta certifica le qualità uniche dell'olio extra vergine di oliva.

I sostenitori del Med Index hanno spiegato che a causa del Pandemia di covid-19 e l'accelerazione della conoscenza della nutrizione e della protezione dell'ambiente e della biodiversità, l'Unione europea non dovrebbe affrettarsi a mettere in atto il suo standard di etichettatura.

"Ci auguriamo che la scadenza del 2022 per la scelta della piattaforma di etichettatura venga ritardata", ha affermato Clodoveo. "È un passo del Strategia dalla fattoria alla tavola; la decisione che prenderà Bruxelles influenzerà l'Europa almeno per i prossimi 10 anni”.

Secondo i ricercatori, il fatto che un'etichetta proposta come Nutri-Score sia stata adottata solo da pochi paesi e ferocemente contrastato da altri mostra che l'attuale dibattito non è abbastanza inclusivo.

"L'idea di escludere alcuni tipi di cibo da Nutri-Score, come quelle protette dalle denominazioni di origine europee, dimostra ulteriormente che questa proposta non raggiunge i suoi obiettivi", ha affermato Clodoveo.

"Abbiamo bisogno che la comunità scientifica discuta affinché i consumatori capiscano cosa significa l'etichettatura, affinché i responsabili delle politiche valutino ciò che la scienza ha portato in tavola", ha concluso. "È una decisione importante che avrà un impatto sulla produzione e sul marketing agroalimentare”.





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti