Venticinque mulini in Cina sono riusciti a produrre tonnellate 5,000 di olio d'oliva quest'anno secondo il Consiglio oleicolo internazionale citando fonti ufficiali, un aumento del 75 percentuale rispetto alla stagione precedente.

La produzione di olio d'oliva nel paese più popoloso del mondo impiegava circa 15,000 persone, principalmente nelle province di Gansu, Shaanxi e Sichuan. È stato riferito che la quantità di terra dedicata alla produzione di olive ammonta a 86,000 ettari.

La produzione interna rappresenta circa il 12 percento delle attuali esigenze del paese, con le importazioni lo scorso anno vicine alle tonnellate 36,000, ha affermato il CIO nel suo August newslet­ter. La maggior parte delle importazioni proveniva dalla Spagna (percentuale 81), seguita e dall'Italia (percentuale 13).

Il consumo di olio d'oliva in Cina rimane estremamente ridotto rispetto ad altri mercati importanti come gli Stati Uniti, ad esempio, che importa volte 10 tanto olio d'oliva dall'estero.

In altre notizie del CIO, la Tunisia è diventata il primo paese ad attuare il nuovo Accordo internazionale sull'olio d'oliva e le olive da tavola, uno sviluppo non sorprendente dopo la recente elezione del tunisino Abdellatif Ghedira come direttore esecutivo del CIO.



Commenti

Altri articoli su: , , ,