Le cooperative spagnole si incontrano a Córdoba

Le principali cooperative spagnole si sono riunite all'inizio di questa settimana per discutere dei punti di forza e di debolezza della loro collaborazione e della produzione stimata.

Novembre 14, 2016
Di Alexis Kerner

Notizie recenti

Le principali cooperative spagnole si sono riunite all'inizio di questa settimana a Córdoba all'incontro tecnico per le cooperative agroalimentari dell'Andalusia per discutere i punti di forza e di debolezza della loro collaborazione, nonché le stime di produzione previste per l'anno.

Durante l'incontro, tutti i rappresentanti delle cooperative presenti hanno convenuto che per ottenere un vantaggio competitivo devono unire le forze e lavorare sulle tattiche per gestire al meglio la catena di fornitura e le strategie per commercializzare i loro prodotti. In questo modo, credono che saranno meglio preparati a difendere gli interessi e aumentare le vendite. Tuttavia, hanno anche ammesso che dovevano lavorare su come collaborare al meglio. Con più cooperative, arrivano più opinioni. C'è già stato un certo disaccordo e alcuni membri sono andati persi.

Le grandi cooperative presenti durante gli incontri includevano Dcoop, Jaencoop e NYIOOC vincitori del premio Almazaras de la Subbetica, Oleoestepa e Olivar de Segura.

Álvaro Olavarría, direttore generale di Oleoestepa, ha offerto consulenza da decenni di dedizione della sua azienda per raggiungere elevate capacità produttive in grado di rispondere alle esigenze delle esportazioni.

José Luis García, direttore generale di Olivar Segura, ha sottolineato che è necessario continuare a informare i consumatori sulle caratteristiche e le varietà dell'olio d'oliva. Il Interprofesional del Aceite de Oliva Español ha e continuerà a lavorare su questo obiettivo con campagne internazionali.

Passa a Pro.
La newsletter per i professionisti dell'olio d'oliva.

Insieme, queste cooperative producono quasi 465,000 tonnellate di olio d'oliva ogni anno, 37 percento della produzione nazionale e 17 percento del totale globale.

Cristóbal Gallego, rappresentante delle cooperative agroalimentari di olio d'oliva dell'Andalusia e presidente della Federazione di Córdoba, ha riferito che i rendimenti di olio di quest'anno del raccolto hanno dimostrato un calo da 2 a 3 punti rispetto alla campagna precedente.

Ha continuato confermando le stime andaluse di produzione intorno a 1,108,000 tonnellate e una media nazionale compresa tra 1,300,000 e 1,350,000 tonnellate. Sebbene siano un po 'brevi, ha osservato che questi numeri rientrano nel limite minimo necessario per rispondere alle richieste e garantire un mercato stabile.

La produzione mondiale ha visto una diminuzione del 7% attribuita a rese inferiori in Italia, Grecia, Portogallo, Tunisia, Siria e Marocco. Con un calo inferiore rispetto alla media mondiale, la Spagna e, ancor di più, l'Andalusia si troveranno con un vantaggio esportativo questo raccolto.



Related News

Feedback / suggerimenti