I produttori croati interrogano il ministro sulla politica agricola comune

Il ministro dell'Agricoltura ha parlato ai produttori premiati del piano strategico nazionale del paese per il settore agricolo e ha ascoltato le loro preoccupazioni.
Marinko Petkovic
Giu. 19, 2021
Marinko Petkovic

Notizie recenti

Il ministro dell'agricoltura croato ha presentato ad alcuni dei principali produttori dei paesi una bozza di piano strategico per attuare il nuova politica agricola comune.

Insieme con riconoscere i risultati record dei produttori croati al 2021 NYIOOC World Olive Oil Competition, Marija Vučković e Anita Sever-Koren, direttrice della direzione della politica agricola, hanno detto ai produttori che la nuova PAC offrirà maggiori vantaggi ai produttori più piccoli.

Tuttavia, Vučković ha avvertito che la PAC non avrebbe risolto tutti i problemi dei produttori e che avrebbero dovuto lavorare insieme per ottenere alcuni cambiamenti.

Vedi anche: La nuova PAC offre molte opportunità per gli olivicoltori italiani

Ha sottolineato che il Pandemia di covid-19 avevano dimostrato la loro dipendenza dal settore dell'ospitalità e della ristorazione.

Mentre i fondi del pacchetto di aiuti per l'emergenza Covid hanno aiutato molti agricoltori croati a rimanere a galla durante la crisi, sono necessarie nuove tecnologie e associazioni di produttori più forti per rafforzare il settore.

"Non c'è sviluppo rurale senza persone e non c'è agricoltura biologica senza cibo biologico, o i suoi produttori", ha detto, ma ha aggiunto che solo il 12 percento - da 15,000 a 16,000 famiglie su 180,000 - è attualmente nel sistema.

Ha affermato che gli agricoltori che lavorano in modo informale dovrebbero entrare nel sistema, sottolineando che altrimenti sarebbe più difficile per loro ottenere benefici dalla PAC.

Sever-Koren ha affermato che il sistema stabilito dalla precedente PAC sarebbe stato riformulato. Attualmente, il 30% del sostegno va solo al 1,324% dei beneficiari, ovvero 81,000 agricoltori. Ha aggiunto che più agricoltori riceveranno una quota maggiore di benefici in futuro. Gli agricoltori con più di - ettari di terra vedranno tagliare i loro sussidi.

Marija Vučković, ministro dell'agricoltura croato

I terreni agricoli in Dalmazia, Zagora o Istria sono di grande interesse per gli olivicoltori, che lamentavano di avere un accesso limitato ai prestiti bancari per finanziare l'acquisto di terreni.

Il ministro ha risposto che nuove leggi erano in fase di elaborazione in tre regioni della Dalmazia – Imotski, Drniš e Konavle – come progetto pilota per affrontare la questione.

Tomislav Duvnjak, il produttore dietro Vodice DOO chi ha aiutato? organizzare produttori dalmati ed è principalmente accreditato per il loro travolgente successo al 2021 NYIOOC, ha avvertito che il processo richiederebbe troppo tempo, richiedendo ai coltivatori di compilare centinaia di documenti. Ha detto che la lunghezza e la difficoltà del processo avevano già indotto alcuni produttori della regione a non preoccuparsi.

Duvnjak ha aggiunto che i produttori di tutta la Croazia dovevano prestare maggiore attenzione all'etichettatura dei loro oli d'oliva. Sosteneva che il miglioramento delle etichette le avrebbe rese più competitive sui mercati esteri.

Diverse obiezioni alla difficoltà di fare affari in Istria, principalmente a causa di numerose barriere amministrative, sono state mosse da Tedi Chiavalon di Dignano. Ha sottolineato che a causa del potenziale dell'olio d'oliva nazionale nel mondo, gli olivicoltori cercano uno status speciale per i loro prodotti o programmi speciali per sostenerli poiché la coltivazione dell'olivo diventa sempre più difficile per la penisola a causa degli effetti di cambiamento climatico.

Chiavalon ha aggiunto che i produttori sono in ritardo rispetto ai concorrenti in Italia e Spagna. Collabora con 28 olivicoltori in Istria, ma questa cooperazione finora non ha prodotto un vantaggio di mercato abbastanza considerevole.

Damir Buntic, un altro coltivatore della regione di Vodice, ha avvertito che la mancanza di un'associazione centralizzata per l'olio d'oliva nel paese ne stava ostacolando lo sviluppo. Ha avvertito che il settore non sarebbe andato avanti se gli uliveti in tutta la regione non fossero stati completamente contabilizzati.

Altri produttori hanno affermato che c'è un problema crescente con l'irrigazione degli uliveti, che arriva nonostante la loro affermazione che cinque fiumi in Croazia scorrano direttamente nel mare Adriatico e forniscano molta acqua.

In termini di produzione che va in Raccolta delle olive 2021, Mirko Krtelić, della Valle degli Ulivi vicino a Nadin, ha affermato che si aspettava di perdere il 25% del suo raccolto a causa della siccità che quest'anno ha seccato molti dei suoi alberi.

Secondo l'Ufficio centrale di statistica, la Croazia ha prodotto 40,278 ettolitri di olio d'oliva nel 2020, una diminuzione del 9.5 percento rispetto al 2019, ma circa il sette percento al di sopra della media mobile quinquennale.


pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti