` I critici di Nutri-Score chiedono la riforma delle valutazioni degli alimenti DOP e IGP - Olive Oil Times

I critici di Nutri-Score chiedono la riforma delle valutazioni degli alimenti DOP e IGP

29 nov 2021 11:45 EST
Paolo De Andreis

Notizie recenti

L'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha annunciato un'indagine su punteggio Nutri su come lo utilizzano alcuni grandi rivenditori e produttori alimentari in Italia.

Secondo l'ente pubblico, "i consumatori potrebbero essere indotti ad attribuire proprietà salutari ai prodotti classificati positivamente da Nutri-Score o Yuka [l'applicazione mobile associata] e quindi fidarsi dell'etichetta e dell'app front-of-pack per fare le loro scelte alimentari”.

(Nutri-Score) boccia l'85 per cento del valore totale di Dop e Igp italiane… Sono prodotti, come formaggi o salumi, che portano con sé il lavoro di generazioni.- Coldiretti, Confederazione Nazionale Agricoltori

L'autorità antitrust ha aggiunto che le etichette Nutri-Score "potrebbero essere percepite come valutazioni sanitarie definitive su uno specifico profilo di prodotto senza alcuna correlazione con le esigenze complessive di un individuo (dieta e stile di vita), la quantità o la frequenza di consumo all'interno di una dieta variata ed equilibrata.

Vedi anche: L'Associazione degli Esportatori di Creta rifiuta Nutri-Score

L'inchiesta antitrust arriva sul talloni di forti critiche dal governo italiano il cui ministro dell'Agricoltura Stefano Patuanelli ha chiamato Nutri-Score "un sistema che mira a condizionare il consumatore invece di informare il pubblico”.

La nuova inchiesta è stata accolta anche dalla principale associazione di agricoltori italiani, Coldiretti.

pubblicità

L'associazione ha avvertito che l'eventuale implementazione di Nutri-Score a livello nazionale ed europeo sarebbe influenzare profondamente le vendite delle specialità alimentari italiane attualmente tutelate con Denominazione d'origine protetta (DOP) e Indicazione geografica protetta (IGP).

"Olio extravergine d'oliva, Parmigiano Reggiano, Prosciutto di Parma e Gorgonzola sono solo alcune delle eccellenze Made in Italy prodotti rifiutati dall'etichetta colorata che si sta facendo strada in tutta Europa», scrive Coldiretti.

Nonostante la recente raffica di critiche, il sistema di etichettatura di origine francese è stato adottato da diversi paesi europei, tra cui Germania e Francia.

Nutri-Score è anche ampiamente considerato il favorito tra i sistemi di etichettatura che la Commissione Europea sceglierà per diventare l'etichetta ufficiale front-of-pack (FOPL) dell'Unione Europea entro la fine del 2022.

Secondo Coldiretti, Nutri-Score "rifiuta l'85 per cento del valore complessivo delle DOP e IGP italiane, quelle che l'Unione Europea dovrebbe invece tutelare e valorizzare, soprattutto durante la Pandemia di covid-19. "

"Sono prodotti, come i formaggi oi salumi, che portano con sé il lavoro di generazioni, prodotti la cui ricezione non può essere alterata», ha aggiunto Coldiretti.

Nutri-Score valuta il cibo in base a un campione di 100 grammi o 100 millilitri. Prende in considerazione il contenuto calorico, grasso, zucchero e sale dell'alimento. Gli alimenti sono etichettati con un colore e una scala di lettere che vanno dal più sano "Verde A "fino al "Rosso E."

business-europe-critics-of-nutriscore-demand-reform-to-ratings-of-dop-and-pgi-foods-olive-oil-times

Nei panni del creatore di Nutri-Score Serge Hercberg detto Olive Oil Times in 2020, l'UFPL ha lo scopo di consentire ai consumatori di confrontare prodotti appartenenti alla stessa categoria alimentare.

