Filippo Berio I consumatori ricevono il pagamento di 50 Cents per bottiglia per porre fine a querela

I consumatori certificati di olio d'oliva Filippo Berio che hanno dichiarato di essere stati indotti in errore nell'acquisto dell'olio d'oliva "Importati dall'Italia" riceveranno un pagamento di 50 per bottiglia, ma gli avvocati dell'attore possono chiedere al tribunale fino a $ 1 milioni di tasse.

Gennaio 20, 2017
Di Stav Dimitropoulos

Notizie recenti

Un gruppo di consumatori che ha affermato di essere stato ingannato al momento dell'acquisto di olio d'oliva Filippo Berio 'Le etichette di Imported From Italy hanno chiesto questa settimana a un tribunale federale della California di dare l'approvazione iniziale a un accordo preliminare con gli importatori del marchio, Salov North America Corp e Italfoods, Inc.

Filippo Berio, con sede nel New Jersey, è il terzo marchio di olio d'oliva negli Stati Uniti, con vendite di 137.4 milioni di dollari in 2015.
Vedi anche: Salov North America Class Action
Secondo i termini della proposta, i membri della classe certificati riceveranno un pagamento di soli 50 centesimi per ogni bottiglia di olio d'oliva che hanno acquistato, mentre gli avvocati dell'attore possono chiedere al tribunale fino a $ 1 milione di spese legali da Filippo Berio, come affermato nell'ordine proposto.

A maggio 23, 2014 a Causa di 29 pagine è stato presentato contro Salov. L'attore principale era una donna californiana, Rohini Kumar, che ha affermato che Salov ha commesso una frode facendo affermazioni fuorvianti che l'olio d'oliva Filippo Berio era stato importato dall'Italia sulla parte anteriore dell'etichetta dell'olio, mentre la piccola stampa sul retro dell'etichetta indicava che alcune olive venivano coltivate e molite in altri paesi (Tunisia, Grecia e Spagna).

Secondo la denuncia, il "Importato dall'Italia ”la dichiarazione sull'etichetta era una chiara violazione delle pratiche commerciali del 1930 Tariff Act, 19 USC § 1304 (a).

Kumar ha iniziato a abito di classe contro Salov nel Tribunale Federale della California del Distretto settentrionale nel luglio 2014. Nella stessa causa di azione di classe, Kumar ha anche sostenuto che Salov ha commesso una frode ingannando i clienti nel ritenere che l'olio fosse extra vergine. Una volta potrebbe essere stato extra vergine, ha affermato la denuncia, ma sarebbe degenerato dal momento in cui ha raggiunto il consumatore a causa del fatto che era stato confezionato in bottiglie trasparenti che causavano ossidazione quando esposto alla luce solare.

Successivamente, Salov ha respinto le affermazioni di Kumar presentando una triplice mozione. La prima affermazione secondo cui Kumar non era legittimato a intentare l'azione è stata respinta dalla Corte il 3 febbraio 2015. Il giudice distrettuale Yvonne Gonzalez Rogers ha dichiarato: "La possibilità di un futuro infortunio è sufficientemente sostenuta se l'attore incontrasse le stesse dichiarazioni oggi e non potesse essere più sicuro che fossero vere. "

Anche la seconda affermazione della Salov secondo cui Kumar non aveva alcuna intenzione di utilizzare la pretesa di frode extravergine perché non aveva mostrato un pregiudizio, è stata respinta. Il giudice ha deciso che Kumar non aveva bisogno "dimostrare che la particolare bottiglia di olio che aveva acquistato si era, in effetti, degradata al punto da non essere extravergine ", e citò il giudice Seeborg in un caso simile: "Ogni consumatore che acquista olio extra vergine di oliva ha diritto a ricevere olio che soddisfa tale definizione in base alla progettazione, non al caso. "

La Corte ha continuato a respingere la terza affermazione di Salov secondo cui Kumar non era legittimata perché aveva acquistato un solo prodotto e aveva presentato reclami contro una vasta gamma di prodotti. "Questa è una questione da considerare nella fase di certificazione della classe, non nella fase di difesa ”, ha stabilito la Corte.

Alla fine, la Corte ha trovato adeguate specifiche di cattiva condotta per la fase della causa, anche se ha deciso a favore di Salov che non vi è stata violazione del contratto e che la richiesta di Kumar di violazione del patto di buona fede e di equità non è stata sufficientemente sostenuta.

Avanzando rapidamente fino a gennaio 2016, il giudice distrettuale statunitense Yvonne Gonzalez Rogers ha permesso a Kumar di abbandonare le sue richieste relative al presunto prodotto "qualità extra vergine ”e, invece, per enfatizzarla 'Importato dalle etichette italiane.

Due mesi dopo, tuttavia, in una dichiarazione in cui affermava che Kumar non aveva prove sufficienti che avesse persino comprato una bottiglia di Filippo Berio, Salov fece una mozione per archiviare la causa collettiva, che fu seguita da una mozione della querelante.

Allo stesso modo, Salov ha affermato che entrambi i consumatori e Kumar mancavano delle prove che avevano interpretato male 'Importato dall'Italia "significa che l'olio di oliva Filippo Berio è stato prodotto solo da olive italiane, come definisce il dizionario "importato "come anche "spedito fuori. "

A sostegno di questa affermazione, Salov ha indicato una dichiarazione sul retro delle bottiglie di olio d'oliva vicino al "meglio entro "data, che era un disclaimer che rivelava che l'olio d'oliva proveniva da diversi paesi.

Il giudice ha poi detto che i membri della classe potevano presentare la prova di acquisto su una dichiarazione di rivendicazione di azione collettiva.

Salov ha anche affermato che l'onestà e la credibilità di Kumar erano in gioco a causa della sua convinzione di guida ubriaca e della sua conoscenza con un avvocato della ditta che la rappresentava in questo caso.

Il giudice Gonzalez Rogers ha dichiarato che sia le accuse di guida ubriache sia la sua amicizia personale con un avvocato erano irrilevanti per il caso in esame.

Nell'estate di 2016, il giudice Rogers alla fine certificato i consumatori di Filippo Berio che ha acquistato olio di oliva di qualsiasi grado tra maggio 2010 e giugno 2015 (il Giudice non ha certificato una specifica varietà biologica). Dopo la certificazione, l'azienda e i membri della classe hanno portato la causa alla mediazione, dove hanno stabilito i termini che avrebbero portato agli accordi. Questi hanno affermato che la società avrebbe dovuto rimuovere 'Importato dall'Italia ”dalle sue etichette e scrivere solo 'Importato ", mentre Salov ha accettato di non utilizzare il 'Importato dall'Italia sulle sue etichette per un minimo di tre anni.

Quindi, per il momento, ogni membro della classe di liquidazione può presentare un reclamo per 50 centesimi per prodotto Filippo Berio acquistato, con un minimo garantito di $ 2 di reclami validi, mentre i membri devono produrre la prova di acquisto per i prodotti di importo superiore a $ 5.

D'altra parte, gli avvocati di Kumar possono ricevere circa $ 982,500 da Salov per le spese legali, in conformità con l'ordine proposto.


pubblicità

Related News