Perché i prossimi tre mesi potrebbero decidere il futuro per gli agricoltori dell'Australia occidentale

Le condizioni di bagnato in 2016 hanno portato a coltivazioni di olive inferiori alla media per gli agricoltori dell'Australia occidentale. Con i prossimi tre mesi un periodo critico, molti sperano in migliori risultati, ma restano a rischio a causa della mancanza di assicurazione.

Gennaio 19, 2017
Di Mary Hernandez

Notizie recenti

Dopo mesi di maltempo e rovesci torrenziali nei mesi più importanti dell'olivicoltura di 2016, gli olivicoltori nell'Australia occidentale sperano che l'inizio di 2017 sia secco, al fine di combattere le perdite subite dalle condizioni umide dell'anno prima.

L'Australia, nel suo insieme, ha vissuto diversi mesi di condizioni di umidità nel 2016, qualcosa che si è rivelato un vantaggio per gli allevatori ma una maledizione per molti coinvolti nell'agricoltura. E mentre le attuali condizioni meteorologiche sono ottimali, molti agricoltori continuano ad essere ad alto rischio di enormi perdite a causa della mancanza di assicurazione.
Vedi anche: Copertura completa della raccolta delle olive 2016
Ci sono circa 1.5 milioni di ulivi solo nell'Australia occidentale, che prosperano meglio con temperature secche, da moderate a calde e funzionano male in condizioni meteorologiche estreme. Nelle aree in cui la pioggia è solitamente scarsa, un'interruzione dei normali schemi di pioggia può anche causare problemi di raccolto incoerenti.

Gli olivicoltori sono stati costretti a raccogliere le loro colture in anticipo a causa del clima caldo e umido sperimentato nel primo trimestre dell'anno scorso e avevano rendimenti più bassi da mostrare per questo.

Il clima eccessivamente umido e caldo porta a una maturazione precoce, creando una cattiva allegagione e distruggendo i tessuti vegetali. Le prime e forti piogge vengono assorbite dalle olive che si gonfiano e cadono dall'albero, e l'umidità persistente può portare gli alberi a sviluppare muffe fuligginose, un rivestimento polveroso nero che avvolge l'albero, contaminando il frutto e il suo olio e impattando negativamente la capacità dell'albero di fotosintetizzare.

Mentre le forti piogge si rivelano utili per lo stesso boschetto, non promettono bene per la riuscita produzione di olio d'oliva. Nei casi in cui le olive si rovinano, alcuni agricoltori portano capre selvatiche per consumare le olive troppo mature bagnate d'acqua che tappezzano il pavimento dell'oliveto.

Nonostante i risultati dello scorso anno, gli agricoltori sono ottimisti su 2017, con la produzione agricola generale destinata a superare i $ 60 miliardi per la prima volta, in parte grazie all'aumento delle esportazioni di bovini e ovini. Il tempo umido che provoca il disastro per gli olivicoltori è uno dei vantaggi per gli allevatori, in quanto aumenta la quantità di alimenti naturali in crescita per i loro animali.

Un altro motivo di ottimismo è che la richiesta di clima caldo sembra essere probabilmente ascoltata, con l'ufficio di meteorologia che prevede temperature superiori a 45 ° C (113 ° F) in alcune parti dello stato. Tuttavia, gli esperti raccomandano ancora caldamente che gli agricoltori sottoscrivano un'assicurazione, poiché i dati attuali mostrano che solo l'uno per cento degli agricoltori australiani ha una copertura.

Questo livello basso potrebbe essere attribuito al fatto che gli agricoltori australiani pagano percentuali di imposta di bollo superiori al 10% sui loro premi assicurativi. Inoltre, la maggior parte delle polizze assicurative multipericolo (che vengono stipulate all'inizio di ogni stagione agricola come salvaguardia contro la perdita dell'intera stagione) non coprono eventi naturali come inondazioni e piogge abbondanti.

Un'alternativa è l'assicurazione dell'indice, che copre gli eventi verificati dai dati dell'ufficio meteorologico, ma questa politica è impopolare con alcuni sottoscrittori a causa dell'elevato volume di pagamenti che ha subito nel corso degli anni.



pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti