Il mistero dietro l'alto prezzo dell'olio d'oliva libanese risolto

L'industria petrolifera libanese sta affrontando un'altra minaccia: le importazioni a basso costo stanno invadendo il mercato.

Giu. 29, 2017
Di Hannah Anain

Notizie recenti

Il Libano è benedetto da una terra bella e fruttuosa e da un clima mite che è perfetto per la coltivazione di olive e molte altre colture che aiutano l'economia della nazione a prosperare.

Tuttavia, questi fattori naturali non sono sufficienti all'industria agricola per prosperare da sola e offrire ai suoi lavoratori una vita dignitosa: oltre a condizioni naturali favorevoli, l'industria agricola ha bisogno del sostegno finanziario del governo per sopravvivere e prosperare. Sfortunatamente, il sostegno di cui l'industria libanese dell'olio d'oliva ha bisogno da parte del governo non è stato dato e di conseguenza sta soffrendo gravemente.

Il governo è totalmente assente quando si tratta del settore agricolo e in particolare dell'olio d'oliva.- Adel Oewis, agricoltore olivicolo libanese

Secondo Adel Oewis, un agricoltore di olio d'oliva e il capo della cooperativa a Zgharta, "Il governo è totalmente assente quando si tratta del settore agricolo e in particolare dell'olio d'oliva ... Il Libano è inondato di olio d'oliva importato a un prezzo più basso da altri paesi. Quello che vogliamo dal governo è proteggere la nostra produzione e anche garantire mercati di esportazione per il petrolio che produciamo ".

Gli agricoltori libanesi hanno chiesto al governo di proteggere l'industria agricola locale interrompendo o limitando l'importazione di prodotti come l'olio d'oliva prodotti localmente. Il capo dell'Associazione contadina libanese, Antoine Howayek, ha espresso sentimenti simili a Oewis, affermando che, "Dovremmo porre fine al contrabbando in corso dalla Siria e da altri paesi nel tentativo di proteggere il settore ".

La mancanza di protezione è stata dannosa sia per l'industria agricola che per gli stessi agricoltori: in alcune parti del Libano come Kfeir, gli agricoltori si affidano esclusivamente alla produzione di olive e olio d'oliva per vivere e il contrabbando ha causato circa l'80% delle persone in tali aree per immigrare altrove.

pubblicità

Howayek ha anche fornito statistiche sorprendenti: ci sono 59,000 ettari di terra in Libano che producono circa 75,000 tonnellate di olive e "Se consideriamo che 50,000 tonnellate di olive vanno alla produzione di olio, allora dovremmo avere oltre 10,000 tonnellate di olio d'oliva annuo prodotto localmente ”, ha detto.

Tuttavia, delle quasi 10,000 tonnellate di olio d'oliva esportate in 2016, molte non erano in realtà olio d'oliva libanese. Molti commercianti non esportano olio d'oliva prodotto localmente, stanno infatti acquistando prodotti di contrabbando dalla Siria e dalla Tunisia a prezzi più convenienti per esportarlo in altri paesi e non esiste un sistema per impedirlo o confermare che le esportazioni sono in realtà olio d'oliva libanese .

Di conseguenza, gli agricoltori libanesi sono bloccati con un'eccedenza di olio d'oliva alla fine del loro raccolto ei commercianti finiscono per massimizzare i loro profitti vendendo prodotti più economici a prezzi più alti.

La Blominvest Bank ha studiato le sfide che deve affrontare l'industria libanese dell'olio d'oliva, affermando che, "L'alto costo del Libano per la produzione di olive ha conseguenze negative per la sua competitività nei mercati nazionali e internazionali. Per compensare questo vincolo, il Libano importa petrolio a basso costo da altri paesi produttori di olio d'oliva del Mediterraneo, dove il costo di produzione è molto più basso. Tali importatori ottengono profitti dagli imbottigliatori, che mescolano petrolio importato a basso prezzo con petrolio libanese per ridurre i costi e vendere sia sui mercati nazionali che su quelli internazionali ", ha affermato.

"Il Libano non impone requisiti di tracciabilità o etichettatura per quanto riguarda l'origine, rendendo più semplice la miscelazione di olio importato dall'estero che potrebbe essere di qualità inferiore ", ha concluso Blominvest, concludendo infine che, "Il governo dovrebbe fornire sostegno finanziario poiché trasformare un mulino tradizionale in uno automatizzato può costituire un investimento considerevole a seconda della capacità e della sofisticazione ".



pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti