La Corte UE concede il mandato per abbattere gli alberi vicino a quelli infettati da Xylella

La Corte di giustizia dell'UE ha affermato che la Commissione può chiedere agli Stati di rimuovere tutte le piante che possono essere infettate dalla Xf, anche quando non ci sono sintomi di infezione, quando tali piante si trovano nelle vicinanze di piante già colpite.

xf55
Giu. 10, 2016
Di Ylenia Granitto
xf55

Notizie recenti

La Corte di giustizia dell'UE ha affermato che la Commissione europea potrebbe richiedere agli Stati membri di rimuovere tutte le piante che possono essere infettate da Xylella fastidiosa (Xf) batterio se si trovano nelle vicinanze di piante già colpite, anche quando non ci sono sintomi di infezione.

La rimozione di piante infette, anche in presenza di incertezza scientifica in materia, è giustificata dal principio di precauzione.- Corte di giustizia dell'UE

Secondo l' giudizio, "lo Stato membro interessato, entro un raggio di 100 m intorno alle piante che sono state testate e risultate infette dall'organismo specificato, rimuove immediatamente: le piante ospiti, indipendentemente dal loro stato di salute; piante infettate dall'organismo specificato; piante che mostrano sintomi indicativi di una possibile infezione da parte di quell'organismo o sospettati di essere infettati da quell'organismo. " Inoltre, esso "deve eseguire adeguati trattamenti antiparassitari contro l'organismo vettoriale specificato e le piante che possono ospitare vettori. Tali trattamenti possono comprendere, se del caso, la rimozione di piante. "

In una procedura accelerata, la Corte ha confermato la validità del Decisione della Commissione che imponeva l'obbligo di rimuovere tutte le piante ospiti entro un raggio di 100 metri intorno alle piante infette. Poiché l'obbligo di applicare trattamenti fitosanitari appropriati potrebbe includere: 'a seconda dei casi », la rimozione delle piante, un sistema di compensazione per gli agricoltori non è attualmente previsto dalla misura, ma non può tuttavia essere escluso.

I giudici lussemburghesi hanno chiarito che, sebbene i pareri scientifici non abbiano ancora dimostrato l'esistenza di una certa connessione causale tra la Xylella e l'essiccazione degli ulivi, "tuttavia esiste una correlazione significativa tra quel batterio e la patologia manifestata dagli ulivi. In questo senso, l'adozione di misure precauzionali come l'eliminazione delle piante infette, anche laddove vi sia incertezza scientifica in materia, è giustificata dal principio di precauzione ".

La Corte ha anche affermato che la rimozione delle piante situate in prossimità di piante infette è rigorosamente 'proporzionato ", considerando l'adozione da parte della Commissione, nel 2014, di misure più leggere che non sono riuscite a impedire la diffusione del batterio. Inoltre, "l'adozione di misure meno onerose non è possibile, poiché attualmente non esiste alcun trattamento che possa curare le piante infette in pieno campo ".

Il Lussemburgo, tuttavia, ha avvertito che in caso di nuovi dati scientifici da cui emerge che non è più necessario tagliare le piante ospiti, la Commissione dovrebbe modificare le misure.

A dicembre procura a Lecce ordinato un sequestro di tutti gli ulivi previsti per la rimozione nel piano di emergenza, che ora deve decidere se conservare o revocare.

"Convocherò martedì prossimo una task force per valutare gli effetti di questa sentenza ”, ha detto il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, che dopo la riunione di martedì intende confrontarsi con la Procura di Lecce e il Ministero dell'Agricoltura. "Sulla base della posizione italiana che emergerà da tali convocazioni richiederò un incontro con le massime autorità dell'Unione Europea ”, ha annunciato Emiliano.

Come previsto, la sentenza ha suscitato proteste tra gli agricoltori che lottano per la salvaguardia delle loro piante.


pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti