Brexit, cattivi raccolti causano picchi nei prezzi dell'olio di oliva

I cattivi raccolti in Europa e l'incertezza conseguente al voto sulla Brexit hanno causato picchi di prezzo del petrolio fino al 20 per cento nel Regno Unito.

Gennaio 26, 2017
Di Stav Dimitropoulos

Notizie recenti

Il referendum sull'adesione all'Unione Europea nel Regno Unito, o Brexit, ha influenzato non solo il mondo della politica e dell'economia europea, ma anche il mondo dell'oro liquido, con i consumatori di olio d'oliva britannici che ora sperimentano picchi di prezzo dell'olio d'oliva fino al 20 percento.

Le importazioni nel Regno Unito dall'Europa dovranno sopportare gli effetti del 'nessun voto.- Jamie Johnson, FJP Investment

"Il prezzo dell'olio d'oliva non è aumentato a causa del picco del valore dell'euro rispetto alla sterlina. Dal 24 giugnoth risultato ha sbalordito il mondo, abbiamo visto il tasso di cambio aumentare i costi di acquisto dall'Europa di almeno il 10% ", ha detto Jamie Johnson, CEO di FJP Investment Olive Oil Times.

La rivista specializzata The Grocer ha riferito che una bottiglia 500ml di olio d'oliva a marchio privato ora costa £ 0.35 in più a Sainsbury's a £ 2.35 e £ 0.20 in più a Tesco a £ 2.20. Anche l'olio extra vergine di oliva Sainsbury di 500ml è aumentato di £ 0.10p a £ 2.35, e il suo olio extra vergine di oliva biologico di 500ml a marchio privato è aumentato dell'20 percento sia in Sainsbury che in Tescos, facendo tornare indietro il consumatore £ 3.00 .

A parte i più ampi effetti collaterali della Brexit, uno dei motivi principali per cui i prezzi dell'olio d'oliva sono aumentati è la scarsa raccolta in Italia e in Grecia.

In Italia, i produttori hanno visto la loro produzione scendere a 230,000 tonnellate in 2015 rispetto alle tonnellate 350,000 prodotte in 2014 a causa principalmente delle infestazioni da mosca delle olive. Per lo stesso rason, la Grecia, che ha prodotto una media di tonnellate 300,000 negli ultimi due anni, probabilmente non supererà le tonnellate 200,000 quest'anno.

pubblicità

Mentre la produzione di due dei principali attori nel mercato globale dell'olio d'oliva è diminuita, la domanda di olio d'oliva nel Regno Unito è salita alle stelle. Dalle 6,200 del 1990, la domanda britannica di olio d'oliva è salita a 65,000 tonnellate nel 2015, con un ineffabile aumento del 763 percento.

Anche se è vero che c'è abbastanza olio d'oliva in generale per compensare i numeri, sembra che ci sia un particolare interesse da parte del consumatore britannico per alcuni segmenti del mercato dell'olio d'oliva, ha spiegato Johnson.

"Ad esempio, qualcuno abituato ad acquistare la stessa marca di olio d'oliva negli ultimi dieci anni subirà probabilmente il colpo all'aumento dei prezzi. E mentre il prezzo è importante, il prodotto è altrettanto importante.

"Possiamo concordare sul fatto che tutto l'olio d'oliva non è lo stesso e con ciò è importante differenziare le regioni del mondo che producono olio d'oliva. Naturalmente, tutti sentiamo il pizzico e tutti abbiamo un prezzo da pagare prima di cambiare a causa dei prezzi. Certamente resisterei al cambio dell'olio d'oliva a livello del consumatore fino a quando i prezzi diventeranno troppo irragionevoli. "

A parte l'attaccamento con il marchio favorevole, il principale fattore in gioco potrebbe essere il tasso di cambio, ed è per questo che i consumatori britannici stanno improvvisamente vedendo il costo dei beni più alto rispetto a prima della Brexit, ha ripetuto Johnson:

"Sebbene non vi siano garanzie su dove stia andando il tasso di cambio, per il momento tutte le importazioni nel Regno Unito dall'Europa dovranno sostenere gli effetti di un No Vote dalla Brexit. "



Related News