La distruzione degli ulivi in ​​Cisgiordania è un attacco alla sovranità palestinese, dicono gli attivisti

Il vandalismo arriva in un momento in cui la produzione di olio d'oliva palestinese è minacciata dalla costante acquisizione di territori in Cisgiordania da parte di Israele.
Getty Images
Agosto 12, 2020
Pia Koh

Notizie recenti

L'olivo - un simbolo dell'identità palestinese - è sotto attacco da parte di Coloni israeliani, sostiene Burhan Ghanayem, co-presidente di Voices for Justice in Palestine, un'organizzazione per i diritti umani.

Secondo i monitor delle Nazioni Unite, più di 4,000 ulivi e altre colture arboree sono stati bruciati o rimossi da coloni e soldati israeliani dall'inizio del 2020.

L'obiettivo è, ok, hai distrutto 100 alberi, ne pianteremo altri 100. È solo che non lasceremo andare. È una forma di resistenza.- Burhan Ghanayem, co-presidente, Voices for Justice in Palestine

L'episodio registrato più di recente di atti di vandalismo negli oliveti palestinesi è arrivato il mese scorso quando circa 30 ulivi sono stati bruciati vicino alla città di Nablus, famosa per il suo storica industria della produzione di sapone all'olio d'oliva.

Ha detto Ghanayem Olive Oil Times che gli ulivi, per i palestinesi, non sono semplicemente una fonte di reddito, ma indicano anche la proprietà della terra.

Vedi anche: Nonostante le sfide, la produzione di sapone continua in Cisgiordania

"So che ciò che possediamo ora erano gli ulivi e la terra del nonno, e mio padre li ha ereditati ", ha detto Ghanayem. "Mio nonno mi diceva che l'ha ereditato da suo padre, quindi posso sapere con certezza che mio bisnonno, mio ​​nonno e mio padre sono i proprietari del nostro oliveto ".

pubblicità

Il vandalismo arriva in un momento in cui la produzione di olio d'oliva palestinese è minacciata da Israele costante acquisizione del territorio in Cisgiordania. Anche i palestinesi hanno accusato Israele di tentando di minare il mercato palestinese dell'olio d'oliva.

La distruzione degli ulivi in ​​Cisgiordania non è una novità. In un Discorso di 1974 all'Assemblea Generale delle Nazioni Unite, il leader politico palestinese Yasser Arafat lo ha dichiarato "il terrorismo si alimentava di odio e questo odio era diretto persino contro l'olivo nel mio paese, che è stato un simbolo orgoglioso e che ha ricordato loro gli abitanti indigeni della terra, un ricordo vivente che la terra è palestinese. Così hanno cercato di distruggerlo. "

Dall'epoca del discorso di Arafat, si stima che i coloni israeliani, nel tentativo di sviluppare insediamenti, costruire strade e costruire nuove infrastrutture, abbiano sradicato o bruciato più di un milione di ulivi.

Le autorità israeliane hanno affermato che alcuni di questi uliveti rappresentano una minaccia per la sicurezza locale. Un comandante delle forze di difesa israeliane, il colonnello Eitan Abrahams, ha affermato che gli ulivi vengono rimossi "per la sicurezza dei coloni ”, sostenendo che gli alberi proteggono uomini armati palestinesi o lanciatori di pietre.

"Nessuno dovrebbe dirmi che un ulivo è più importante di una vita umana ", ha detto Abraham.

Tuttavia, Ghanayem vede la distruzione degli alberi palestinesi come un modo per gli israeliani di cercare di erodere l'identità palestinese e costringerli a cedere più terra a Israele.

I palestinesi piantano ogni anno circa 10,000 nuovi ulivi in ​​Cisgiordania, la maggior parte dei quali sono di varietà produttrici di petrolio.

"La mia famiglia ha piantato migliaia di alberi negli ultimi 10-15 anni ", ha detto. "L'obiettivo è, ok, hai distrutto 100 alberi, ne pianteremo altri 100. È solo che non lasceremo andare. È una forma di resistenza. "





Related News

Feedback / suggerimenti