Affari

California Olive Ranch annuncia l'espansione

Un'iniezione di $ 35-milioni di equità viene utilizzata per aggiungere più di ettari 2,000 di campi di fattoria, infrastrutture aggiuntive, personale, ricerca e sviluppo, ha rivelato la società.

California Olive Ranch
Agosto 27, 2018
Di Daniel Dawson
California Olive Ranch

Notizie recenti

California Olive Ranch ha annunciato che entro la fine dell'anno pianterà 2,200 acri di ulivi.

La società ha già investito parte dell'investimento azionario da $ 35 milioni ha ricevuto alla fine dell'anno scorso nel progetto. Secondo il CEO Gregg Kelley, questo sarà il più grande progetto di piantagione di ulivi in ​​California e negli Stati Uniti.

"Queste nuove piantagioni arrivano in un momento cruciale per l'intero settore ”, ha affermato Kelley. "Con il passare degli anni, assistiamo a una tendenza al rialzo della domanda dei consumatori. Aumentando il nostro livello di produzione, siamo più facilmente in grado di soddisfare tale esigenza. "

Disse Kelley Olive Oil Times che questi nuovi alberi sono stati coltivati ​​in vivai domestici e, "fornirà abbastanza petrolio per soddisfare la domanda annuale dei nostri cinque maggiori clienti ".

I nuovi alberi saranno piantati nelle contee di Butte, Fresno, Kings, Merced e Yolo. Tra le varietà che verranno piantate ci sono Arbequina, Arbosana e Koroneiki.

pubblicità

"Dedicheremo inoltre una notevole quantità di nuove superfici alla sperimentazione e alla sperimentazione di diverse varietà ”, ha affermato Kelley.

Nuove piantagioni di California Olive Ranch

Patricia Darragh, direttrice esecutiva del California Olive Oil Council, ha accolto con favore la notizia di più ulivi e ha affermato che qualsiasi tipo di espansione che consente di aumentare produzione di olio d'oliva andrà a beneficio della California.

"Questa è una buona notizia per l'industria ", ha detto Olive Oil Times. "Il COOC sostiene l'espansione in California poiché la domanda di olio extra vergine di oliva californiano non è mai stata così grande. "

Secondo Darragh, la California fornisce ora il 7.9 percento della quota di mercato dell'olio extra vergine di oliva degli Stati Uniti, con un aumento di quasi l'uno percento da dicembre 2017. È probabile che ulteriori acri contribuiranno ad aumentare la quota di mercato dello stato e mitigare gli effetti degli anni meno produttivi .

In termini di prezzo che i clienti pagheranno al supermercato, né Darragh né Kelley credono che la nuova superficie avrà un grande impatto. Invece, entrambi sostengono che il clima e la domanda dei consumatori hanno molte più probabilità di provocare fluttuazioni dei prezzi.

"Anche se non sono a conoscenza di considerazioni sull'aumento dei prezzi nel complesso [dal progetto del Comitato], stiamo prevedendo un rendimento inferiore al normale per questo prossimo raccolto che potrebbe influire sui prezzi ", ha affermato Darragh.

Kelley ha affermato che l'espansione e gli investimenti azionari hanno consentito sia al California Olive Ranch di creare più posti di lavoro di raccolta, produzione e amministrazione, sia di espandere le infrastrutture di macinazione dell'azienda.

"Abbiamo aumentato il nostro team con sede negli Stati Uniti del 20 percento solo nell'ultimo anno, con aumenti previsti per il prossimo futuro ", ha affermato.

Kelley ha rifiutato di commentare quanto dei 35 milioni di dollari siano già stati spesi per l'aumento della superficie, ma ha detto che il resto sarebbe stato utilizzato per investire nei coltivatori locali di olivi, olio d'oliva biologico produzione, ricerca e sviluppo e agricoltura rigenerativa.

La partecipazione è stata fornita da a "grande investitore istituzionale con sede negli Stati Uniti "e investitori esistenti. Rimane il più grande del suo genere nel settore dell'olio extra vergine di oliva nazionale.





Related News