Europa

Differenze di colza e olio d'oliva esaminate al congresso "Olearum"

Olearum, un'associazione no-profit, celebra il suo congresso annuale 9th a Jaén, in Spagna. I membri, i residenti di Jaén e anche alcuni partecipanti internazionali hanno mostrato di partecipare ai seminari e di conoscere i benefici dell'olio di oliva sulla colza.

Aprile 16, 2016
Di Alexis Kerner

Notizie recenti

Negli 1970, il piccolo Paco Lorenzo Tapia attraversava il frantoio di suo nonno a Monda, a Malaga e mangiava pane appena sfornato dal panificio di famiglia. Sebbene non ne fosse a conoscenza, la sua infanzia avrebbe in seguito svolto un ruolo importante nella sua vita e nella conservazione della cultura dell'olio d'oliva.

Paco ha continuato a diventare un medico, prestando particolare interesse per l'impatto che la nutrizione e la dieta mediterranea ha sulla nostra salute. Tuttavia, ciò che ha reso unico Lorenzo Tapia è il suo profondo apprezzamento per la storia e il patrimonio culturale che circonda la dieta mediterranea e l'olio d'oliva.

Ha detto Olive Oil Times che è stata questa gioia che lo ha portato a pubblicare un libro intitolato Museos del Aceite en España (Musei dell'olio in Spagna). Dopo aver effettuato ricerche e viaggi in siti emblematici in giro per la Spagna, ha capito l'importanza di preservarli e promuoverli, nonché di collegare le persone che li avevano in loro possesso. Con questa idea in mente, nel 2007 ha fondato Olearum come associazione senza scopo di lucro che riunisce produttori, mugnai, specialisti e professionisti dell'olio d'oliva per difendere e sensibilizzare sull'olio d'oliva e sulla sua storia.

Olearum ora ha oltre X membri 30 che hanno tutti dimostrato una dedizione speciale per l'olio d'oliva e lavorano per uno scopo comune. Gli obiettivi dell'associazione sono di conservare e conservare l'inventario dei siti del patrimonio; promuovere la cultura dell'olio d'oliva e dei suoi prodotti; difendere l'olio d'oliva di qualità; stabilire una collaborazione internazionale e nazionale; cooperare con scuole, organizzazioni governative e stampa per educare il pubblico; e riconoscere individui o gruppi dedicati alla promozione degli obiettivi di Olearum.

Per raggiungere questi obiettivi, Olearum organizza diverse attività per i membri, nonché per giovani e meno giovani. I partecipanti possono godere di eventi gastronomici, oleoturismo, fiere dell'olio d'oliva, gite in campagna e molto altro.

La scorsa settimana, Olearum ha tenuto il suo 9th Congresso annuale. Ogni anno si svolge in un luogo diverso. Nel 2020, il gruppo prevede di andare in Giappone con il membro Tomiko Tanaka, ma quest'anno i membri si sono riuniti vicino a casa a Jaen, in Spagna.

L'evento ha incluso seminari sulla produzione di olio d'oliva artesiano, una mostra d'arte, documentari sugli uliveti e molti oratori interessanti.

Uno di questi oratori è stato Jose Juan Gaforio Martinez, che è il direttore del Center for Advanced Studies on Olive Groves and Olive Oil dell'Università di Jaén. La gente arrivò fino a Londra per venire a sentirlo parlare degli effetti sulla salute di colza (olio di colza) e olio d'oliva.

Ha iniziato raccontando al pubblico un uomo peruviano che ha detto che gli era stato detto che non avrebbe mai dovuto friggere con olio d'oliva perché può causare il cancro. È stato anche affrontato da un famoso chef che ha dichiarato che usa solo olio di cocco a causa del suo alto punto di fumo. Molti partecipanti hanno riconosciuto questi punti che sono spesso fatti in tutto il mondo.

La verità, spiegò Gaforio, non importa davvero. È la percezione che i consumatori hanno in tutto il mondo e le storie che credono vere. Spetta ai professionisti dell'olio d'oliva aiutare a educare i consumatori in modo che possano fare scelte sane sulla base di prove scientifiche e anni di studi.

L'industria del canola presenta vari punti di marketing. Confronta il loro olio con l'olio d'oliva e afferma che la colza ha meno grassi saturi, è più ricca di omega 3 e ha un punto di fumo più alto per friggere.

Gaforio ha fatto un caso forte per l'olio extra vergine di oliva. Ha affermato che l'olio d'oliva non ha livelli significativamente più alti di grassi saturi rispetto alla colza.

Ha continuato dicendo che, sebbene, l'olio di canola abbia quantità più elevate di omega 3 e omega 6, che sono grassi polinsaturi che non rimangono stabili sotto il calore. Il consumo di troppo omega 6 può anche portare a un'infiammazione nel corpo. D'altra parte, l'olio d'oliva è più basso in Omega 3 e 6. Contiene livelli più alti di acido oleico, che è un grasso monoinsaturo omega 9 che non si degrada rapidamente quando riscaldato. Gli oli ricchi di omega 3 e 6, ha spiegato Gaforio, sono meglio consumati crudi.

Contrariamente alla voce che l'olio d'oliva ha un basso livello di fumo, può prendere il calore. Non solo per il suo contenuto in omega 9 resistente al calore (acido oleico) ma perché gli oli extra vergini e vergini di oliva contengono antiossidanti (fenoli) che aiutano a proteggere l'olio dall'ossidazione quando la temperatura aumenta. Il punto di fumo dell'olio extra vergine di oliva può arrivare fino a 400 ° F (205 ° C) rispetto alla colza a 455 ° F (235 ° C). Al contrario, la temperatura necessaria per friggere è di circa 356 ° F (180ºF).

Nel caso in cui i partecipanti non fossero convinti di passare dall'olio di canola all'olio di oliva vergine, Gaforio ha concluso il suo discorso mostrando forti prove scientifiche che hanno dimostrato più volte i benefici per la salute dell'olio extra vergine di oliva.

Dopo l'evento, i membri si sono goduti il ​​pranzo in un ristorante locale dove alcuni dei i migliori oli d'oliva di Jaén furono messi in tavola per esaltare la cucina tradizionale di Jaénense. Mentre il pane appena sfornato veniva strappato in piccoli pezzi per immersione, nessuno si lamentava che non esistesse il canola.


Related News