Genomica nutrizionale e ruolo della dieta mediterranea nelle malattie cardiovascolari

Le prime ricerche sulla genomica nutrizionale mostrano che la dieta mediterranea e il consumo di olio d'oliva favoriscono cambiamenti molecolari positivi nel corpo.

Può. 4, 2016
Di Jedha Dening

Notizie recenti

Un modello dietetico è costituito da quantità diverse di cibi e bevande che lavorano tutti insieme e in sinergia per fornire benefici per la salute generale. Piuttosto che considerare i singoli nutrienti come soluzioni ai problemi di salute, i ricercatori hanno iniziato a esplorare la somma dei componenti offerti da vari modelli dietetici. Poiché il modello alimentare di un individuo è un elemento ambientale a cui è esposto ogni giorno, tuttavia è sotto il loro controllo modificarlo, un modello alimentare potrebbe essere la scelta più critica per prevenire le malattie croniche dello stile di vita e promuovere un invecchiamento sano.

I Dieta mediterranea (MedDiet) contiene alimenti ricchi di sostanze fitochimiche, vale a dire frutta, verdura e l'abbondante consumo giornaliero di olio d'oliva (OO), che hanno tutti dimostrato di ridurre i sintomi e prevenire il rischio di ipertensione, colesterolo, ictus e rischio cardiovascolare. L'aggiunta di OO, contenente più di composti fenolici 36, rende il modello MedDiet davvero unico e contribuisce in modo significativo ai suoi attributi di salute generali.
Vedi anche: Benefici per la salute dell'olio d'oliva
Tuttavia, sebbene MedDiet sia uno dei modelli dietetici più ampiamente studiati, i meccanismi alla base dei suoi effetti benefici sulla salute sono ancora in gran parte sconosciuti, ed è qui che gli studi di genomica nutrizionale stanno iniziando ad aiutare. La genomica nutrizionale è un campo di ricerca relativamente nuovo che include nutrigenetica, nutri-genomica, nutri-metabolomica e nutri-miRomica. Questa nuova e ampia area di ricerca esplora il modo in cui i nutrienti e i modelli dietetici interagiscono con il nostro genoma e influenzano la nostra disposizione genetica.

Una recente recensione, pubblicata su Nutrients, 2016, mirava a valutare le conoscenze attuali su MedDiet in termini di meccanismi di genomica nutrizionale che potrebbero aiutare a spiegare i benefici di MedDiet nella prevenzione malattia cardiovascolare (CVD).

nutrigenetics

La predisposizione genetica sta emergendo come un'area predominante della ricerca nutrizionale per aiutare a identificare diversi sottogruppi che possono beneficiare di un intervento dietetico più intensivo. È stato dimostrato che diversi genotipi rispondono a diversi modelli dietetici. Pertanto, la nutrigenetica cerca di acquisire una comprensione più profonda dei meccanismi associati alla variabilità individuale.

Ad esempio, i fattori di rischio per CVD associati alla predisposizione genetica includono glucosio a digiuno, colesterolo totale, colesterolo LDL e concentrazioni di trigliceridi in alcuni individui.

Incredibilmente, è stato dimostrato che questi tratti geneticamente predisposti potrebbero essere attenuati dall'adesione al MedDiet. È stato anche dimostrato che questa interazione gene-dieta influenza la lunghezza dei telomeri, un biomarcatore dell'invecchiamento biologico.

Ora sta diventando evidente che modelli dietetici sani come MedDiet innescano varie risposte ai geni. I ricercatori affermando, "Glicemia, profilo lipidico, incidenza di ictus, lunghezza dei telomeri e comportamento alimentare emotivo sono alcune delle caratteristiche che sono state viste essere influenzate dalla predisposizione genetica e dall'adesione alla dieta mediterranea. "

La nutrigenomica

Quest'area di ricerca suggerisce che i nutrienti e i modelli alimentari influenzano l'espressione genica diretta o inducendo modificazioni epigenetiche.

Si suggerisce che gli alti livelli di antiossidanti in MedDiet producano la sua azione protettiva antiossidanti è stato dimostrato che modula l'espressione genica attraverso la regolazione al minimo sia dell'ossidazione che dell'infiammazione. Più recentemente è stato anche scoperto che la dieta può influenzare direttamente e indirettamente il sistema immunitario.

In relazione alla CVD, è stato dimostrato che l'olio extra vergine di oliva (EVOO) aiuta a modulare l'arteriosclerosi, la renina-angiotensina, l'ossido nitrico e la segnalazione di angiopoietina.

Nutri-Metabolomica

Secondo lo studio, "La metabolomica mira a studiare l'intero complemento di piccole molecole (metaboliti) di un sistema ... [Nel corpo umano] esiste un'enorme varietà di metaboliti, inclusi peptidi, lipidi, nucleotidi, carboidrati, amminoacidi e carboidrati ".

In questa fase iniziale della ricerca, molte nuove scoperte nutrizionali sono state fatte a causa della metabolomica. Ad esempio, essere in grado di valutare i modelli dietetici in base al profilo del metaboloma urinario, testare l'adesione e i risultati di determinati modelli dietetici e stabilire biomarcatori che potrebbero offrire un ulteriore livello di personalizzazione nutrizionale basata sul microbiota intestinale.

In questa fase non ci sono conclusioni definitive ma da quanto studiato, il MedDiet influenza tutti gli esiti della metabolomica in senso positivo.

Nutri-miRomics

Nutri-miRomics è un sottoinsieme della genomica nutrizionale che esamina i microRNA e la loro funzione. Secondo lo studio microRNA "sono emersi come i principali regolatori di un gran numero di processi fisiologici tra cui differenziazione cellulare, apoptosi e metabolismo lipidico, e sono stati segnalati per regolare l'omeostasi del glucosio, la funzione cellulare e la segnalazione dell'insulina ".

Una delle principali funzioni dei microRNA è quella di mettere a tacere i loro geni bersaglio, influenzando i regolatori di cui sopra e avendo risultati sulla salute e sulla malattia in generale. Ad esempio, i microRNA sono emersi come regolatori epigenetici nella CVD.

La genomica nutrizionale è un'area di ricerca relativamente nuova e complessa che è anche incredibilmente eccitante. Essere in grado di studiare vari aspetti dei meccanismi molecolari legati alla nutrizione apre molte possibilità per acquisire conoscenza e comprensione della biologia umana e utilizzare interventi dietetici su base più individuale. Le prime prove suggeriscono che MedDiet ed EVOO influenzano entrambi alcuni di questi meccanismi molecolari in modo positivo.

Dato che MedDiet è uno dei modelli dietetici più ampiamente studiati, la genomica nutrizionale potrebbe eventualmente chiarire alcune delle ambiguità che circondano le associazioni e i risultati trovati in studi precedenti.

Certamente, ci sono ancora molte ricerche da fare, ma il futuro della scienza nutrizionale sembra molto eccitante, con la capacità di stabilire un'ottima "dosi ”di schemi dietetici basati sulla predisposizione genetica di un individuo e su altri fattori complessi.


pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti