Affari

COVID-19 infligge € 2 miliardi di perdite al settore dell'olio d'oliva italiano

La principale associazione italiana di agricoltori attribuisce la maggior parte delle perdite alla chiusura del settore alimentare nazionale durante la pandemia e un precipitante calo del turismo.
Giu. 13, 2020
Paolo DeAndreis

Notizie recenti

Il settore dell'olio d'oliva italiano ha perso € 2 miliardi ($ 2.25 miliardi) durante i mesi del Covid-19 blocco, secondo l'associazione degli agricoltori italiani, Coldiretti.

Il gruppo ha recentemente pubblicato i suoi dati dettagliati sulle ricadute economiche della pandemia, che ha colpito decine di migliaia di piccoli e grandi produttori di olio d'oliva in tutto il paese.

Abbiamo bisogno di un impegno pubblico rilevante per riavviare le esportazioni, con uno straordinario piano di comunicazione sull'olio d'oliva. - Ettore Prandini, presidente, Coldiretti

Gran parte del danno economico è dovuto alle misure di contenimento del coronavirus, incluso l'arresto dei servizi alimentari. Tuttavia, anche il settore è stato devastato dalla caduta prezzi dell'olio d'oliva e dal crollo del turismo - un importante canale di vendita per i produttori medi e piccoli del paese.

Coldiretti ha anche avvertito che è probabile che queste perdite continuino poiché i prezzi dell'olio d'oliva rimangono bassi e i ristoranti, case coloniche e la maggior parte delle altre località turistiche lottano per tornare alle normali operazioni, a causa del flusso ridotto di visitatori.

Guarda anche: Aggiornamenti COVID-19

In una nota, Coldiretti ha avvertito dell'importanza della contrazione economica per "un settore in Italia che comprende oltre 400,000 aziende agricole dedicate, che operano con 533 varietà di olive e 250 milioni di olivi per produrre il maggior numero di Denominazione di origine protetta e Indicazione geografica protetta oli extra vergine di oliva in Europa ".

pubblicità

Dati i numeri coinvolti, ha sottolineato Coldiretti, le conseguenze potrebbero estendersi oltre i confini immediati del settore. L'associazione ha sostenuto che anche i dati sull'occupazione nelle imprese collegate e gli impatti a lungo termine sull'ambiente costituivano un rischio.

Solo in Calabria, che è il la seconda più grande regione produttrice di olio d'oliva nel paese, le perdite per il settore e per le imprese legate alla produzione e distribuzione di olio d'oliva hanno raggiunto i 400 milioni di euro (452 ​​milioni di dollari).

Con 470,000 acri di oliveti, la Calabria rappresenta oltre il 30 percento della produzione italiana di olio d'oliva. La produzione di olio d'oliva rappresenta anche circa il 36 percento della produzione agricola totale della regione.

"I prezzi pagati ai produttori sono diminuiti del 44 percento, numeri che non sono stati registrati dal 2014 ", ha detto Coldiretti. "Un fenomeno dovuto alla presenza sul mercato mondiale di scorte abbondanti di vecchio olio d'oliva spagnolo. "

Coldiretti ha sostenuto che i prezzi in Italia stavano diminuendo a causa delle importazioni di olio d'oliva spagnole che hanno inondato il mercato italiano. L'associazione ha aggiunto che gran parte dell'olio verrebbe etichettato come olio d'oliva italiano senza alcuna chiara indicazione della sua vera origine.

Per contrastare gli effetti di questa crisi attuale, Coldiretti ha proposto a "salvare il progetto olive ”alle autorità nazionali e locali, nonché a quelle coinvolte nella produzione e vendita di olio d'oliva.

Il progetto prevede una serie di misure, come un accesso semplificato ai fondi già assegnati per l'ammodernamento del settore dell'olio d'oliva o un "burocrazia flessibile per certificare la qualità dei prodotti, tra cui DOP e IGP, qualità biologica e SQNPI. "

Lo SQNPI è uno schema di certificazione inteso ad aggiungere valore ai prodotti agricoli, dimostrando sulla loro etichetta che tali prodotti sono stati realizzati in conformità con le normative locali.

Altre misure proposte comprendono l'acquisto di olio extra vergine di oliva per le famiglie bisognose e l'uso obbligatorio di oli d'oliva italiani nelle mense pubbliche.

Coldiretti ha anche chiesto nuovi fondi per i produttori di olio d'oliva per compensare il calo delle vendite e fondi specifici per le scorte di olio di oliva certificato DOP e IGP che sono state invendute.

Coldiretti ha anche chiesto alle autorità locali e nazionali di collaborare al fine di coordinare meglio le esportazioni di olio d'oliva.

"Abbiamo bisogno di un impegno pubblico rilevante per riavviare le esportazioni, con uno straordinario piano di comunicazione sull'olio d'oliva ", ha affermato Ettore Prandini, presidente dell'associazione. "Ciò è ancora più necessario ora che le esportazioni italiane di olio d'oliva potrebbero presto essere colpite dal nuove tariffe prese in considerazione del presidente degli Stati Uniti Donald Trump a seguito della continua disputa con l'Unione europea sul settore aeronautico ".

L'associazione italiana dell'industria olearia (ASSITOL) ha precedentemente avvertito che tali tariffe potrebbero è costato al settore $ 200 milioni per anno.





pubblicità

Related News