Ad esempio, Nutri-Score etichetta l'olio extra vergine di oliva con a "Yellow C”, il miglior punteggio per il grasso commestibile.

Riferendosi a questo "C gialla ", ha detto Stefano Caroli, presidente dell'Associazione degli operatori oleifici pugliesi (AFP), Stefano Caroli Olive Oil Times, "in questo momento delicato, non abbiamo bisogno che Nutri-Score ci dica che l'olio d'oliva non fa bene alla salute.

"Si potrebbe addirittura pensare che qui ci siano interessi in gioco per non far emergere sul mercato alcuni ottimi prodotti italiani», ha aggiunto. "Per il futuro dell'Italia e per il futuro delle prossime generazioni si può solo sperare di poter dare il giusto valore a una cultura e un patrimonio alimentare che tanto rappresenta. Siamo riusciti a farlo per molti prodotti, non ancora per l'olio extra vergine di oliva”.

pubblicità

Coldiretti ha anche affermato che si stanno verificando problemi nei paesi che hanno già adottato Nutri-Score.

L'associazione degli agricoltori ha citato la recente decisione di una commissione del Senato spagnolo di chiedere al governo di sospendere l'implementazione di Nutri-Score nel paese fino a quando l'Unione Europea non nominerà il suo sistema di etichettatura ufficiale.

La commissione Salute e Consumi del Senato ha dichiarato di aver approvato la mozione per evitare "incertezze per le aziende del settore alimentare e confusione per i consumatori”.

Nella mozione, i senatori spagnoli hanno chiesto al governo nazionale di lavorare a livello europeo per concordare una norma armonizzata che promuova i prodotti Dop e Igp.

Secondo il quotidiano ABC, i sostenitori della mozione della commissione del Senato hanno affermato: "migliaia di medi e piccoli produttori… vedono il loro futuro in pericolo”.

Vedi anche: Studio: il sistema di etichette Nutri-Score non scoraggia il consumo di olio d'oliva

Mentre i senatori hanno affermato di non considerare un sistema di etichettatura degli alimenti un male per l'industria, hanno aggiunto che resta da vedere se Nutri-Score sia la soluzione più efficace.

Secondo i sostenitori, diversi elementi chiave del Dieta mediterranea sono penalizzati da Nutri-Score mentre altri prodotti come "patatine o hamburger delle catene di fast food” spesso ottengono un punteggio migliore.

Inizialmente, il governo spagnolo aveva pianificato di introdurre Nutri-Score all'inizio del 2021, ma il il piano era opposto dal settore dell'olio d'oliva.

Pochi mesi fa, il ministro del Consumo Alberto Garzón ha affermato: "l'olio d'oliva fa bene alla salute e non può avere un'etichetta che dica che fa male. Inoltre, ha rassicurato il settore che Nutri-Score non sarebbe applicabile a olive oil procondotti.

pubblicità

Il dibattito sull'applicazione del Nutri-Score agli alimenti DOP e IGP sta suscitando polemiche anche in Francia, primo Paese ad adottare l'UFPL.

Il ministro dell'Agricoltura Julien Denormandie ha recentemente chiesto modifiche al modo in cui Nutri-Score valuta il cibo.

Secondo il ministro, che ha anche sottolineato che sbarazzarsi di Nutri-Score non è la soluzione, il sistema di etichettatura non dovrebbe penalizzare i prodotti Dop e Igp.

Le dichiarazioni del ministro arrivano poco dopo che la Confederazione Generale del Roquefort, una delle più famose associazioni di produttori di formaggi DOP francesi, chiesto di essere esentato da Nutri-Score e

In un'intervista con AgriCulture, Denormandie ha affermato che la metodologia Nutri-Score dovrebbe essere adattata in modo che "non viene fuori che valuta i nostri formaggi e le nostre DOP come negativi”.





Olive Oil Times Video Serie
pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti