L'Italia rafforza le sanzioni per la frode dell'olio d'oliva

Il governo italiano ha approvato le modifiche a un progetto di decreto legislativo che avrebbe decriminalizzato le sanzioni per la contraffazione. La nuova misura prevede nuove sanzioni amministrative e introduce un sistema di tracciabilità.

Può. 16, 2016
Di Ylenia Granitto

Notizie recenti

Il Consiglio dei Ministri ha approvato un decreto recante disposizioni in materia di sanzioni per la violazione di Regolamento UE n. 29/2012 relativo alle norme di commercializzazione dell'olio d'oliva e Regolamento CEE n. 2568/91 sulle caratteristiche degli oli di oliva e dell'olio di sansa di oliva e sui metodi pertinenti.

Siamo convinti che il governo abbia rettificato il decreto e confermato le accuse penali introdotte dal 'salvare la legge del petrolio.- Colomba Mongiello

Con questa convalida, il governo ha implementato le modifiche che i Comitati Agricoltura e Giustizia hanno fornito a progetto di decreto legislativo a dicembre ciò avrebbe declassato le sanzioni per la contraffazione di olio d'oliva e che avrebbe destato preoccupazione tra gli agricoltori e i consumatori italiani.

L'azione ha completato le misure previste dalla Legge 9 gennaio 14, n.2013 (cd 'save oil 'law) e prevede, secondo una dichiarazione del governo, sanzioni amministrative per la mancata visualizzazione di un'indicazione di origine e di altre informazioni che devono apparire visibilmente sulla confezione.

Sono state inoltre introdotte sanzioni amministrative per la tenuta irregolare dei registri. Il governo lo ha chiarito "l'area di intervento sanzionatoria amministrativa è ancora limitata al settore non coperto dalla legge penale, a cui è riservata la repressione di qualsiasi tipo di frode alimentare ".

L'imposizione delle sanzioni previste dal decreto è affidata all'Ispettorato centrale per la protezione della qualità e repressione delle frodi dei prodotti alimentari (ICQRF) del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali e le competenze assegnate dalla normativa vigente alle autorità i responsabili dell'accertamento delle violazioni rimangono invariati.

Il decreto risponde ad un quadro normativo che attua un sistema di tracciabilità, indispensabile per la lotta alle frodi nel settore oleario.

"Siamo soddisfatti del fatto che il governo abbia rettificato il decreto e confermato le accuse penali introdotte dal 'salvare la legge sul petrolio ", ha affermato il vicepresidente della Commissione parlamentare sui fenomeni di contraffazione e pirateria, Colomba Mongiello, che ha sottolineato l'importanza strategica del settore dell'olio d'oliva e del commercio agroalimentare made in Italy.

Le associazioni dei consumatori hanno apprezzato la misura: "Abbiamo finalmente ottenuto un sistema sanzionatorio, mirato alla veridicità delle informazioni in etichetta, che dà maggiori garanzie. La protezione dell'oro verde italiano è fondamentale per salvaguardare la filiera e il consumatore ”, ha affermato Matteo Pennacchia, del gruppo di consumatori Codici.


pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti